EV DrivingMercedes-BenzNotizie auto

Mercedes-Benz abbandona l’idrogeno, motivi?

Daimler ha deciso di abbandonare lo sviluppo delle auto alimentate ad idrogeno con celle a combustibile, per i costi troppo elevati di produzione e sviluppo rispetto a alle elettriche EV.

La Mercedes-Benz stoppa lo sviluppo dell’idrogeno. Quando si pensava che questo tipo di alimentazione fosse la mobilità del futuro e potesse soppiantare l’elettrico il brand tedesco ha annunciato lo stop dello sviluppo di questa tecnologia alternativa e considerata del futuro. Ma cosa c’è dietro questa decisione di abbandonare l’auto ad idrogeno da parte di Mercedes?

Mercedes-Benz abbandona l’idrogeno, costi troppo alti

Mercedes-Benz ha fermato lo sviluppo della tecnologia con l’idrogeno applicata alle proprie auto per i costi troppi alti e criticità insormontabili: difficoltà di produzione e stoccaggio dell’idrogeno unito all’alto costo di produzione delle stesse automobili a celle di combustibile fuell cell che verrebbero a costare un occhio della testa.

Mercedes-Benz alimentata ad idrogeno, si ferma lo sviluppo delle tecnologia
Per Mercedes-Benz lo sviluppo dell’idrogeno comporta costi troppo alti

Addio alla Mercedes-Benz GLC F-Cell

A seguito della decisione di abbandonare l’idrogeno Mercedes-Benz ha bloccato la produzione della GLC F-Cell, l’unico veicolo fuel cell finora progettato da Daimler a partire dal 2013 ma che non ha mai debuttato ufficialmente sul mercato. Mercedes-Benz aveva condiviso il progetto di quest’auto in collaborazione con Ford e Nissan ma non si è spinta mai verso la produzione reale.

Mercedes-Benz GLC F-Cell, ricarica idrogeno non si farà dopo la decisione di Mercedes di abbandonare l'idrogeno per le auto
Mercedes-Benz GLC F-Cell, stop alla sviluppo

Ora la definitiva pietra tombale sull’auto idrogeno by Mercedes-Benz. Le uniche case auto che continuano a sviluppare questo tipo di tecnologia sono BMW, Hyundai e Toyota.

Mercedes-Benz, l’idrogeno solo sui mezzi industriali

“Le fuel cel funzionano bene. È solo una questione di costi e produzione di scala. Abbiamo bisogno di grandi volumi” – le parole del Responsabile della ricerca e sviluppo Markus Schäfe, che in una intervista ad Automotive News Europe ha stoppato definitivamente lo sviluppo dell’idrogeno da parte di Mercedes-Benz.

Responsabile della ricerca e sviluppo Daimelr e Mercedes-Benz Markus Schäfe
Markus Schäfe, Responsabile della ricerca e sviluppo Daimler Mercedes-Benz

Nella sua strategia il gruppo Daimler proseguirà lo studio delle fuel cell solo sui mezzi industriali grazie a una partnership attiva con Volvo.

Potrebbero interessarti (anzi te li consiglio):

Auto a idrogeno quali sono

Mobilità del futuro auto idrogeno

Auto a idrogeno Bosch lavora alle celle a combustibile

Visita EV Driving

E poi guarda anche questo video di DriveK che spiega l’auto ad idrogeno e perché non si diffonde…

Perché l’auto ad idrogeno non si diffonde…

Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

? Lascia un commento sul fatto che Mercedes abbia deciso di abbandonare la via dell’idrogeno qui sotto o sul nostro FORUM dove ti invitiamo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto