EV DrivingFiatNotizie auto

Stellantis EV Day: nuove auto elettriche e gigafactory a Termoli

In occasione dell’EV Day Stellantis ha annunciato il piano di investimenti oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 nell’elettrificazione. Tutti i brand avranno una gamma elettrica inoltre sorgeranno cinque gigafactory in Europa e in Nord America, di cui una in Italia a Termoli.

Stellantis in occasione dell’EV Day 2021 ha presentato la strategia di elettrificazione di tutti i suoi marchi, che punta a realizzare tecnologie avanzate elettrificate a prezzi accessibili. Tutti i 14 brand della galassia Stellantis avranno nuovi modelli elettrici ed elettrificati, tra cui i marchi sportivi Alfa Romeo e Abarth che sia apprestano a lanciare sul mercato le loro prime auto 100 % elettriche.

Nel futuro di Fiat invece potrebbe essere riproposta la Centoventi, che sarà a tutti gli effetti l’erede elettrica della Panda. Nell’EV Day Carlos Tavers ha anche annunciato anche che in Italia a Termoli sarà realizzata la gigafactory italiana di Stellantis.

Stellantis EV Day, la strategia di elettrificazione

Stellantis dal punto di vista finanziario prevede di aumentare la propria redditività nei prossimi anni, grazie alla riduzione dei costi delle batterie, dalla progressiva ottimizzazione dei costi di distribuzione e produzione e dalla realizzazione di nuovi flussi di ricavi, derivanti in particolare dai servizi connessi e dai futuri modelli di business del software.

L’obiettivo di Stellantis intende diventare leader di mercato nei veicoli a basse emissioni (LEV). Da qui al 2030, il mix LEV di Stellantis per le autovetture è destinato a crescere stabilmente in Europa oltre il 70% – 10 punti percentuali in più rispetto alle attuali ipotesi del settore sul mix del mercato generale. Negli Stati Uniti, il mix LEV di Stellantis per autovetture e veicoli commerciali leggeri dovrebbe superare il 40% entro il 2030.

Stellantis investe 30 miliardi di euro entro il 2025 nelle sua strategia di elettrificazione
Stellantis investe 30 miliardi di euro entro il 2025 nelle sua strategia di elettrificazione

Per attuare questa strategia, Stellantis prevede di investire oltre 30 miliardi di euro entro il 2025 nell’elettrificazione e nello sviluppo del software, inclusi gli investimenti azionari effettuati in joint venture per il finanziamento delle rispettive attività, e punta a mantenere il 30% di efficienza in più rispetto alla media del settore nel rapporto tra la spesa totale di Ricerca e Sviluppo e Capex e i ricavi.

Gigafactory Stellantis in Italia a Termoli

La roadmap di Stellantis per l’elettrificazione abbraccia l’intera catena del valore. Con la sua strategia di approvvigionamento delle batterie per i veicoli elettrici, l’azienda prevede di assicurarsi oltre 130 gigawattora (GWh) di capacità entro il 2025 e oltre 260 GWh entro il 2030.

Il fabbisogno di batterie e componenti per EV sarà soddisfatto grazie a un totale di cinque “gigafactory” in Europa e in Nord America, a cui si aggiungeranno altri contratti di fornitura e partnership a supporto della domanda totale. In Europa sorgeranno in Francia, Germania e soprattutto in Italia a Termoli e non Mirafiori come si era ipotizzato in un primo momento.

A Termoli sorgerà la Gigafactroy italiana di Stellantis

Stellantis ha firmato Memorandum d’Intesa (MOU) con due partner attivi nell’estrazione di litio geotermico dalle brine in Nord America e in Europa per assicurarsi un approvvigionamento sostenibile di litio, identificato come la materia prima per batterie più critica in termini di disponibilità.

Abbassare i costi delle batterie per auto elettriche

Oltre a sostenere le strategie di approvvigionamento, le sinergie di Stellantis in termini di competenze tecniche e di produzione permetteranno anche di abbassare i costi delle batterie. L’obiettivo è quello di ridurre i costi dei pacchi batterie di oltre il 40% tra il 2020 e il 2024 e di un ulteriore 20% o più entro il 2030. Tutti gli aspetti del pacco batterie possono concorrere alla riduzione dei costi: l’ottimizzazione generale del pacco, la semplificazione del formato dei moduli, l’aumento delle dimensioni delle celle e i progressi nella chimica delle batterie.

La riduzione dei costi è una priorità per Stellantis, che punta a rendere il costo totale di proprietà degli EV equivalente a quello dei veicoli con motore a combustione interna entro il 2026.

Motore elettrico, batteria Peugeot e-Rifter
Stellantis punta ad abbassare il costo delle batterie per proporre nuovi modelli a prezzi popolari

L’autonomia e la ricarica rapida sono fattori cruciali per l’adozione su larga scala dei veicoli BEV. Stellantis affronta questa sfida con un’offerta BEV che raggiunge autonomie di 500-800 km/300-500 miglia, con capacità di ricarica rapida di ben 32 km/20 miglia al minuto.

Batterie auto elettriche del futuro allo stato solido

I pacchi batterie saranno configurati in modo differenziato per diverse tipologie di veicoli – dalle configurazioni più piccole per le city car fino ai pacchi ad alta densità energetica destinati ai veicoli commerciali e alle vetture ad alte prestazioni.

Ricarica auto elettriche a Parma
Nel 2026 Stellantis introdurrà le nuove batterie allo stato solido

Per il 2024 è previsto l’impiego di due tipologie di batterie in risposta alle diverse esigenze dei clienti: un’opzione ad alta densità energetica e un’alternativa priva di nichel e cobalto. Per il 2026 è invece prevista l’introduzione della prima tecnologia competitiva per le batterie allo stato solido.

Auto elettriche Stellantis, caratteristiche, autonomia

Nello sviluppo delle future auto elettriche Stellantis ha individuato quattro piattaforme BEV. Le piattaforme sono progettate con un alto livello di flessibilità (lunghezza e larghezza) e condivisione dei componenti, creando economie di scala con cui ogni piattaforma potrà supportare fino a due milioni di unità ogni anno.

Le quattro piattaforme sono:

  • STLA Small, con un’autonomia fino a 500 km/300 miglia
  • STLA Medium, con un’autonomia fino a 700 km/440 miglia
  • STLA Large, con un’autonomia fino a 800 km/500 miglia
  • STLA Frame, con un’autonomia fino a 800 km/500 miglia
Le nuove auto elettriche Stellantis saranno sviluppate su 4 nuove piattaforme BEV

Motori per auto elettriche Stellantis EDM

La propulsione sarà affidata ad una famiglia di tre moduli di azionamento elettrico (EDM) che uniranno motore, cambio e inverter. Questi EDM, compatti e flessibili, sono facilmente scalabili e possono essere configurati per la trazione anteriore, posteriore, integrale e 4xe.

Le vetture piùpiccolo potranno contare su un’unità EDM da 95 CV e 400 Volt, mentre per le vetture più grandi di gamma media avranno potenze comprese tra i 170 e i 245 CV, anche in questo caso 400 V. Sui modelli più spinti i motori EDM saranno a 400 o 800 Volt, con potenze tra i 204 e i 449 CV.

Stellantis introdurrà anche un nuova generazione di motori elettrici EDM da 400 e 800 Volt

Un programma di aggiornamento dei componenti hardware e di aggiornamento ‘over-the-airdel software prolungherà la vita delle piattaforme fino al prossimo decennio.

Tavares: “Stellantis punta a diventare leader del mercato”

“Il cliente è sempre la massima priorità di Stellantis e il nostro impegno, con questo piano di investimento da oltre 30 miliardi di euro, è di offrire veicoli iconici con caratteristiche di prestazioni, funzionalità, stile, comfort e autonomia elettrica capaci di integrarsi perfettamente nella vita di ogni giorno – ha dichiarato Carlos Tavares, CEO di Stellantis.

La strategia che oggi abbiamo definito assegna la giusta quota di investimenti alle tecnologie necessarie per arrivare sul mercato al momento giusto, facendo sì che Stellantis possa rafforzare la libertà di movimento nel modo più efficiente, economico e sostenibile.

Carlos Tavares, CEO di Stellantis, durante l’EV Day 2021

Il nostro percorso di elettrificazione rappresenta probabilmente la tappa più importante per iniziare a definire il futuro di Stellantis ad appena sei mesi dalla sua nascita, e oggi l’intera azienda sta dedicando tutto il suo impegno a superare le aspettative di ogni cliente e ad accelerare le nostre iniziative per ridefinire la mobilità in tutto il mondo – ha concluso Carlos Tavares.

Possediamo le dimensioni, le capacità, lo spirito e la sostenibilità per poter raggiungere margini di profitto operativo rettificati a doppia cifra, posizionarci alla guida del settore come modello di efficienza e fornire veicoli elettrificati capaci di accendere la passione dei clienti.”

EV Day 2021 la strategia di elettrificazione Fiat VIDEO
EV Day 2021 la strategia di elettrificazione Peugeot VIDEO
EV Day 2021 la strategia di elettrificazione Jeep VIDEO
EV Day 2021 il centro per la riparazione della batterie a Russelsheim VIDEO

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

? Tutte le notizie su Stellantis

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride
👉 Costo ricarica auto elettrica

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche

👉 Tariffe ricarica auto elettriche

👉 Ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto