EV DrivingNotizie auto

Mobilità del futuro, l’auto ad idrogeno scalzerà quella elettrica?

Il futuro sarà l'idrogeno? Per l'auto elettrica si prospetta una battuta d'arresto? Si punterà sui motori tradizionali e nel 2030 sarà la volta dell’idrogeno. A che punto siamo con lo sviluppo, le stazioni di servizio e la produzione dal metano, quanto si consuma.

Mobilità del futuro? Con la recessione e la crisi dell’auto globale che si profila, le vendite delle auto elettriche subiranno un duro colpo. In Cina sono scese a gennaio del 54%, mentre in febbraio si prevede un calo di oltre il 90%. Ma probabilmente sarà solo l’inizio: come ha evidenziato Infobuild Energia, e sottolineato da Stefano Gavioli del Gruppo Koelliker in Europa nel 2020 ci sarà un calo del 43% rispetto all’anno precedente, passando da 2,2 milioni nel 2019 a 1,3 milioni.

Auto idrogeno, la soluzione futura?

A causa dell’emergenza Coronavirus Covid-19 Ford e General Motors hanno attualmente sospeso la produzione delle auto elettriche.
Ed ecco che si ritorna a parlare di idrogeno.

Assemblaggio Volkswagen ID.3 nel sito di Zwickau
Con il mondo fermo per la pandemia del Covid-19 il mondo dell’auto si interroga sul futuro

A riguardo sul Corriere della Sera con Alessia Cruciani ha fatto sentire la sua voce Bosch. Nonostante i tanti ostacoli legati a costi della materia prima e alla carenza di infrastrutture di ricarica, l’azienda tedesca è convinta che questa sia la strada da seguire per una mobilità green.
Le auto alimentate con l’elemento più presente nell’universo sembrano la miglior risposta, merito delle celle a combustibile.

Stazioni di servizio con l’idrogeno

Entro il 2025 in Italia dovrebbero essere realizzate 100 stazioni di servizio per il rifornimento di idrogeno ma il condizionale è di rigore. “Stiamo investendo molto sui veicoli elettrici e sull’idrogeno in particolare – ha spiegato l’Ing. Stefan Hartung, membro del board di Bosch – e se vogliamo risolvere il problema dell’inquinamento, dobbiamo pensare ai camion che circolano sulle strade del mondo: percorrono lunghe tratte, con carichi pesanti a bordo.

Ing. Stefan Hartung, membro del board di Bosch
Ing. Stefan Hartung, membro del board di Bosch

Alle aziende che producono tali veicoli non possiamo fornire batterie che pesino tre tonnellate, ma con batterie più piccole farebbero meno strada”.

L’obiettivo di Bosch che sta lavorando per portare anche i motori diesel al di sotto delle future norme sulle emissioni è di mettere a disposizione delle aziende le soluzioni più all’avanguardia per migliorare la qualità dell’aria.

distributore di idrogeno in Italia a Bolzano
A Bolzano è attivo l’unico distributore di idrogeno in Italia aperto al pubblico per rifornire sia autovetture che autobus.

Costi idrogeno ancora troppi alti

I costi dell’idrogeno sono ancora alti: oggi un chilo costa più di 5 euro e per coprire 100 km, un tir avrebbe bisogno di 8 kg. Altra indagine. Come viaggeremo nel 2030? A sentire l’ing. Yoshikazu Tanaka, uno dei responsabili del reparto Ricerca e Sviluppo della Toyota, l’idrogeno sarà il carburante del futuro – noi sviluppiamo l’auto ad idrogeno perché siamo convinti che la possibilità di produrre questo combustibile da diverse fonti e l’efficacia con cui riusciamo ad utilizzarlo per le auto, i bus ed anche i camion rappresenti un’opportunità da offrire al mercato”.

Vista di profilo Toyota Mirai 2020
Nuova Toyota Mirai 2020

“L’auto ad idrogeno, sempre in quell’anno, avrà raggiunto la parità di costo rispetto a quella ibrida – ha spiegato Didier Stevens di Toyota Europa – garantendo così prestazioni e semplicità d’impiego identiche”.

Auto idrogeno, a che punto è lo sviluppo?

Ma anche tredici multinazionali tra cui Bmw, Honda, Daimler, Hyundai e la stessa Toyota sono pronte da alcuni anni ad enormi investimenti (10 miliardi di euro nei prossimi 5 anni) per rilanciare questo carburante super pulito. Le Olimpiadi di Tokyo (rinviate al 2021 a causa della pandemia da Coronavirus) saranno un’occasione per mostrare come l’idrogeno possa diventare il nuovo combustibile chiave per la mobilità.

Celle combustibili fuel-cell idrogeno Bosch
Celle combustibili fuel-cell prodotte da Bosch

Sono stati stanziati 350 milioni di euro per la realizzazione di 35 stazioni di rifornimento. Il principale vantaggio dell’auto ad idrogeno è quello di non produrre alcun gas serra dato che dallo scarico della vettura fuoriesce solo vapor acqueo.

“Dobbiamo avviare nel nostro Paese un’azione concreta e rapida per realizzare con l’idrogeno gli stessi risultati che abbiamo ottenuto con l’eolico – ha evidenziato il premier Giuseppe Conte presenziando alla conferenza The Hydrogen Challenge svoltasi a Roma nel 2019.

premier Giuseppe Conte sull'idrogeno
Il premier Giuseppe Conte ha auspicato un maggiore sviluppo dell’idrogeno in Italia

L’investimento di Eni in decarbonizzazione, economia circolare e rinnovabili sarà di 3 miliardi di euro nei prossimi anni. Dunque l’idrogeno, come vettore energetico, si accinge a vivere un rilancio nel mondo. Era diventato popolare all’inizio del nuovo millennio con il besteller di Jeremy Rifkin “The Hydrogen Econonomy” che lo promosse come una soluzione ai problemi energetici del globo terrestre.

Produzione idrogeno dal metano

Ad oggi l’idrogeno nel 98% dei casi si produce dal metano: 70 milioni di tonnellate l’anno. Altro sistema di produzione è l’elettrolisi. Oggi circolano circa 13 mila ad auto ad idrogeno ma questo combustibile alimenta il treno lanciato dalla francese Alstom, alcuni traghetti nelle isole Orcadi nel nord della Scozia.

Mercedes-Benz GLC F-Cell, ricarica idrogeno
L’idrogeno nel 98% dei casi si produce dal metano

Tra gli aspetti negativi delle auto ad idrogeno si segnala in primo luogo il prezzo d’acquisto, tutt’altro che popolare, in secondo luogo la quasi totale assenza di stazioni di rifornimento ed il peso notevole di queste vetture dovuto alle bombole dove immagazzinare l’idrogeno.

Quanto consuma un’auto ad idrogeno?

Riguardo ai consumi dell’auto ad idrogeno i dati sono questi: 1 kg di carburante per percorrere 100 km. Considerando un prezzo medio dell’idrogeno di 10 euro al kg, un pieno verrebbe a costare 50 euro, mentre la percorrenza media si può paragonare a quella di una vettura a benzina.

consumi auto idrogeno
Con i kg di idrogeno u’auto percorrere 100 km e spende circa 10 euro

In Italia l’idrogeno potrebbe arrivare a coprire quasi un quarto della domanda totale di energia entro il 2050 secondo uno studio Snam-McKinsey.

Visita EV Driving

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Lascia un commento sul FORUM!

Commenta

Tags

Vincenzo Bajardi

Vincenzo Bajardi giornalista professionista dal 1987. Ha iniziato con la rivista Auto, poi fino al maggio 2009, responsabile delle pagine produzione auto al Corriere dello Sport-Stadio. Ha scritto su Autosprint, GuerinSportivo, Roma, L’Ora. Collabora con Italpress, Repubblica Motori, La Sicilia, La Gazzetta del Mezzogiorno, Gazzetta Motori, ZeroZero News e Sicilia Motori.
Back to top button
Close