EV DrivingGUIDE CONSIGLI

Auto a idrogeno quali sono FCEV HICEV?

Quali sono le auto a idrogeno su cui si basa la mobilità del futuro? Possono essere elettriche FCEV dotate di una "fuel cell" alimentata a idrogeno oppure HICEV. Vediamone caratteristiche tecniche a confronto, vantaggi, svantaggi e quali sono in vendita.

Quali sono le principali auto a idrogeno prodotte? Le automobili a idrogeno non sono una novità del 2020 bensì è da circa 20 anni che vengono realizzate in piccola serie. Prima sotto forma di prototipi e poi come vetture in commercio.

Negli anni numerose case costruttrici hanno realizzato vetture fuel cell con questa alimentazione alternativa a emissioni zero, a parte del vapore acqueo che esce dallo scarico, a favore della mobilità sostenibile.

Tuttavia, non essendo direttamente disponibile l’idrogeno in natura, bisogna ricavarlo con processi che consumano energia come l’elettrolisi o il reforming a metanolo. Di conseguenza se al posto dei combustibili fossili per produrre l’idrogeno, si utilizzano le fonti a energia rinnovabile, l’impatto ambientale è minimo.

Auto a idrogeno come funziona

In particolare, come funziona l’auto a idrogeno? Anzitutto i costruttori si sono concentrati sulle cosiddette automobili a idrogeno HICEV (Hydrogen Internal Combustion Engine Vehicle), dove l’idrogeno brucia come combustibile all’interno di un motore tradizionale termico.

Dopodiché con le FCEV si è passati a vetture 100% elettriche dotate di una fuel cell o cella a combustibile alimentata a idrogeno, dove una reazione con l’ossigeno all’interno della pila a combustibile, produce elettricità che alimenta il motore elettrico.
A differenza di un’auto elettrica quella ad idrogeno consente percorrenze superiori, portando l’autonomia fino a 800 km.

Fuel Cell Marathon del 2004 con veicoli a idrogeno in foto la Opel HydroGen3
Fuel Cell Marathon del 2004 con veicoli a idrogeno in foto la Opel HydroGen3

Quali sono le auto a idrogeno prodotte?

Per ripercorrere la storia delle auto a idrogeno prodotte in Europa andiamo in Germania. In particolare, a puntare per prima su questa alimentazione, è stata nel 2000 la Opel HydroGen1 basata sulla monovolume Zafira. Montava un motore elettrico da 55 kW e 251 Nm che la spingevano fino a 140 km/h. Passano due anni e Mercedes-Benz presenta la Classe A. F-Cell che aveva una autonomia di soli 160 Km. A seguire la bavarese Bmw Hydrogen 7, del tipo HICEV presentata nel 2007 (l’abbiamo guidata da Verona all’aeroporto di Monaco di Baviera dove all’epoca esisteva l’unica stazione di servizio in Europa). Si tratta della prima auto di questo tipo messa in circolazione in piccola serie, circa un centinaio di esemplari

Diagramma Audi A7 e-tron quattro FCEV a idrogeno
Diagramma Audi A7 e-tron quattro FCEV a idrogeno

Dopodiché arriviamo al 2010, quando Mercedes-Benz immette sul mercato la Classe B F-Cell. Vettura prodotta in piccola serie con motore da 100 kW e autonomia di 400 Km era disponibile solo a noleggio.
Altra tedesca, sotto forma di concept, la Volkswagen Golf HyMotion del 2014, con fuelcell da 136 cv di potenza e autonomia di 500 km. Allo stesso modo dal gruppo VAG, l’Audi A7 Sportback h-tron concept, seguita dal SUV Audi h-tron, vista a Detroit nel 2016. La cella a combustibile è composta da 330 singoli elementi in grado di sviluppare 150 cv. Fuel cell e accumulatore agli ioni di litio alimentano due motori elettrici, velocità massima di 200 km/h.

Rifornimento idrogeno furgone fuel cell Renault Master Z.E Hydrogen
Rifornimento idrogeno furgone fuel cell Renault Master Z.E Hydrogen

Non solo auto ma furgoni fuel cell a idrogeno

Analogamente alla storia delle auto a idrogeno, non mancano i veicoli commerciali come i furgoni fuel cell. Per esempio, il GM Electrovan del 1966, è il primo veicolo a idrogeno della storia, con una potenza di picco della pila a combustibile di 160 kW.

Invece da Stoccarda nel 1994 è stata proposta la Mercedes Necar 1, sulla base del van Mercedes-Benz MB 100. Tra i furgoni attualmente in commercio, nel 2017 Renault ha presentato Kangoo e Master a idrogeno.

Auto a idrogeno Hyundai NEXO
Auto a idrogeno Hyundai NEXO

Auto a idrogeno quali sono in vendita?

Quali sono i modelli di auto a idrogeno in vendita? Dalla Corea del sud sono arrivate sul mercato tra il 2013 e il 2019 i SUV Hyundai ix35 Hydrogen e Nexo (la prima immatricolata in Italia nel marzo 2019) percorrenza di 670 km, potenza complessiva di 163 cv e prezzo di 69.000 euro.

Ancora un SUV la Mercedes GLC F-Cell che viene proposta con la formula del noleggio con un canone mensile di 799 euro in Germania e in Giappone. In particolare, si tratta di un veicolo unico nel suo genere perché è anche Plug-In Hybrid grazie alla batteria agli ioni di litio da 13.5 kWh.

Per non parlare del Sol levante da dove provengono due le proposte.
La Honda FCX (da 34.000 euro), e la Toyota Mirai lanciata nel 2015 e completamente rinnovata nel 2020. Durante il viaggio apostolico in Giappone di Papa Francesco, Toyota ha allestito una Mirai in versione papamobile.

Vista posteriore Toyota Mirai 2020
Vista posteriore Toyota Mirai 2020

Tabella principali auto idrogeno FCEV HICEV

MARCA MODELLO PREZZO POTENZA MOTORE FUEL CELL TIPOLOGIA
Audi A7 h-tron Concept 199 kW 110 kW FCEV
Audi h-tron quattro Concept 320 kW 110 kW FCEV
BMW Hydrogen 7 Noleggio 191 kW HICEV
Hyundai ix35 Hydrogen 69.000 € 80 kW N.D. FCEV
Hyundai Nexo 69.000 € 120 kW N.D. FCEV
Honda FCX da 34.000 € 130 kW N.D. FCEV
Opel HydroGen1 Concept 55 kW 120 kW FCEV
Mazda RX-8 Hydrogen RE Concept 80 kW HICEV
Mercedes-Benz Classe A F-Cell Concept N.D. N.D. FCEV
Mercedes-Benz Classe B F-Cell 780 € mese 100 kW N.D. FCEV
Mercedes-Benz GLC F-Cell 799 € mese 155 kW N.D. FCEV
Toyota Mirai 78.750 € 113 kW 114 kW FCEV
Volkswagen Golf Hymotion Concept N.D. 100 kW FCEV
Tabella riepilogativa principali auto a idrogeno prodotte

Vantaggi e svantaggi auto a idrogeno

Concludendo quando si parla di questa motorizzazione non bisogna dimenticarsi per le auto a idrogeno quali sono i vantaggi e gli svantaggi .
In particolare il vantaggio più evidente è l’abbattimento delle emissioni se si esclude il ciclo produttivo dell’idrogeno. Altro vantaggio è la possibilità di ricaricare la batteria di bordo in modo rapido, grazie alla potenza della cella a combustibile. Infine tra i vantaggi ricordiamo la velocità di rifornimento di carburante che varia tra i 3 e i 5 minuti.

Invece lo svantaggio più evidente è sicuramente il costo di acquisto della vettura, ma per fortuna esistono delle soluzioni a noleggio.
Altra difficoltà consiste nel trovare un distributore di idrogeno, sono solo 6 sul nostro territorio. Dal punto di vista meccanico un’auto a idrogeno pesa di più di una tradizionale per via delle bombole di stoccaggio del carburante, mentre a livello di consumi sono mediamente comparabili.

Propulsore nuovo Mercedes-Benz GLC F-CELL plug-in hybrid
Propulsore nuovo Mercedes-Benz GLC F-CELL plug-in hybrid

Potrebbero interessarti (anzi te li consiglio):

👉 Accordo Audi e Hyundai per auto a idrogeno

👉 Mobilità del futuro auto idrogeno

💥 Auto a idrogeno Bosch lavora alle celle a combustibile

Visita EV Driving

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Lascia un commento qui sotto o sul nostro FORUM dove ti invitiamo ad iscriverti!

Commenta

Tags
Back to top button
Close