GUIDE CONSIGLI

Metano o GPL su diesel, costi e come funziona il retrofit bifuel / dual fuel

Come ripulire un vecchio motore diesel? Con l’installazione di un impianto a gas metano o gpl. Sarebbe una ottima soluzione per eludere i blocchi del traffico durante i divieti di circolazione per i diesel

Contro i blocchi del traffico e la demonizzazione dei motori diesel una possibile soluzione potrebbe essere rappresentata dall’installazione di un impianto a GPL o metano sui motori diesel, una specie di retrofit per rendere puliti motori con classe di inquinamento Euro 0, 1,2 3, 4. La trasformazione gas/ diesel, gpl/diesel, metano/diesel è possibile ed in questa guida spieghiamo come fare e soprattutto quali sono i costi per installare un impianto GPL o metano su un propulsore diesel, come normalmente avviene sui motori benzina e che rendono il motore un “dual fuel” a tutti gli effetti.

Impianto GPL / metano sul motore diesel

Il diesel potrebbe riscattarsi con il GPL ed il metano. Il motore diesel è diventato il capro espiatorio delle politiche ambientaliste, nonostante alcuni studi dimostrino che l’inquinamento dei grandi centri urbani dipenda solo in parte dalle emissioni dei veicoli (circa il 13%), non si è mai sentito un blocco degli impianti di produzione di energia a fonte fossile o di quelli di riscaldamento (anche se per questi ultimi si stanno introducendo le prime limitazioni).

La maggior parte delle ordinanze esclude dai blocchi le vetture alimentate, anche in modo non esclusivo, a GPL o a metano, nonostante l’impianto di alimentazione a gas sia stato montato successivamente.

kit trasformazione motore diesel  con impianto GPL o metano
Kit trasformazione bifuel motore diesel con impianto GPL o metano

Quindi l’installazione di un impianto a GPL o metano può salvare dai blocchi chi sarebbe costretto a lasciare la propria auto diesel non più recente in garage per buona parte dell’anno; infatti sono sempre più numerosi i fornitori di kit di trasformazione in bifuel (diesel/gpl o diesel/metano di STAG, Landi Renzo, D-Gid, PowerJetLpi), sia per i vecchi motori diesel ad iniezione meccanica sia per i common rail.

Com’è fatto l’impianto GPL o metano su un motore diesel

Questi sistemi gpl o metano montati sui motori diesel sono composti da un serbatoio da posizionare nel vano della ruota di scorta o nel bagagliaio, dal quale il gas giunge al riduttore di pressione (per il metano la pressione del gas passa da un massimo di circa 250 bar a 1,5-2,5 bar, per il GPL da un massimo di 30 bar a 0,6-1,5 bar), il quale alimenta gli iniettori che immettono il combustibile gassoso nei condotti di aspirazione.

Iniettori di gas nel condotto di aspirazione impianto metano o GPL su diesel
Iniettori di gas nel condotto di aspirazione (metano o gpl) del motore diesel

Come funziona l’impianto a GPL sul motore diesel? La percentuale di gas e gasolio.

Gli iniettori aggiuntivi montati sul diesel, per assicurare la massima precisione nel dosaggio del gas gpl o metano, hanno tempi di apertura e chiusura dell’ordine del millisecondo, e la gestione elettronica regola l’emissione di carburante separatamente per ognuno di essi.

Il gas metano o gpl spruzzato nei condotti di aspirazione va a miscelarsi con il gasolio nella camera di combustione: è importante evidenziare che non è possibile far funzionare il propulsore a ciclo Diesel esclusivamente a gas, come avviene per i ciclo Otto.

Se il carburante da mixare è il GPL, in camera di combustione si mescolano mediamente il 70% del gasolio normalmente necessario e il gas immesso nei condotti di aspirazione: l’accensione per compressione del gasolio provoca la combustione anche del gas aspirato.

Un’apposita centralina calcola il dosaggio ottimale di entrambi i carburanti, elaborando i dati provenienti dalla sonda termometrica dei gas di scarico, dai sensori di battito e dalla sonda lambda, mentre una sonda aggiuntiva controlla il corretto rapporto tra aria e combustibile.

Quanto si risparmia con l’impianto a gas metano o gpl sul diesel?

I fornitori di questi kit di trasformazione gpl o metano per diesel assicurano una diminuzione della spesa di carburante, a fronte di un incremento della coppia massima fino al 10% e della potenza massima fino al 30% con un abbattimento delle emissioni inquinanti tra il 20 e il 40%, fino al 60% in meno per le polveri sottili. Tale risultato in termini di emissioni è possibile grazie alla maggiore temperatura raggiunta in fase di combustione, che ne migliora l’efficienza.

Inoltre le maggiori temperature di esercizio riducono la necessità di rigenerazione del FAP nei mezzi che ne sono dotati, facendo lavorare il catalizzatore in condizioni ideali anche nell’utilizzo urbano (tallone d’Achille dei primi veicoli con FAP).

Centralina impianto GPL o metano per motore diesel
Centralina impianto GPL o metano per motore diesel

È possibile settare la centralina che si occupa del dosaggio del gas metano o gpl in modo da mantenere le stesse prestazioni a parità di angolo di acceleratore, ma con un notevole risparmio di gasolio: il chip emula il segnale dei sensori del sistema common rail e lo invia alla centralina del motore. Perciò quest’ultima, a parità di giri, riceve un segnale equivalente a quello della marcia a solo gasolio, mentre la portata reale del carburante liquido è ovviamente inferiore, grazie all’apporto del gas iniettato.

Costi e omologazione impianto metano/GPL su auto (o camion) con motore diesel

La trasformazione bifuel di un veicolo a gasolio è consigliabile solo per mezzi con cilindrata superiore ai 1.800 cm³ e per i quali sia economicamente conveniente affrontare la spesa di installazione che si aggira fra 2.000 e 3.000 Euro: se consideriamo che il risparmio medio è di circa 5 Euro ogni 100 chilometri, la spesa per l’impianto si ammortizza in circa 40-60.000 km.

Bombolone impianto GPL o metano per motore diesel
Bombolone impianto GPL o metano per motore diesel

La trasformazione del motore va effettuata ovviamente in un’officina autorizzata, che provvederà al collaudo e all’aggiornamento del libretto di circolazione presso le sedi provinciali del Ministero dei Trasporti.

Retrofit riconosciuto durante i blocchi della circolazione?

Rendere dualfuel un motore diesel con iniezione di gas metano o gpl consiste in una operazione di “retrofit” che ripulisce un motore con classe di emissioni basse (euro 0, 1, 2, 3). Questa trasformazione non viene riconosciuta su diverse regioni quando ci sono blocchi della circolazione mentre su altre si. Di questo ne parleremo su una discussione ad hoc prossimamente.

Come trasformare a metano un’auto diesel nuova Euro 6 retrofit Dual Fuel

Oggi anche i veicoli diesel di ultima generazione possono essere convertiti a metano con il kit retrofit dual fuel. L’alimentazione a metano consente di ridurre anche del 50% il consumo di gasolio su una diesel Euro 6

👉 Leggi altri argomenti sui sistemi di abbattimento delle emissioni inquinanti raggruppati tutti per comodità sotto “catalizzatore” come per esempio il filtro antiparticolato per motori a benzina GPF.

👉 Leggi le esperienze e considerazioni sul motore diesel alimentato a gas gpl/metano sul FORUM!

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

Tags

Manuel Cerfeda

Da sempre appassionato di automobilismo e di scrittura. È ingegnere e lavora nel campo delle energie rinnovabili. Ama leggere libri di tecnica motoristica e automobilistica, in particolare sulla storia della Formula 1 e delle auto da competizione in genere. Molto attratto dalle auto storiche, in particolare le youngtimer: il suo sogno è una Porsche 911 Carrera 4 Targa, serie 964 del 1989. Possibilmente rossa. E' autore umoristico e satirico: scrive sulla rivista “L’odio digitale” e ha pubblicato i libri “Autopsie ipocaloriche e altri metodi per perdere peso” e “L'anagramma di derma (non madre, quell'altro)”.
Back to top button
Close