BMWFotogalleryPROVA COMPLETASerie 2TEST

BMW M2 Competition, prova in pista

La BMW M2 Competition è un'auto sportiva con particolari unici che la rendono immediatamente riconoscibile soprattutto dai più fini intenditori. Ne abbiamo messo alla frusta una personalizzata che va veramente forte!

MOTORE
3.0Turbo
CAVALLI
411
Velocità Max.
250km/h
PESO / POTENZA
3,83Kg/CV

La BMW M2 Competition è una cosiddetta limited edition già di per sé dotata di quei particolari unici che la rendono immediatamente riconoscibile solo dai più fini intenditori. Ma, si sa, la personalizzazione, ancorché soft, è come una malattia, e la ricerca spasmodica di quel “qualcosa in più” che differenzi la propria vettura anche da quella di un pur ristrettissimo lotto di appassionati non conosce limiti.

BMW M2 Competition vista posteriore
BMW M2 Competition vista posteriore

Vi raccontiamo le caratteristiche e come va un’auto sportiva esclusiva che è la base della vettura da competizione protagonista del campionato monomarca M2 Racing CS Racing.

BMW M2 Competition caratteristiche esterni

Abituati a vedere le serie M della Casa bavarese di colori prevalentemente bianco o grigio o nero, la colorazione azzurro metallizzato Long Beach Blue sorprende soprattutto per l’eleganza, senza però nulla togliere all’aspetto sportivo della macchina. Se qualcuno avesse incertezze sul modello, i fregi col logo M2 sui parafanghi toglierebbero immediatamente qualsiasi dubbio anche al meno smaliziato.

BMW M2 Competition paraurti anteriore dalle forme aggressive
BMW M2 Competition paraurti anteriore dalle forme aggressive

I più competenti, invece, noterebbero immediatamente il baffo posteriore in carbonio che identifica la Competition dagli altri modelli di M2. Per i più difficili da persuadere, invece, basta aprire le portiere e verificare la scritta M2 Competition sul battitacco in alluminio, così sono convinti tutti.

Test prova abitacolo BMW M2 Competition

Gli interni sono strettamente di serie, e forse meriterebbero un po’ di personalizzazione visto che sono in pretto BMW-style comune per tutte le sportive della Casa bavarese.

Plancia abitacolo BMW M2 Competition Tuning
L’abitacolo della BMW M2 Competition

Anche i sedili M Sport, sportivi e ben contenitivi, non hanno quell’anima competition che ci aspetteremmo da una vettura di questo nome.

Sedile anteriore abitacolo BMW M2 Competition Tuning
Sedile anteriore abitacolo BMW M2 Competition Tuning

BMW M2 Competition caratteristiche assetto

L’assetto dell’auto non è modificato rispetto a quello d’origine, con ammortizzatori M Sport regolabili elettronicamente tramite il pulsante di selezione del setup: Comfort, Sport e Sport+. In quest’ultima modalità varia anche la risposta di sterzo, la tonalità del motore alzando il minimo di 1.000 giri, l’ingerenza dell’ESP e la regolazione del differenziale autobloccante meccanico a controllo elettronico.

Vista laterale BMW M2 Competition Tuning
Vista laterale BMW M2 Competition con cerchi da 19 pollici ed impianto frenante

Resta originale anche l’impianto frenante BMW M in Compound con dischi in acciaio autoventilanti e forati, con la modifica dei soli tubi in materiale Aviokit e l’adozione di pastiglie Pagid.

Cerchi in lega BMW M2 Competition Tuning
Cerchi in lega BMW M2 Competition

I cerchi sono gli opzionali 788 M forgiati Jet Black da 19” con pneumatici Pirelli Sport Competition 245/35R19 anteriori e 265/35R19 posteriori.

BMW M2 Competition caratteristiche motore

Il motore è il 6 cilindri in linea a benzina M Twin Power Turbo di 2.979 cc che in origine eroga 411 CV a 5.230 giri/min con un valore di coppia di 550 Nm.

Vano motore BMW M2 Competition
Il bellissimo vano motore della BMW M2 Competition

Su questa BMW M2 sono stati effettuati interventi di ottimizzazione sulla parte elettronica e su aspirazione e scarico, ottenendo risultati considerevoli in termini di incremento di potenza.

Leva del cambio abitacolo BMW M2 Competition Tuning
Leva del cambio automatico BMW M2 Competition

Cambio BMW M2

Il cambio della M2, fornito sulla versione base in manuale a 6 rapporti, sulla nostra BMW è l’opzionale automatico M a doppia frizione DKG Drivelogic a 7 rapporti. Anche sulla trasmissione si è intervenuti a livello di elettronica, riprogrammando la centralina che ora ha una risposta più immediata accorciando i già ottimi tempi di cambiata e ottimizzando la frenatura dell’autobloccante in funzione dell’aumento di potenza.

Grafico cambio BMW M2 Competition Tuning
Grafico cambio BMW M2 Competition Tuning

Alla fine del trattamento anche la velocità massima cresce in misura notevole, passando da 270 km/h (di serie autolimitata a 250) a 330 km/h.

Test prova in pista BMW M2 Competition turbo da 577 CV, prova come va impressioni di guida

L’avviamento a pulsante sul cruscotto toglie subito quell’impressione di auto-sportiva-ma-normale che in un primo istante aveva trasmesso l’impostazione dell’abitacolo. Il rumore è ovattato quando il motore gira al minimo in modalità Comfort. Innestiamo la marcia utilizzando il paddle destro dietro al volante e ci accingiamo ad entrare nel breve e tortuoso circuito di Castelletto di Branduzzo.

Tante curve e controcurve, tornanti e un breve rettilineo non sono l’optimum per spremere a tutto fondo una sportiva da 580 cavalli, ma saranno certamente un ottimo banco di prova per capirne le caratteristiche basilari: accelerazione, frenata, tenuta laterale, prontezza di risposta.

Procediamo per gradi, qualche giro in Comfort, poi appena un accenno in Sport per andare subito in Sport+. Passando da una modalità all’altra la differenza la si nota, soprattutto per quanto riguarda i servi elettronici, ma anche in fase di erogazione le variazioni si fanno sentire.

BMW M2 Competition un bel traverso di potenza, drifting facile con la M2
BMW M2 Competition un bel traverso di potenza, drifting facile con la M2

In Sport+ la spinta del 6 cilindri sovralimentato è impressionante dai primi giri fino a oltre 7.500 giri/min con una progressione incredibile, senza però dare mai l’impressione di sferrare quel calcio nella schiena tipico dei motori brutali, segno che l’elettronica riesce a interagire con l’incremento di potenza senza mortificare lo spirito sportivo dell’auto. La minore invasività dei controlli elettronici in Sport+ consente di “sentire” meglio la macchina e capire le sue reazioni che, per quanto veloci, non sono mai improvvise.

BMW M2 Competition molto bella vista di dietro dove spiccano le linee della carrozzeria e lo scarico a 4 vie
BMW M2 Competition molto bella vista di dietro dove spiccano le linee della carrozzeria e lo scarico a 4 vie

Certo se si esagera un po’ con il gas a ruote non perfettamente allineate la perdita del retrotreno è improvvisa, ma ci si fa presto l’abitudine dosando sagacemente con l’acceleratore per divertirsi in traversi controllati che sanno tanto di drifting d’alta classe. L’ausilio dell’autobloccante e la giusta taratura delle sospensioni in abbinamento con la barra stabilizzatrice in carbonio, che assicurano rigidezza quel tanto che basta per non penalizzare più di tanto il comfort, sono un valido aiuto per capire il punto di perdita di aderenza e intervenire immediatamente modulando con l’erogazione del gas.

Convincenti anche i freni in acciaio, anche se avremmo pensato ad una soluzione opzionale in carboceramica per un’auto di queste prestazioni, che non palesano alcun accenno a perdita di potenza nonostante le continue sollecitazioni a cui sono sottoposti nel tortuoso tracciato.

Da ultimo il cambio, di cui non abbiamo provato l’ebbrezza di sfruttare tutte sette le marce, ma che ci è sembrato velocissimo nell’innesto dei rapporti e pronto in scalata, con tempi di reazione veramente infinitesimali.

BMW M2 Competition, conclusioni test: cosa ne pensiamo?

La BMW M2 Competition è una vettura che dà senza dubbio sensazioni particolari, con una spinta incredibile che obbliga il pilota a correggere il sovrasterzo di potenza appena affonda deciso sull’acceleratore, ma che trasmette quel necessario senso di sicurezza grazie alle reazioni non brutali.

Pollice alzato, Alberto Bergamaschi il tester di Newsauto sulla BMW M2 Competition
Alberto Bergamaschi il tester di Newsauto sulla BMW M2 Competition, pollice alzato

Una drift-car stradale con un costo di preparazione abbordabile -riferito al modello-, poco meno del 15% del prezzo dell’auto.

👉 BMW M2 Competition caratteristiche scheda tecnica
👉 La preparazione sportiva stradale per la BMW M2 Competition

Foto BMW M2 Competition

Potrebbe interessarti (anzi te lo consiglio):

👉 Caratteristiche BMW M2 CS

👉 Caratteristiche BMW M2 CS Racing

👉 BMW M2 CS Racing 2022

👉 BMW M2 CS, 550 CV by dÄHLer

👉 Listino prezzi BMW M2 👉 Annunci usato BMW M2

Se sei appassionato di auto sportive, ti consigliamo di non perdere in edicola l’ultimo numero del magazine ELABORARE (ORDINA ON LINE) i cui arretrati puoi trovare comodamente sullo SHOP
👉 Ricerca auto provate
👉 Ricerca argomenti di tecnica

Elaborare magazine dal 1996 la bibbia per gli appassionati di auto sportive e da corsa
Elaborare magazine, dal 1996 la bibbia per gli appassionati di auto sportive e da corsa

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

POSITIVO

– Sensazione di potenza
– Prontezza di innesto delle marce
– Eleganza dell’insieme

NEGATIVO

– Abitacolo poco personalizzato
– Troppo elegante per essere “cattiva”

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Alberto Bergamaschi

Laureato in legge, giornalista, per 35 anni a capo delle Relazioni Pubbliche di Continental, appassionato di corse d’auto, dal 1971 ha disputato oltre 500 gare al volante di una settantina di vetture differenti. Pilota ufficiale Simca a fine anni ‘70, Fun Cup e Kia negli anni 2000, nel 1979 si aggiudica la Coppa CSAI Rally Nazionali classe 1300 gruppo 2, nel 2000 è vice-campione di Formula Ford, dal 2002 al 2010 si aggiudica ben sette titoli nazionali Fun Cup in pista e sul ghiaccio, nel 2010 è Campione Italiano Turismo di Serie. Inoltre nel 2005 è secondo assoluto al Motor Show con la Fun Cup, nel 2008 è primo di classe alla 24 ore del Nuerburgring, nel 2012 è testimonial a Mosca alla Corsa dei Campioni “Za Rulem” con Alain Prost e David Coulthard. Attualmente si cimenta principalmente con le auto storiche, in pista con l’Alfa 2000 GTV Bertone e nei rally col Maggiolone 1303S “Salzburg” ex-works.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto