Notizie auto

Prezzi benzina, diesel, metano e GPL, aumenti record

Prosegue la corsa dei prezzi dei carburanti, con la benzina che ha oltrepassato quota 1,7 euro al litro mentre il gasolio è arrivato a quota 1.6 euro al litro. Aumento repentino anche per il metano che è arrivato a quota 2 euro al kg.

Rispetto ad un anno la corsa al rialzo dei prezzi dei carburanti è in continua ascesa. Complice l’aumento del prezzo del petrolio si stima l’ennesima stangata sulle tasche degli automobilisti italiani ed una maggiore spesa su base annua, solo per i rifornimenti di carburante, pari a +413 euro a famiglia, con una stangata complessiva da 8.5 miliardi di euro.

La corsa del petrolio, con il Brent che oscilla sui 85 dollari al barile rende più salato il rifornimento di carburante rispetto ad un anno fa quando i prezzi sono scesi durante il primo lockdown. Basta pensare che oggi la benzina costa 1,751 euro/litro, mentre il gasolio è arrivato a 1,613 euro/litro. Gli aumenti ora riguardano anche il metano che da 0,981 €/kg in pochi giorni è passato a 2 euro al kg.

Aumento prezzo benzina e diesel, carburante alle stelle

Aumenti in corso di benzina e diesel ed ora anche il metano. Il prezzo medio nazionale praticato della benzina secondo gli ultimi rilevamenti in modalità self è di 1,751 euro/litro, con i diversi marchi compresi tra 1,747 e 1,762 euro/litro (no logo 1,738). Il prezzo medio praticato del diesel, sempre self, è di 1,616 euro/litro con le compagnie posizionate tra 1,613 e 1,626 euro/litro (no logo 1,606).

Al servito, per la benzina il prezzo medio praticato cresce a 1,889 euro/litro con gli impianti colorati che mostrano prezzi medi praticati tra 1,829 e 1,962 euro/litro (no logo 1,787).

Aumento prezzo benzina diesel e metano
La corsa al rialzo del prezzo delle materie prime causa l’aumento dei prezzi dei carburanti al distributore, con il metano ad oltre 2 euro

La media del diesel servito si porta a 1,761 euro/litro (venerdì 1,760), con i punti vendita delle compagnie con prezzi medi praticati compresi tra 1,700 e 1,828 euro/litro (no logo 1,657).

Secondo le rilevazioni Assoutenti, associazione specializzata nel settore dei trasporti, ed il Codacons oggi un litro di benzina da inizio 2021 costa oggi il +27% e il diesel addirittura del +29,2%.

Aumento prezzo del metano

L’aumento repentino dei prezzi di mercato del gas ha spinto il metano a superare anche quota 2 euro al kg, soprattutto in alcuni impianti del centro-nord Italia. Il prezzo medio del metano auto si posiziona infine tra 1,660 e 1,912 (no logo 1,607). I prezzi praticati del Gpl invece vanno da 0,827 a 0,851 euro/litro (no logo 0,815).

L’aumento è stato repentino e costituisce una vera anomalia se consideriamo che dal 2005 a oggi il prezzo medio annuale del gas si è sempre attestato intorno ai 24,50 cents/smc.

Presa rifornimento metano Cupra Ateca Limited Edition dual fuel benzina metano
Il metano da 0.9 euro al kg è passato ad oltre 2 euro in alcuni impianti del centro-nord Italia

L’aumento del metano ha spiazzato un po’ tutti dato che fino ad ora era considerato un carburante economico. L’aumento però è stato causato da quello del costo della materia prima che da inizio anno è quasi triplicata.

Gli effetti negativi dell’aumento del metano oltre che sugli automobilisti si riversano anche sui consumatori dato che viene utilizzato anche dall’intero settore dei trasporti (come i camionisti e chi guida i mezzi da lavoro). L’aumento del metano causa problemi anche alle auto diesel, che rischiano di rimanere senza AdBlue per lo stop della produzione del sito di Yara a Ferrara.

Effetto aumento carburanti sulle famiglie

Rispetto al 2020, oggi una famiglia media paga oltre +447 euro su base annua in caso di auto a benzina, +438 per l’auto diesel. Sul costo dei carburanti, in particolare della benzina, bisogna ricordare che su ogni litro acquistato dai consumatori, 1,04 euro se ne vanno in tasse a causa delle accise.

Accise carburanti aumento 2021, 2022, 2023
L’aumento dei prezzi dei carburanti colpiscono le tasche delle famiglie italiane

Ci sono poi gli effetti indiretti che già iniziano a farsi sentire sulle tasche degli italiani, dall’aumento dei prezzi al dettaglio per una moltitudine di prodotti ai pesanti rincari delle tariffe luce e gas (che rischiano di registrare aumenti record ad ottobre), e anche l’industria va incontro a maggiori costi di produzione che vengono inevitabilmente scaricati sui consumatori.

In Italia infatti l’85% della merce trasportata viaggia su gomma, e i costi di trasporto incidono sui prezzi finali praticati ai consumatori al supermercato. La tassazione sulla benzina raggiunge oggi il 60,6%, e senza un intervento del Governo si registrerà una fiammata dei prezzi al dettaglio.

Aumento prezzo metano, perché?

L’aumento repentino dei prezzi di mercato del gas ha spinto il suo valore anche del metano, verso cifre che nessuno avrebbe mai immaginato L’aumento preoccupa Federmetano che in una nota auspica un azione del Governo a difesa degli automobilisti e consumatori italiani:

“La situazione attuale costituisce per Federmetano una forte preoccupazione, poiché le conseguenze di tale andamento del mercato si abbattono sugli operatori del settore, imprenditori e lavoratori che rappresentano una eccellenza nazionale, e su una utenza che dimostra di avere una grande fiducia nel gas naturale per auto. Non a caso il consumo di CNG del 1° semestre 2021 è pari a +13% rispetto al semestre 2020 (elaborazione Federmetano su dati forniti da SFBM). Un dato che, sommato al progressivo aumento del circolante a metano negli ultimi 5 anni – passato  da 1,071 milioni di veicoli nel 2019 a 1,088 milioni nel 2020 – delinea un settore vitale che tanto ha da dare al Paese e ai cittadini. A fronte di quanto sta accadendo Federmetano si è adoperata, e si adopererà, per sostenere il comparto.

Nello specifico in merito al Decreto Legge “Salva-bollette”, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 27 settembre scorso, l’Associazione ha aperto un dialogo con il Ministero dell’Economia e delle Finanze affinché l’IVA agevolata al 5%, prevista dal Decreto in oggetto, possa essere applicata anche all’uso autotrazione con la possibilità di traslare questo beneficio all’utenza finale. Poiché sono necessari 60 giorni prima che il decreto sia convertito in legge, Federmetano sta proseguendo la sua battaglia in merito e sta vagliando ulteriori soluzioni. Nel suddetto Decreto è, inoltre, previsto un intervento di ARERA volto a ridurre le aliquote relative agli oneri generali gas per il prossimo trimestre, fino a concorrenza dell’importo di 480 milioni di euro.

A tal proposito Federmetano ha lavorato per sensibilizzare il Ministero dell’Economia e delle Finanze, il Ministero dello Sviluppo Economico e il Ministero della Transizione Ecologica per intervenire in modo da arginare questi pesanti aumenti: tra le possibili misure poste all’attenzione delle Istituzioni anche quella relativa alla riduzione degli oneri di sistema. Una richiesta, dunque, almeno parzialmente recepita dal Governo e per la quale l’Associazione esprime la sua soddisfazione. L’azione di Federmetano è altresì proseguita chiedendo al Comitato Gestione Fondo Bombole Metano di mettere all’ordine del giorno uno slittamento/riduzione degli oneri del contributo previsto, al fine di consentire ulteriori sgravi per l’utenza”.

Potrebbe interessarti (anzi te lo consiglio):

👉 Aumento prezzi carburanti, benzina a 4 euro

👉 Accise carburanti, prezzo reale benzina e diesel

👉 Quanto è aumentato il costo della benzina e diesel nel 2021

👉 Benzina e gasolio a 1 euro, prezzo agevolato

👉 Come fare carburante al self service da soli?

👉 Come pagare al self service di carburante

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM


Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto