FotogalleryNotizie autoSeatVideo

Storia Seat, 70 anni del marchio spagnolo

Seat festeggia 70 anni. La storia del marchio spagnolo dalle prime 600 su licenza alle ultime auto ibride ed elettriche, monopattini e scooter elettrici Seat Urban Mobility.

La casa automobilistica Seat festeggia 70 anni di storia. Il viaggio del marchio spagnolo è iniziato il 9 maggio 1950, quando ha democratizzato la mobilità in Spagna. Da quel giorno la crescita è stata costante ed oggi è l’unica casa automobilistica che disegna, sviluppa, produce e commercializza auto in Spagna, il primo investitore industriale in R&D del Paese, di cui rappresenta l’1% del PIL e da cui esporta l’80% delle vetture.

Stabilimento Seat Zona Franca

Seat ha aperto le porte dello stabilimento di Zona Franca nel 1953 con una produzione giornaliera di 5 vetture (le Seat 1400) e, dopo 40 anni passati a produrre modelli iconici per la storia del marchio, l’azienda ha deciso di costruire un nuovo sito produttivo più grande e moderno, spostando così la produzione da Barcellona a Martorell a partire dal 1993.

Stabilimento Seat a Barcellona
Stabilimento Seat a Barcellona

Per realizzare lo stabilimento furono stanziati 244.500 milioni di pesetas (1.470 milioni di Euro). Inaugurato per il lancio della seconda generazione della Seat Ibiza, raggiunse una produzione di 1.500 unità al giorno. Oggi sono tre i centri di produzione in Spagna: Barcellona, El Prat de Llobregat e Martorell, da cui escono 2.300 unità al giorno tra Ibiza, Arona e Leon.

Inoltre Seat produce inoltre i SUV: Ateca in Repubblica Ceca, Tarraco in Germania, Alhambra in Portogallo mentre in Slovacchia la Mii electric, prima auto 100% elettrica del marchio. La Seat ad oggi ha prodotto oltre 19 milioni di vetture.

Seat 600D del 1963
Seat 600D del 1963

L’attività di esportazione è iniziata nel 1965, diventando negli anni primo esportatore industriale di Spagna, rappresentando il 3% delle esportazioni totali dell’economia spagnola. Oggi, le vendite delle auto Seat raggiungono località remote come Nuova Zelanda, Messico e la Guyana Francese.

Evoluzione Seat

Notevole l’evoluzione di Seat in questi 70 anni , sia dal punto di vista del design sia del volume delle esportazioni, così come per la produzione. Basta pensare che il numero di auto che una volta venivano prodotte in un’intera giornata, oggi necessitano di soli 3 minuti per uscire dalla linea di produzione. Senza contare che negli anni ‘50 erano necessari due anni per avere una Seat, oggi, grazie al progetto Fast Lane, si può acquistare un’auto in 10 minuti e 5 click, con consegna in meno di tre settimane.

Catena di montaggio Seat 1400 presso lo stabilimento di Zona Franca
Catena di montaggio Seat 1400 presso lo stabilimento di Zona Franca

Ampia gamma di modelli Seat

La Casa ha introdotto sul mercato 67 modelli in 70 anni, con diverse versioni e generazioni, tra cui alcune pietre miliari del marchio. Nel 1984 nasce la prima Seat Ibiza, vera e propria icona per il marchio, seguita nel 1999 dalla Seat Leon, con record di vendita fin dal debutto. La gamma di modelli Seat a partire dal 2016, ha subito un importante passo in avanti con l’ingresso nel segmento dei SUV, grazie a Seat Arona, Ateca e Tarraco. Inoltre nel 2019 il marchio ha annunciato l’arrivo di Mii electric, il suo primo modello elettrico.

Modelli Seat 70 anni di storia e record
Modelli Seat 70 anni di storia e record

Modernizzazione con auto elettriche e ibride

Per Seat l’evoluzione e la modernizzazione delle auto è stata sempre importante durante questi 70 anni di storia.Non va dimenticato lo sviluppo tecnologico che ha forgiato ogni aspetto dell’auto, dai sistemi di sicurezza fino alla connettività più avanzata. Inoltre, l’impegno di Seat per una mobilità più sostenibile e rispettosa dell’ambiente, è rappresentato da una forte offensiva elettrica.

A tal proposito, tra il 2020 e il 2021 verranno lanciati nuovi modelli elettrici e ibridi plug-in che andranno ad affiancare la versione elettrica di Seat Mii. Troviamo la nuova Leon, che offre una versione mild hybrid e una ibrida plug-in (PHEV), Tarraco ibrida plug-in (PHEV) e Cupra Formentor, presentata da pochissimo, anch’essa disponibile in versione ibrida plug-in. Infine, el-Born si aggiungerà a Mii electric come secondo modello 100% elettrico del marchio.

CUPRA, massima espressione di sportività Seat

Cupra rappresenta la massima espressione di sportività Seat, fin dal lancio della prima Ibiza Cupra nel 1996. Nel 2018, l’azienda ha scorporato Cupra, creando un brand che rappresentare un progetto unico. Cupra consente a Seat di entrare in nuovi mercati e raggiungere nuovi clienti, che cercano un prodotto speciale.

Seat Ibiza Cupra 1996
Seat Ibiza Cupra 1996

Il marchio Cupra è caratterizzato dal design all’avanguardia e dal comportamento sportivo di modelli basati sull’elettrificazione, nati per coinvolgere gli appassionati di motori. Con il lancio di Cupra Ateca e la nuova famiglia di Cupra Leon, il nuovo marchio spagnolo ha presentato il crossover Cupra Formentor, primo modello concepito per il nuovo brand e che sarà prodotto a Martorell, presso il Cupra Garage, la nuova sede del marchio.

Nuova sede Cupra Garage di Martorell
Nuova sede Cupra Garage di Martorell

Seat Urban Mobility

L’obiettivo con cui è nata Seat è stato quello di democratizzare la mobilità in Spagna, ma negli ultimi anni la Casa ha evoluto questo concetto con l’obiettivo di diventare un fornitore di servizi di mobilità e andare oltre la produzione di vetture grazie alla Seat Urban Mobility. La Casa spagnola vuole farsi trovare pronta a una delle grandi tendenze del futuro, ovvero l’economia collaborativa, condivisa e sostenibile.

Così nel 2019 Seat è stata scelta dal Gruppo Volkswagen come centro di competenze per la micromobilità, per condurre la strategia all’insegna di nuovi prodotti e servizi di mobilità urbana. Per questo, il brand ha lanciato Seat Urban Mobility, un’unità strategica di business per la mobilità urbana, presentando l’eScooter Concept, il primo monopattino elettrico di Seat, e l’eKickscooter Concept, a cui si aggiunge EXS Kickscooter elettrico.

Seat Urban Mobility e-Scooter e concept motorino elettrico EXS
Seat Urban Mobility e-Scooter e concept motorino elettrico EXS

Allo stesso modo, per dimostrare questa capacità di evolversi e trasformarsi completamente, nel 2019 Seat ha creato SEAT:CODE, un centro di eccellenza per lo sviluppo di software. Il nuovo laboratorio di ricerca porta lo sviluppo di due importanti realtà all’interno di Seat. Da un lato, sostiene la trasformazione digitale inoltre aumenta l’efficienza tramite la digitalizzazione dei processi. Allo stesso tempo, intende rafforzare modelli di economia legati a nuovi concetti di mobilità, connettività e digitalizzazione dell’automobile, con particolare focus su Seat.

Casa Seat a Barcellona

Nel corso del 2020, verrà aperta Casa Seat, uno spazio espositivo nel centro di Barcellona, nato con la volontà di rendere un omaggio alla città natale del marchio. Casa Seat diventerà un luogo per scoprire la mobilità del futuro e proporrà numerose attività mirate a rendere questo spazio un riferimento dell’agenda culturale di Barcellona.

Casa Seat a Barcellona
Casa Seat a Barcellona

Seat punto di riferimento per economia spagnola

Nei suoi 70 anni di storia, Seat ha tenuto un trend di crescita continuo e sostenibile, sostenendo l’industria Automotive in Spagna. Quando la produzione prese il via nel 1953 con vi erano 925 persone, mentre l’organico è formato da oltre 15.000 le persone che lavorano in Seat, generando circa 100.000 posti di lavoro complessivi se si considera l’effetto moltiplicatore sull’indotto.

Nel 2019 il fatturato è stato di 11.157 milioni di Euro mentre l’esportazione, tanto di vetture come di componenti, ha toccato l’81% del volume di affari (9.041 milioni di Euro), rendendo Seat la principale azienda esportatrice di Spagna. Al contempo, lo stabilimento di Seat Martorell è quello che produce il maggior numero di vetture in Spagna, secondo mercato produttivo in Europa. Va inoltre sottolineato il fatto che, nel 2019, Seat ha assegnato 1.259 milioni di Euro per investimenti e spese in Ricerca e Sviluppo, di cui 27 milioni di Euro destinati a iniziative sostenibili nello stabilimento di Martorell con l’obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 e, grazie a un’ambiziosa strategia ambientale, convertirlo in uno stabilimento con impronta di anidride carbonica pari a zero nel 2030.

Inoltre, l’azienda è diventata anche un punto di riferimento per la salute sul posto di lavoro, grazie al CARS (Centro de Atención y Rehabilitación Sanitaria) del 2017. Si tratta di un centro medico unico nel suo genere, che offre medicina preventiva, assistenziale e riabilitativa per gli oltre 15.000 lavoratori della Casa e che sorpassa le 70.000 visite annuali.

Video storia Seat 70 del marchio spagnolo

👉 Storia Seat Ibiza

👉 Listino prezzi SEAT / Annunci auto usate SEAT

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM

Tags
Back to top button
Close