GUIDE CONSIGLINotizie auto

Esame e rinnovo CQC, cosa cambia con la nuova legge, come fare

CQC, come fare per avere e/o rinnovare la Carta di Qualificazione Conducente: cosa è cambiato con il nuovo esame (semplificato) e come rinnovarlo in base alla nuova normativa

Sulle modalità di rinnovo CQC e per il nuovo esame CQC, è cambiata la legge con diverse novità normative che ne semplificano il conseguimento. I professionisti al volante di autocarri ed autobus che hanno bisogno di lavorare con le Carte di Qualificazione Conducente sanno bene che la materia è ampia e articolata: viene anche aggiornata e bisogna stargli dietro. Vediamo appunto quindi quali sono le novità sul rinnovo CQC e poi cosa cambia sul nuovo esame CQC. Come si rinnova la CQC? Com’è il nuovo esame CQC?

👉 Vedi anche proroga scadenza patente professionale 2020

CQC nuova normativa semplificata, quando cambia

Con la nuova normativa in vigore dal 20 novembre 2019 conseguire il CQC è più facile, l’esame adesso è uno solo (prima erano 2 esami)-

CQC abilitazione patente C/C+E, D/D+E
CQC abilitazione patente C/C+E, D/D+E

Cosa è il CQC

Il “CQC”, carta di qualificazione del conducente, è un titolo abilitativo che attesta le capacità professionali di chi è già in possesso di una patente di guida di categoria superiore (C/C+E, D/D+E), necessario ed indispensabile per svolgere l’attività professionale di autotrasportatore.

Il CQC è una estensione della patente, una abilitazione divenuta obbligatoria anche in Italia in seguito al recepimento della direttiva europea 2003/9/CE (con il Decreto legislativo 286 del 21/11/2005) per coloro che svolgono attività di trasporto per conto terzi con veicoli di massa superiore a pieno carico a 3,5 tonnellate per trasporto merci o di persone. Ci sono due tipologie di CQC, per il trasporto di merci e per il trasporto di persone: si può essere titolari di una sola o di entrambe le qualificazioni.

La qualificazione iniziale dei conducenti dei veicoli delle categorie di cui sopra, adibiti al trasporto di cose o di passeggeri, è diventata obbligatoria in seguito all’emanazione della Direttiva europea 2003/59/CE,

RINNOVO CQC, come ottenerlo

Riguardo al rinnovo CQC, intanto, diciamo subito che tutte le circolari successive al Decreto Ministeriale del 20 settembre 2013 (che recepiva la direttiva europea 2003/59) sono state sostituite dalla Circolare riepilogativa n. 18.559 del 7 giugno 2019.

Andiamo per ordine e verifichiamo come ottenere il CQC e come fare per rinnovarlo in caso fosse scaduto con le 13 novità da sapere, chi può chiederlo, se è indispensabile, la documentazione necessaria, la conversione di un CQC da estero a quello italiano, come richiedere il nulla osta, ecc ecc.

13 novità sul rinnovo CQC e nuovo esame

  • 1. Rilascio KB a tutti i titolari della CQC persone

I titolari di CQC persone possono richiedere con una specifica istanza il rilascio del KB, per sapere come fare nella circolare è spiegato tutto nel dettaglio.

  • 2. Quando si può evitare l’esame CQC?

Per sapere se dovete prendere la CQC o no, tenete presente che il requisito caratterizzante è la professionalità. Anche se i veicoli sono utilizzati per il trasporto merci o passeggeri a fini privati e non commerciali, se i conducenti sono assunti con la qualifica di autisti, allora devono averla.

  • 3. La CQC per documentazione non si può più ottenere

I termini per effettuare il riconoscimento dei diritti acquisiti è scaduto, nella Circolare viene specificato il perché nel dettaglio. 

  • 4. Il titolare di qualificazione CQC conseguita all’estero può richiede la conversione in Italia

Se la patente di guida italiana è scaduta, prima si rinnova la patente e poi procede conio rinnovo CQC presentando la nuova istanza di rilascio di patente CQC. Nella Circolare ci sono tutti i dettagli e come fare passo passo.

  • 5. Riconoscimento della CQC revocata a seguito di conversione patente per trasferimento all’estero

Se la CQC revocata per trasferimento all’estero è ancora valida, è possibile ripristinarla, come fare? E’ tutto spiegato nella Circolare.

  • 6. Richiesta di nulla osta per corsi CQC con marca da bollo

Le autoscuole e gli enti di formazione devono allegare la marca da bollo alla richiesta di autorizzazione per svolgere corsi CQC.

  • 7. I docenti dei corsi CQC devono avere le abilitazioni valide

I docenti dei corsi CQC devono dimostrare di avere seguito i corsi di aggiornamento, anche se sono stati autorizzati. Prima non era specificato.

  • 8. Corsi CQC presso la sede dell’impresa, ora è più difficile

I corsi organizzati all’interno delle imprese possono essere frequentati solo dai dipendenti delle imprese. Le autoscuole devono ottenere uno specifico nulla osta dalla Motorizzazione. I dettagli su come fare sono nella Circolare.

  • 9. Nuovo codice 107 per i limiti d’età sulla CQC 

Il nuovo codice 107 indica la deroga al limite di guida legato all’età, nella Circolare è specificato come fare. Alla fine del percorso formativo la patente CQC presenta il codice 95 e il codice nazionale 107.

  • 10. Esercitazioni in autostrada, vanno bene anche le strade extraurbane principali

Se l’autoscuola ha una sede troppo lontana dall’autostrada, le esercitazioni per la CQC possono essere fatte anche su strade extraurbane principali.

  • 11. Comunicazioni di inizio corso. Cosa si intende per 3 giorni lavorativi?

Nella Circolare si spiega che se, ad esempio, la comunicazione di avvio del corso CQC viene presentata il lunedì: il corso può iniziare il venerdì (a meno che martedì, mercoledì e giovedì non siano festivi).

  • 12. Ripristino di una CQC scaduta

Se il titolare rinuncia alla CQC, non rinnovandola, e dopo cambia idea, dovrà frequentare di nuovo il corso integrativo. Dettagli e spiegazioni su come fare nella Circolare.

  • 13. Esame di revisione della CQC

Tutta la procedura dell’esame di revisione della CQC è stata riscritta nella Circolare.

Nuovo esame CQC

Anche sull’esame CQC ci sono novità, questa volta contenute nel decreto del 5 luglio 2019, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 20 agosto. In pratica, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha cambiato le modalità di esame CQC per ottenere la carta di qualificazione del conducente che risalivano al vecchio ordinamento del 20 settembre 2013.

Ora l’esame è diventato unico: dal 20 novembre 2019 l’esame CQC è composto da una prova di 90 minuti in cui il candidato deve rispondere a 70 quesiti (40 parte comune e 30 parte specifica). Sono consentiti al massimo 7 errori in totale. Nel caso in cui si venisse bocciati, bisogna aspettare almeno un mese prima di poter ripetere l’esame.

E se si era già passato l’esame CQC sulla parte comune?

Se si era già sostenuto l’esame sulla parte comune con la vecchia procedura allora si potrà conseguire la CQC rispondendo solo alle 30 domande di specifiche.

Se si viene bocciati solo sui quesiti specifici, bisogna ripetere solo questa parte e non l’intero esame (ma non deve essere passato più di un anno dal rilascio dell’attestato di frequenza del corso di qualificazione iniziale.

Come si estende la CQC persone a cose o viceversa?

Se volete estendere l’esame CQC da persone a cose o viceversa allora bisogna sostenere solo un esame da 40 minuti con 30 quesiti. Qui si possono fare solo 3 errori però.

Se, infine, si è già in possesso di attestato di idoneità professionale allora si dovrà sostenere solamente un esame da 40 minuti con 50 quesiti e un massimo di 4 errori ammessi.

Video esame CQC cosa cambia con la nuova legge

Video esame CQC cosa cambia con la nuova legge

👉 Vedi anche proroga scadenza patente professionale 2020

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Lascia un commento sul nostro FORUM!

Tags

Anna Francesca Mannai

Blogger, Editor, PR e Digital PR specializzata in Logistica e Trasporto (www.lalogistica.blog). Ha collaborato negli anni con quasi tutte le principali testate di settore, raccontando il mondo dei motori da lavoro, industriali e commerciali: camion, furgoni, rimorchi, macchine cantiere, ma non è mancata qualche incursione anche nell'universo Automotive, Moto e 4x4. Non solo tecnica ma anche attualità, personaggi, eventi, storie e curiosità. Appassionata di Enogastronomia, dal 2015 cura il progetto "Brigata", l'unico blog italiano su Ristorazione e Food&Beverage, visti dal punto di vista della Sala. Oltre il web, Brigata collabora con molti stakeholders nella promozione delle eccellenze made in Italy: professionalità, prodotti, eventi, locali e aziende.
Back to top button
Close