Formula 1 - F1Notizie autoPistaRacing

Incidente F1 capovolta, cosa è successo al roll-bar

Bruttissimo incidente durante il GP di Gran Bretagna dove ha ceduto il roll-bar dell'Alfa Romeo. Il pilota cinese è stato salvato dall'Halo. Studiamo la dinamica e la struttura del roll-bar di Alfa Romeo che ha ceduto su se stesso.

La gara del GP di Gran Bretagna di Formula 1 2022 si è aperta con il terribile incidente del pilota Alfa Romeo Guanyu Zhou. Il rookie cinese è strisciato sull’asfalto per diversi metri a bordo della sua C42 capovolta, finendo la sua corsa sulle reti di contenimento della Curva Stowe: è uscito illeso dal terribile impatto grazie alla presenza dell’Halo che gli ha salvato la vita. Analizzeremo la dinamica dell’incidente facendo un focus su quella che è la particolare struttura del roll-bar della C42, la quale è collassata al momento dell’impatto.

Incidente GP di Gran Bretagna

Nel corso della sua quasi centenaria storia, la massima espressione dell’automobilismo ci ha da sempre abituati ad assistere a incidenti tanto spettacolari quanto cruenti. Alcuni di questi si sono conclusi col peggiore degli epiloghi, mentre altri sono terminati con qualche escoriazione da parte del pilota ed un grande spavento da parte del pubblico. Questo è il caso del debuttante pilota di Alfa Romeo Sauber Guanyu Zhou che a Silverstone, durante la gara del GP di Gran Bretagna, è stato protagonista di un incidente clamoroso (qui il video) alla prima curva tenendo tutti col fiato sul collo.

Incidente Guanyu Zhou Silverstone Alfa Romeo capovolta l'Halo ha protetto il pilota
Incidente Silverstone GP Gran Bretagna Guanyu Zhou su Alfa Romeo, l’Halo ha protetto il pilota

La dinamica dell’incidente che ha coinvolto il numero 24 di Alfa Romeo non si discosta molto, almeno in quella che è stata l’origine dello scontro, da quelle viste fino adesso in Formula 1. Quando un pilota si trova a centro schieramento sa bene che la percentuale di contatti con altre monoposto è elevatissima e basta veramente un leggero urto con un’altra vettura per innescare un incidente a catena come quello a cui abbiamo assistito durante l’ultima gara del mondiale di Formula 1 (qui il calendario della stagione 2022).

La spettacolarità dell’incidente sta nell’imprevedibilità del ribaltamento di cui è stata vittima l’Alfa Romeo C42, la quale ha strisciato prima su asfalto, e poi su ghiaia, arrestando la sua corsa contro le reti di contenimento presenti in Curva 1 (Stowe). Bisogna oltremodo precisare, a differenza di quanto si è detto e letto sul web, che la vettura di Guanyu Zhou non si è ribaltata per una mera questione aerodinamica, bensì a causa del contatto tra la sua ruota posteriore destra e l’anteriore sinistra della Mercedes W13 di George Russell il cui impatto ha creato una sorta di “rampa” che ha capovolto la vettura del cinese a testa in giù. Grazie alla presenza dell’Halo si è venuto a creare un ingente spessore tra la testa del pilota e l’asfalto, compito a cui, di norma, dovrebbe adempiere il roll-bar della monoposto che, invece, è collassato al momento del contatto con l’asfalto.

Roll-bar con problema strutturale sull’Alfa Romeo Sauber C42?

Al momento dell’impatto con l’asfalto, abbiamo assistito ad un evento atipico: il roll-bar della C42 di Zhou si è disintegrato al momento dell’impatto con l’asfalto. Questa cosa non dovrebbe accadere poiché i crash test telaistici, a cui sono sottoposte le vetture di F1, devono superare dei test statici di compressione con parecchie tonnellate applicate simultaneamente da più direzioni (in contemporanea) così che la struttura resti più solidale a quella del telaio affinché non subisca né una deformazione né una disintegrazione totale, come è avvenuto durante la corsa inglese.

Incidente Guanyu Zhou, profilo roll-bar a lama monolitica di Alfa Romeo C42
Profilo roll-bar a lama monolitica di Alfa Romeo C42

Bisogna analizzare la particolarissima struttura del roll-bar montato a bordo dell’Alfa Romeo C42. Questa struttura si definisce “a lama monolitica” e somiglia molto ad una sorta di torretta che ha un profilo alare verticale, diverso dal classico roll-bar triangolare integrato nella forma della presa dinamica del motore. Infatti, una struttura triangolare che poggia su più punti è più rigida (quindi iperstatica per utilizzare il gergo della meccanica), mentre il profilo del roll-bar di Alfa Romeo – il cui appoggio verte su un unico punto – ha subito pesantissime sollecitazioni laterali che hanno sradicato la struttura facendola collassare su se stessa. Questa caratteristica può aver causato il cedimento.

Alfa Romeo Sauber sotto inchiesta dalla FIA?

Come è avvenuto per l’incidente di Grosjean durante il GP di Bahrain del 2020, sarà analizzata la dinamica che ha coinvolto la vettura di Guanyu Zhou in un bruttissimo scontro. L’evento potrebbe fornire lo spunto necessario per poter modificare, in tempi brevi, la forma dei roll-bar delle monoposto di Formula 1 evitando che si ripeta una situazione analoga.

Incidente Grosjean nel Gp del Bahrain, monoposto in fiamme
Incidente Grosjean nel Gp del Bahrain, monoposto in fiamme

Già dall’incidente che ha coinvolto Grosjean si è subito rivista e resa più resistente la struttura del serbatoio delle monoposto di F1, mentre dopo il tragico incidente di Jules Bianchi avvenuto a Suzuka nel 2015, hanno da subito pensato ad una soluzione per proteggere la parte superiore dei piloti, partorendo il dispositivo di sicurezza denominato Halo.

Potrebbe interessarti (anzi te lo consiglio):

👉 Calendario F1 2022

👉 Classifiche F1 2022 Piloti e Costruttori

👉 Tempi LIVE F1

 👉 Nuove monoposto con effetto suolo

👉 NOTIZIE F1 2022 Nuovo regolamento tecnico F1 2022

 Cosa ne pensi sulla stagione di F1? Fai un salto sulla discussioni F1 sul FORUM!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Raffaello Caruso

Mi presento: sono Raffaello Caruso, classe '94 di Catanzaro studente presso l'Università degli Studi "L'Orientale" di Napoli, e da sempre sono un grande appassionato di motori. Coltivo questa grande passione dall'età di 3 anni grazie a mio padre che da sempre mi ha istruito nel "culto dei motori" e, sempre grazie a lui, all'età di 8 anni ho partecipato in maniera agonistica a diverse competizioni di GoKart. Seguo assiduamente ogni competizione motoristica a quattro ruote, soprattutto la F1 di cui sono grande appassionato.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto