FotogalleryGinevraNews autoVideo

Auto ibride 2019, top 5 novità al Salone di Ginevra

Top 5 auto ibride al Salone di Ginevra 2019: Puritalia Berlinetta, Peugeot 3008 Hybrid4/508 Sport Engineered, Jeep Renegade e Compass PHEV, Mercedes-AMG GLE 53 4Matic+ e Mazda M Hybrid

Le auto ibride hanno spopolato al Salone di Ginevra 2019. Rispetto alle elettriche le Hybrid danno maggiori garanzie nei lunghi viaggi. In attesa di un futuro completamente elettrico le auto ibride sono l’alternativa più vicina alle benzina e le diesel. Dunque nella kermesse di Ginevra molte case auto hanno inserito una motorizzazione elettrificata nei loro modelli di punta. Di seguito la nostra top 5 con le proposte più interessanti ammirate al Pala Expo di Ginevra. Primo posto per la Puritalia Berlinetta, a seguire la Peugeot 3008 Hybrid4 a pari merito con la 508 Sport Engineered (un concept che ci mostra la possibile evoluzione di un’auto ibrida). A dividersi il terzo posto le auto ibride Jeep Renegade e Compass 2019, che portano al debutto la prima motorizzazione ibrida plug-in FCA. Giù dal podio la sportivissima Mercedes-AMG GLE 53 4Matic+ con EQ Boost e la Mazda3 M Hybrid.

TOP 5 auto ibride novità al Salone di Ginevra 2019

  1. Puritalia Berlinetta
  2. Peugeot 3008 Hybrid4/508 Sport Engineered
  3. Jeep Renegade e Compass PHEV
  4. Mercedes-AMG GLE 53 4Matic+
  5. Mazda3 M Hybrid

PURITALIA BERLINETTA

1 Puritalia è una giovane casa auto italiana di Napoli, fondata nel 2012 da Paolo Parente. A Ginevra ha esposto la super sportiva ibrida, il cui nome è Berlinetta. Quest’auto ha una potenza mostruosa di 965 CV ed è una vettura per pochi eletti, dato che ne saranno prodotti soli 150 esemplari al prezzo di circa 570.000 euro. All’esterno si ispira alle Gran Turismo italiane del passato, come la Maserati A6GCS del 1953 ed integra elementi propri delle auto da corsa. Ad esempio ritroviamo una grande presa di raffreddamento sul cofano anteriore, le griglie dietro alle ruote anteriori e gli scarichi laterali integrati nel paraurti. Grazie all’uso della fibra di carbonio pesa solo 1.410 kg e non risente troppo del sistema ibrido. Negli interni domina la pelle Nappa, la fibra di carbonio e l’alluminio. Il quadro strumenti è completamente digitale e misura 12,3” mentre quello per l’infotainment è di 10”. La parte più interessante di quest’auto però è il sistema ibrido che è composto da un motore a benzina V8 2.9 da 750 CV sovralimentato da un compressore volumetrico e da un propulsore elettrico di 215 CV montato al posteriore. Le prestazioni sono entusiasmanti: da 0 a 100 km/h in 2,7 secondi e velocità massima (autolimitata) di 355 km/h.

PURITALIA BERLINETTA

Puritalia Berlinetta Ginevra 2019

PEUGEOT 3008 HYBRID4/508 SPORT ENGINEERED

2 Nel corso del 2019 arriverà sulle nostre strade la Peugeot 3008 Hybrid4 con la trazione integrale ed una potenza di 300 CV/220kW. Quest’auto ibrida è spinta da un gruppo propulsore formato da un motore benzina PureTech da 200 CV/147kW e due elettrici (uno anteriore ed uno posteriore) che sviluppano ciascuno 110 CV / 80kW. La Peugeot 3008 Hybrid4 copre lo 0-100km/h in 6,5 s e grazie ad una batteria da 13,2 kWh ha un’autonomia in elettrico di 50 km secondo il ciclo WLTP (60 chilometri NEDC). La versione Hybrid4 sarà affiancata anche da una versione Hybrid a due ruote motrici da 225 CV / 165kW che abbinerà una motorizzazione PureTech da 180 CV/132kW ad un motore elettrico da 110 CV/80kW.

Peugeot 3008 Hybrid4 Ginevra 2019

L’ibrido Peugeot assume contorni ancora più interessanti sul concept 508 Sport Engineered, sviluppato direttamente da Peugeot Sport. Quest’auto, con le quattro ruote motrici, deriva dalla 508 in versione Plug-In Hybrid. Il sistema ibrido è formato da tre motori: un benzina PureTech da 200 CV e due elettrici, uno da 110 CV sull’asse anteriore e uno da 200 CV su quello posteriore. Questo Concept può viaggiare in modalità 100% elettrico fino a 50 km (secondo il nuovo ciclo di omologazione WLTP).

PEUGEOT 3008 HYBRID4/508 SPORT ENGINEERED

JEEP RENEGADE e COMPASS PHEV

3 Al Salone di Ginevra 2019 hanno debuttato le prime auto ibride plug-in (PHEV) FCA, in particolare sulla Jeep Renegade e sulla Compass. I due modelli sono equipaggiati con delle batterie ricaricabili da una presa di corrente, che gli consentono di viaggiare in modalità completamente elettrica per 50 km e con una velocità massima di 130 km/h. Il motore elettrico affianca quello benzina da 1.3 litri turbo, generando una potenza che varia da 190 a 240 CV. I modelli ibridi Jeep inoltre avranno anche un nuovo sistema di infotainment evoluto che darà più informazioni sull’aspetto eco friendly delle auto e sulla trazione elettrica. Le due Jeep ibride plug-in arriveranno sul mercato nel 2020.

JEEP RENEGADE e COMPASS PHEV

MERCEDES-AMG GLE 53 4MATIC+

4 Al Salone di Ginevra 2019 Mercedes-Benz ha presentato la versione cattiva del nuovo GLE. Un’auto ibrida ad alte prestazioni AMG 53 4MATIC+, che monta un potente motore a sei cilindri in linea da 3,0 litri e 320 kW (435 CV) con doppia sovralimentazione mediante turbocompressore a gas di scarico e compressore elettrico supplementare. Il potente motore, che sviluppa una coppia massima di 520 Nm, è associato anche all’alternatore starter EQ Boost che genera 16 kW di potenza e 250 Nm di coppia momentanee in più, alimentando anche la rete di bordo a 48 V. L’ibridazione è una svolta perché consente di risparmiare su consumi, emissioni ed anche sul superbollo. Infatti grazie alla tecnologia EQ Boost, che prevede 16 kW puliti ed elettrici, in alcune regioni italiane il Mercedes AMG GLE 53 4Matic+ non paga il Superbollo per i primi tre anni.

MERCEDES-AMG GLE 53 4MATIC+

MAZDA3 M HYBRID

5 Al quinto posto della nostra classifica delle auto ibride viste al Salone di Ginevra 2019 troviamo la nuova Mazda3 M Hybrid, spinta dal 2.0L benzina M Hybrid da 122 CV. Si tratta del primo ibrido introdotto da Mazda che prevede vicino al classico motore a benzina un leggero propulsore elettrico da 24V collegato a batterie al litio. Con questo sistema l’auto recupera l’energia cinetica che si sviluppa nelle fasi di frenata. Il motore elettrico inoltre supporta quello termico nelle fasi di maggiore impegno, come ad esempio nella fase di partenza da fermo. La Mazda3 M Hybrid dispone anche del sistema di disattivazione dei cilindri, che entra in gioco quando non si richiede un’elevata coppia motrice.

MAZDA3 M HYBRID

Speciale Salone di Ginevra 2019

Commenta

Tags

Marco Savo

Classe 1983, giornalista, grandissimo appassionato di motori e calcio... !
Back to top button
Close