Notizie auto

Multe stradali, bloccato l’aumento da gennaio 2023

Nel ddl Bilancio è stato scongiurato l'aumento delle multe stradali, che dal 1° gennaio 2023 dovevano salire del 11% in base all'andamento dell'inflazione.

A gravare sulle spalle degli italiani e degli automobilisti, oltre al caro carburanti e alla crisi energetica, dal 1° gennaio 2023 doveva arriva anche l’aumento delle multe stradali, che segue l’andamento dell’inflazione. La stangata è stata evitata all’interno del ddl Bilancio, approvato dal Consiglio dei Ministri. Senza l’intervento governativo ci sarebbe stato l’aumento del 11% previsto dal Codice della Strada, a seguito dell’aggiornamento biennale delle sanzioni amministrative. L’ultimo adeguamento delle tariffe c’è stato alla fine del 2020, quando gli importi furono rivisti al ribasso dello 0,2%.

Aumento multe stradali bloccato

Nel ddl Bilancio 2022 del Governo Meloni è stato annullato l’aumento programmato delle multe stradali che dovevano salire del 11% a causa di un aggiornamento automatico delle tariffe, che si basa su un parametro dell’Istat, il Foi, l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati.

Aumento multe stradali da gennaio 2023
Dal 1° gennaio 2023 non ci saranno gli aumenti previsti dall’inflazione

In pratica se l’inflazione aumenta sale anche il costo delle infrazioni stradali, come previsto dal Codice della Strada. Infatti nel 2020, a causa dell’inflazione negativa, gli importi furono rivisti al ribasso dello 0,2%.

Nuove multe stradali da gennaio 2023

Senza l’intervento governativo ci sarebbe stata una stangata sulle nuove multe stradali da gennaio 2023. In termini pratici l’ASAPS, l’Associazione sostenitori Polstrada, nei giorni scorsi aveva quantificato l’importo dell’aumento sulle principali multe stradali. Ad esempio, una sanzione per divieto di sosta passerebbe da 42 a 46 euroun accesso abusivo alle ZTL da 83 a 92 euro e un eccesso di velocità compreso tra 10 e 40 km/h dagli attuali 167 a 185 euro. Anche la multa per l’uso del cellulare alla guida passerebbe da 165 a 181 euro.

Dal 2023 la multa per eccesso di velocità tra 10 e 40 km/h passerebbe da 167 a 185 euro

La stessa ASAPS, pur rispettando il Codice della Strada, aveva avvertito il Governo del pericolo di questo aumento delle multe stradali, soprattutto in un periodo di forte crisi economica per i cittadini.

Con il caro bollette e le difficoltà economiche che attanagliano le famiglie italiane, molte di queste multe rischiano di non essere pagate e sempre ASAPS denuncia il pericolo di “default” stradale: “le multe esaspereranno gli automobilisti e non verranno mai pagate o solo in minima parte, come dimostrato dai cali di incassi del bilancio dello Stato e degli enti locali, in materia di riscossione volontaria”.

Quanto incassano i Comuni dalle multe

Lo scopo di una multa non è quello di fare cassa, ma di sensibilizzare l’automobilista verso il rispetto del Codice della Strada, con i proventi da destinare alla sicurezza e alla manutenzione del manto e della segnaletica stradale. Purtroppo sempre più Enti Locali e soprattutto i Comuni usano lo strumento della multa stradale per fare cassa. Secondo i dati del Ministero dell’Interno, soltanto nelle 21 principali città italiane nel 2021 sono stati incassati 400 milioni di euro di multe e non tutti i proventi sono stati impiegati per la manutenzione del manto stradale o per la segnaletica.

Quanto incassano i Comuni dalle multe
Il Comune di Milano nel 2021 ha incassato oltre 100 milioni di euro dalle multe stradali

Solo il Comune di Milano, primo in questa speciale classifica, ha incassato 102,6 milioni per violazioni al Codice della Strada, di cui quasi 13 milioni dall’autovelox. Di questi, solo 44,8 milioni sono stati destinati alla manutenzione delle strade e dell’asfalto, all’acquisto e all’ammodernamento della flotta di mezzi a disposizione degli agenti della Municipale.

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 MULTE PER INFRAZIONI STRADALI

👉 Autovelox, regolamentazione utilizzo per i Comuni

👉 AVVISO CODICE DELLA STRADA Resta aggiornato su tutte le novità che riguardano il Codice della Strada.

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto