GUIDE CONSIGLINotizie auto

Revisione bombole auto GPL e metano, come funziona, scadenze e multe

Revisione auto GPL e metano, le bombole GPL vanno sostituite ogni 10 anni mentre quelle del metano vanno revisionate ogni 5/4 anni. Cosa si rischia a viaggiare con le bombole scadute di omologazione.

Le auto a GPL e metano, oltre alla classica revisione, devono sottostare a precise regole che certificano l’integrità dei serbatoi del gas (bombole).

Scadenza bombole GPL e revisione serbatoi

Le bombole GPL, secondo la Legge, vanno sostitute dopo 10 anni dalla data di produzione, sia nel caso di allestimento originale o di impianto montato in un secondo momento.

Serbatoio BCR Nissan Micra GPL che scade dopo 10 anni
Serbatoio BCR Nissan Micra GPL che scade dopo 10 anni (bombola)

L’impianto GPL invece è consigliabile farlo controllato periodicamente da officina specializzate o durante i tagliandi prescritti dalla casa madre. I controlli vertono sul funzionamento degli iniettori, del sistema elettrico, delle tubazioni e raccordo e prevede l’eventuale sostituzione del filtro GPL e la sostituzione del riduttore. Questi due interventi vanno eseguiti intorno ai 100.000 km.

Quest’operazione va fatta in un’officina specializzata ad un costo variabile a seconda della Regione di appartenenza, che va da 300 alle 500 euro.

Revisione bombole metano

METANO Le cose cambiano leggermente con le bombole di un impianto a gas montato su un’auto a metano. Per quanto riguarda la classica revisione non cambiano le regole previste per le motorizzazioni benzina e diesel. Invece per quanto riguarda i serbatoi del metano ci troviamo davanti a due possibili strade. La prima riguarda quelle omologate secondo la normativa nazionale (DGM), che vanno sostituite ogni 5 anni dalla prima immatricolazione o installazione dell’impianto e rottamate dopo 40 anni.

La seconda strada ci porta alle bombole omologate secondo la norma europea (R110 ECE/ONU), le quali vanno controllate ogni 4 anni dalla prima immatricolazione o installazione dell’impianto, fino al ventesimo anno di età. In questa classificazione rientrano tuttte quelle costruite in acciaio (CNG1), con cintura di rinforzo di resina (CNG2) e acciaio e rivestimento completo sintetico (CNG3).

Serbatoio metano in materiale composito

I serbatoi per il metano costruiti di in materiale composito (CNG2) vanno revisionati per la prima volta dopo quattro anni e successivamente ogni due.

Seat Arona TGI bombole metano
Bombole metano Seat Arona TGI

La sostituzione delle bombole deve essere fatta prima della revisione dell’autoveicolo che è annotata sulla carta di circolazione del veicolo

Circolare con il serbatoio GPL e Metano scaduto cosa si rischia

Circolare con i serbatoi scaduti si rischia non solo la multa: multa prevista in caso si circoli con i serbatoi scaduti del GPL e metano può arrivare a 594 euro e si può aggiungere il fermo amministrativo del veicolo con ritiro della carta di circolazione: il libretto dell’auto potrà essere recuperato solo dopo il collaudo con le nuove bombole.

Leggi anche

👉 Dove va fatta la revisione?

👉 Quando scade la revisione?

👉 Quanto costa la revisione auto

👉 Quali sono i controlli?

👉 Multa per revisione scaduta

👉 Revisione targa estera

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

Lascia un commento sul nostro FORUM!

Commenta

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto