Formula 1 - F1News auto

Calendario F1 2019: tappe, date, orari dei gran premi di Formula 1

Calendario definitivo e gli orari della nuova stagione di F1 2019. Tutte le date, quando e dove si corrono i 21 Gran Premi 2019

CALENDARIO FORMULA 1 2019 – Il calendario di F1 per la stagione 2019 è stato definito in occasione del Consiglio mondiale del motorsport FIA che ha ufficializzato le date dei gran premi per l’anno 2019.

La 70ª stagione del Mondiale di F1 prende il via dall’Australia il 17 marzo 2019 e termina ad Abu Dhabi il 1° dicembre. Nel mezzo 21 GP in tutti e cinque i continenti con l’Europa a farla da padrona. In Italia si corre come sempre a settembre a Monza, per l’esattezza nel week end dal 6 al 8 settembre.

Tra i protagonisti Mercedes, Ferrari, Alfa Romeo Racing-Ferrari, Red Bull Racing-Honda, Renault, Haas-Ferrari, McLaren-Renault, Racing Point-BWT Mercedes, Scuderia Toro Rosso (STR14)-Honda e Williams-Mercedes

CALENDARIO FORMULA 1 2019

F1 2019 DATE, DOVE SI CORRE

DATE GRAN PREMIO PISTA/CIRCUITO CLASSIFICA
17 marzo GP Australia Melbourne link QUI
31 marzo GP Bahrain Sakhir link QUI
14 aprile GP Cina Shanghai link QUI
28 aprile GP Azerbaigian Baku link QUI
12 maggio GP Spagna Montmelò link QUI
26 maggio GP Monaco Montecarlo link QUI
09 giugno GP Canada Montreal link QUI
23 giugno GP Francia Le Castellet link QUI
30 giugno GP Austria Spielberg link QUI
14 luglio GP Gran Bretagna Silverstone link QUI
28 luglio GP Germania Hockenheim
04 agosto GP Ungheria Budapest
01 settembre GP Belgio Spa
08 settembre GP Italia Monza
22 settembre GP Singapore Marina Bay
29 settembre GP Russia Sochi
13 ottobre GP Giappone Suzuka
27 ottobre GP Messico Città del Messico
03 novembre GP Stati Uniti Austin
17 novembre GP Brasile San Paolo
01 dicembre GP Abu Dhabi Yas Marina

Classifiche F1 2019 piloti e costruttori

ORARI F1 2019

Prove libere, qualifiche e gare

GRAN PREMIO FP1 FP2 FP3 QUALIFICHE  GARA
Australia 12:00-13:30 16:00-17:30 14:00-15:00 17:00-18:00 16:10
Bahrain 14:00-15:30 18:00-19:30 15:00-16-00 18:00-19:00 18:10
Cina 10:00-11:30 14:00-15:30 11:00-12:00 14:00-15:00 14:10
Azerbaijan 13:00-14:30 17:00-18:30 14:00-15:00 17:00-18:00 16:10
Spagna 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Monaco 11:00-12:30 (Giovedì) 15:00-16:30 (Giovedì) 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Canada 10:00-11:30 14:00-15:30 11:00-12:00 14:00-15:00 14:10
Francia 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Austria 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Gran Bretagna 10:00-11:30 14:00-15:30 11:00-12:00 14:00-15:00 14:10
Germania 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Ungheria 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Belgio 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Italia 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Singapore 16:30-18:00 20:30-22:00 18:00-19:00 21:00-22:00 20:10
Russia 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 14:10
Giappone 10:00-11:30 14:00-15:30 12:00-13:00 15:00-16:00 14:10
Messico 10:00-11:30 14:00-15:30 10:00-11:00 13:00-14:00 13:10
Stati Uniti 11:00-12:30 15:00-16:30 13:00-14:00 16:00-17:00 13:10
Brasile 11:00-12:30 15:00-16:30 12:00-13:00 15:00-16:00 15:10
Abu Dhabi 13:00-14:30 17:00-18:30 14:00-15:00 17:00-18:00 17:10

F1 Gp Brasile 2018, Ferrari (Vettel)

Bandiera a scacchi F1 2019

Durante il Consiglio mondiale del motorsport FIA sono state elencate anche altre novità che riguardano la stagione 2019 di Formula 1. Innanzitutto c’è un’evoluzione che riguarda la bandiera a scacchi, il simbolo che chiude le corse automobiliste, che dal 2019 continuerà a sventolare ma viene affiancata da un pannello luminoso a “scacchi”.

F1 2018 Gp Stati Uniti, Raikkonen (Ferrari) bandiera a scacchi

F1 novità 2019

Il regolamento sportivo 2019 invece introduce una modifica alla gestione delle fasi di ripartenza dopo un periodo di safety car, modificando le norme sul punto nel quale i piloti possono sorpassare (solamente una volta transitati sul rettilineo di partenza, in precedenza invece potevano farlo dopo aver superato una “safety car line”).

F1 2019 luci a Led ala posteriore

Per quanto riguarda la tecnica le monoposto 2019 hanno un’ala posteriore più alta di 5 centimetri, così da migliorare la visibilità posteriore per i piloti. Sempre al retrotreno fanno il loro esordio in gara le luci a LED sulle paratie esterne dell’ala, introdotte per aumentare la sicurezza e variare un po’ il look delle monoposto.

La stagione 2018 di Formula 1 ha visto Lewis Hamilton laurearsi Campione del Mondo per la quinta volta in carriera, tante come Juan Manuel Fangio ed a meno due dal record di Michael Schumacher.

Classifiche F1 2019 piloti e costruttori

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close
Close