Notizie auto

Sciopero benzinai a gennaio 2023, orari

I benzinai revocano la seconda giornata di sciopero, che termina alle 19.00 del 25 gennaio 2023.

I benzinai revocano il secondo giorno di sciopero, in programma dal 25 al 26 gennaio 2023. La protesta è durata solo 24 ore. La Fegica e la Figisc, al termine dell’ultimo incontro con il Ministero del Made Italy e delle Imprese hanno deciso di revocare il secondo giorno dello sciopero, allineandosi alla scelta annunciata già dalla Faib Confesercenti. Le associazioni hanno protestato contro il decreto carburanti trasparenza.

⛽ Sciopero benzinai 24 e 25 gennaio 2023

Lo sciopero dei benzinai su tutta la rete italiana è iniziato alle 19.00 del 24 gennaio ed è terminato alle 19.00 del 25 gennaio 2023. La protesta, indetta dalle sigle Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, è durata solo 24 ore.

Sciopero benzinai 14, 15 e 16 dicembre 2020, orari
Lo sciopero di gennaio 2023 è terminato alle 19.00 del 25 gennaio 2023

Lo stop ha riguardato tutte le stazioni di servizio, comprese quelle self service. Le sigle hanno assicurato i servizi minimi essenziali.

Sciopero benzinai gennaio 2023, perché?

I benzinai italiani hanno indetto lo sciopero di gennaio 2023 contro la decisione del Governo Meloni che obbliga i distributori ad esporre il prezzo medio nazionale dei carburanti, a fianco a quello effettivamente praticato (in vigore dal 15 gennaio). E soprattutto perché si sono sentiti chiamati in causa come responsabili dell’aumento dei carburanti.

Nella loro protesta i benzinai hanno chiesto di rivedere il decreto specialmente nella parte che li obbliga ad esporre il prezzo medio nazionale accanto a quello praticato dal distributore.

Sciopero benzinai dicembre 2020
I gestori contestano al Governo il decreto trasparenza

Nel decreto iniziale sono previste sanzioni per i trasgressori, tra cui la chiusura dell’impianto fino a 90 giorni.

App prezzi carburanti Governo

In occasione del tavolo di confronto con i benzinai, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha istituito un app gratuita dove gli automobilisti possono conoscere il prezzo medio regionale e, con la geolocalizzazione, anche quello praticato da ciascun distributore nel perimetro desiderato.

Inoltre tra le modifiche apportate viene stabilito che l’obbligo di comunicazione sarà settimanale (e non più giornaliero) e ad ogni variazione del prezzo. La chiusura per omessa comunicazione avverrà solo dopo 4 omesse comunicazioni settimanali nell’arco di 60 giorni (e non più dopo tre violazioni senza limiti temporali anche non consecutivi).

Arriva l’app ufficiale del Ministero su tutti i prezzi dei carburanti (nella foto il tavolo di trattativa con i benzinai)

L’eventuale chiusura potrà essere decisa da 1 a 30 giorni (prima la previsione era da 7 a 90 giorni). Le sanzioni per omessa comunicazione andranno da un minimo di 200 a un massimo di 800 euro, a seconda del fatturato dell’impianto (prima raggiungevano i 6.000 euro).

Leggi anche:

Prezzo medio nazionale dei carburanti

Come risparmiare sul carburante

Prezzi carburanti su Google Maps

Accise carburanti, prezzo reale benzina e diesel

Benzina e gasolio a 1 euro, prezzo agevolato

Come fare carburante al self service da soli?

Come pagare al self service di carburante

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sulla discussioni sul FORUM!






ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto