F1 news Formula 1GUIDE CONSIGLI AUTORacing

Regolamento tecnico F1 2023

Cosa cambia nel regolamento tecnico in Formula 1 nel 2023, tra modifiche aerodinamiche e altezza da terra anti porpoising, roll-bar più resistenti in caso di cappottamento, peso minimo e kit con appendici e parafanghi da installare sulle monoposto in caso di pioggia.

Il campionato mondiale di F1 appena terminato è stato caratterizzato da grandi cambiamenti regolamentari, quali l’effetto suolo e le gomme ribassate, che hanno completamente rivoluzionato i progetti delle monoposto rispetto al 2021.

Regolamento tecnico F1 2023

Un tale salto tecnologico, una volta sottoposto alla prova dei fatti in pista, non poteva non necessitare di aggiustamenti regolamentari.

Regolamento tecnico F1 2023
Nel 2023 la FIAS introduce novità regolamentari in F1

Infatti per la stagione 2023 la Federazione Internazionale ha previsto delle modifiche regolamentari atte a risolvere i problemi emersi in questa prima stagione di applicazione del nuovo regolamento tecnico delle monoposto ad effetto suolo.

Aerodinamica regolamento F1 2023

Una parte preponderante delle modifiche 2023 interesserà l’aerodinamica delle vetture:

  • verrà aumentata di 15 mm l’altezza da terra dei bordi del fondo e saranno apportate modifiche al diffusore, alzandone l’altezza minima da terra di 10 mm, per eliminare il porpoising, ovvero il fenomeno di stallo dei condotti Venturi presenti nel fondo delle monoposto che, specie a inizio 2022, faceva saltellare le auto nei rettilinei più lunghi. 
  • i bordi del fondo saranno più rigidi, con una deformazione massima che non dovrà superare i 5 mm sia verso il basso sia verso l’alto, quando si applica una forza di 250 N (poco più di 25 kg). Il punto in cui viene effettuata la prova è la parte del fondo davanti alle ruote posteriori.
  • saranno vietati i flap svergolati sull’ala anteriore tipo Mercedes W13, ma sarà aumentata da 35 a 40 mm l’altezza di regolazione del flap.
Aerodinamica regolamento F1 2023 porpoising
Sale l’altezza minima delle monoposto per eliminare il porpoising

Regolamento F1 2023 sicurezza

Previste anche modifiche al roll bar, fondamentale per la sicurezza dei piloti in caso di capottamento: l’intervento tecnico è stato ritenuto doveroso considerando le conseguenze dell’incidente di Zhou a Silverstone, nel quale la monoposto Alfa Romeo condotta dal pilota cinese si è capovolta, perdendo il roll bar nell’impatto a terra. 

Le nuove regole prevedono un roll bar più robusto, la cui sommità deve raggiungere un’altezza da terra di 950 mm, contro i 900 mm attuali. Il test di resistenza sarà effettuato applicando una forza di 49 kN.

Regolamento F1 2023 sicurezza
Il roll bar nel 2023 è più robusto per evitare rotture come quella dell’Alfa Romeo a SIlverstone

Modifiche previste anche per i serbatoi: saranno dotati di una valvola che farà sfogare i vapori di benzina quando la pressione interna supererà 1 bar. La benzina dovrà essere più fredda di 10 gradi rispetto alla temperatura ambiente, ma con una temperatura minima ammessa di 10 gradi centigradi.

Regolamento F1 2023 gara su bagnato

La commissione tecnica della F.1 si è riunita in occasione dell’ultimo GP del 2022, ad Abu Dhabi, per confrontarsi sull’annoso problema della visibilità, e quindi della sicurezza, in caso di gare sotto la pioggia.

Un singolo pneumatico full wet può arrivare a espellere circa 85 litri di acqua al secondo, creando la tipica nuvola d’acqua dietro alle vetture, che riduce drasticamente la visibilità per i piloti, nonostante le luci posteriori di sicurezza di cui sono dotate le moderne F.1.

Regolamento F1 2023 in caso di pioggia
Le monoposto potrebbero prevedere kit di appendici aerodinamiche da applicare in caso di pioggia

Emblematici sono stati il Gran Premio del Giappone 2022, durato 3 ore, e soprattutto l’imbarazzante Gran Premio del Belgio 2021, praticamente non disputato. Proprio per evitare il ripetersi di simili situazioni, la FIA ha deciso di passare all’azione.

Le prime indiscrezioni lasciano trapelare che è in corso lo studio di un kit di appendici aerodinamiche da applicare in corrispondenza delle ruote in caso di pioggia. Ovviamente queste componenti ausiliarie dovranno essere installabili velocemente (prima della partenza) e non essere di ostacolo ai meccanici durante il pit stop, garantendo al contempo una robustezza adeguata.

La soluzione allo studio comporta l’installazione di veri e propri “parafanghi” (wheel-arches), dei quali si stanno già valutando, nei programmi di simulazione fluidodinamica CFD, gli impatti sull’assetto aerodinamico delle monoposto. L’obiettivo della commissione tecnica è una definizione di questi nuovi elementi tale da renderli uguali per tutte le scuderie, assicurando un impatto minimo sulle prestazioni delle vetture.

Regolamento F1 2023 pioggia parafanghi ruote posteriori
Le monoposto in caso di pioggia potrebbero montare dei speciali parafanghi

Va considerato anche che parte della “nebbia” sollevata dalle monoposto proviene dall’estrattore posteriore, infatti anch’esso è oggetto di studi approfonditi per capirne meglio il comportamento in caso di pioggia e limitarne quindi gli effetti. Secondo la Federazione, potremmo vedere in pista queste nuove appendici già nella seconda parte della stagione 2023, per far parte poi della normale dotazione delle squadre dall’inizio della stagione 2024.

Peso minimo monoposto F1 2023

Infine, il peso minimo delle monoposto 2023 sarà di 796 kg invece di 798 kg. Valore in ogni caso molto elevato se confrontato con le monoposto di inizio millennio, che pesavano 600 kg.

Peso minimo monoposto F1
Il peso minimo delle monoposto nel 2023 è di 796 kg

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Nuovo regolamento motori F1 2026

👉 Calendario F1 2022
👉 Calendario F1 2023

👉 Classifiche F1 2022 Piloti e Costruttori

👉 Punti F1 piloti e costruttori come si assegnano

👉 Tempi LIVE F1

👉 Nuove monoposto con effetto suolo

👉 NOTIZIE F1 2022

👉 Nuovo regolamento tecnico F1 2022

👉 Cosa ne pensi sulla stagione di F1? Fai un salto sulla discussioni F1 sul FORUM!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Manuel Cerfeda

Da sempre appassionato di automobilismo e di scrittura. È ingegnere e lavora nel campo delle energie rinnovabili. Ama leggere libri di tecnica motoristica e automobilistica, in particolare sulla storia della Formula 1 e delle auto da competizione in genere. Molto attratto dalle auto storiche, in particolare le youngtimer: il suo sogno è una Porsche 911 Carrera 4 Targa, serie 964 del 1989. Possibilmente rossa. E' autore umoristico e satirico: scrive sulla rivista “L’odio digitale” e ha pubblicato i libri “Autopsie ipocaloriche e altri metodi per perdere peso” e “L'anagramma di derma (non madre, quell'altro)”.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto