FiatFotogalleryPandaVideo

Panda 4×4 imprese impossibili

L'utilitaria Fiat, in produzione dal 1983 al2003, è stata un 'auto inarrestabile ed in particolare la versione 4x4 era capace di superare qualsiasi ostacolo

FIAT PANDA 4X4 VECCHIO MODELLO – La Fiat Panda prima serie è un’auto mitica dell’industria italiana, un veicolo inarrestabile che ha segnato un’epoca in Italia. Ma il modello dalle imprese impossibili è la 4×4 la cui storia nasce ufficialmente nel 1983 quanto la Steyr-Puch, compagnia austriaca, sviluppò un sistema a quattro ruote motrici per l’uscita della Panda 4×4 (tipo 153).
La primissima versione fu lanciata a giugno del 1983 ed era equipaggiata con un 965 cm³ da 48 cv, derivato da quello presente nella Autobianchi A112. Conosciuta semplicemente come la Panda 4×4, questo modello era il primo di piccola vettura a motore trasversale a presentare un sistema 4WD.
La trazione integrale si selezionava manualmente, con una prima ridotta. In condizioni normali la partenza avveniva dalla seconda e la quinta aveva lo stesso rapporto della quarta nelle Panda normali.
La Steyr-Puch produceva l’intero sistema di trazione integrale (frizione, scatola del cambio, l’albero motore a tre parti, l’assale posteriore con differenziale incluso e i freni) ed il tutto veniva assemblato sulla scocca (rinforzata rispetto al modello normale) nello stabilimento siciliano di Termini Imerese.
Con un peso di 740 kg l’auto completava il chilometro da fermo in 38.8 sec, ed aveva una velocità massima di 135 km/h.Fiat Panda 4x4 vecchio modello prima seria

FIAT PANDA 4X4 VECCHIO MODELLO 1985

Nel settembre 1985 arrivò anche la sua prima versione speciale, denominata Nuova Panda 4×4, prodotta in soli 5000 esemplari. La meccanica fu la stessa (motore anteriore trasversale a 4 cilindri in linea di 965 cm³ denominato A112B1.054, aste e bilancieri, erogante 48CV DIN a 5.600 giri/min), ciò che cambiava fu l’estetica.
Qualche anno più tardi la Fiat commercializzò la Panda 4×4 Sisley (Edizione Limitata), dotata di sedili in finta pelle beige e alcantara, pannelli beige, quadro strumenti dedicato, moquette beige, inclinometro e cielo in vellutino.
La particolarità di questa serie limitata fu la ricca dotazione di serie, che comprendente i lavafari, la presa d’aria sul cofano, portapacchi dedicato, vernice metallizzata disponibile in tre colori, cerchi verniciati color avorio con borchiette “Panda 4×4 Sisley”, scritta adesiva “4×4 Sisley” su entrambe le portiere, paraspruzzi posteriori con il logo a forma di canoa stilizzata.Fiat Panda 4x4 vecchio modello prima seria

FIAT PANDA 4X4 VECCHIO MODELLO RESTYLING

Dopo il 1986 arrivò il restyling della Panda e successivamente nel 1995 e 1996 la gamma montava un nuovo motore 899 cm³ aste e bilancieri con 39 cavalli.
La Panda 4×4 1995 era spinta dal Fire 1100 da 54 CV. Nel 1997 l’utilitaria Fiat al Salone di Ginevra festeggiò il suo diciassettesimo anno ed affianco alla tradizionale 4×4 comparve la serie speciale Country Club (motore 1108 cm³, 54 CV, velocità max 130 km/h).
A cavallo del nuovo millennio, in sostituzione della Country Club, arrivò la Panda 1100 4×4 Trekking (motore 1108 cm³, 54 CV, velocità max 135 km/h) ed in seguito la Climbing. Quest’ultima derivava proprio dalla Trekking e si differenziava per gli interni in Tessuto Verde e per l’adesivo “Climbing” sul posteriore.
Questo modello meccanicamente offriva la possibilità di liberare le ruote posteriori (mozzi ruota liberi) quando la trazione integrale non era inserita, offrendo maggiore silenziosità di marcia e minori consumi. Questa particolarità era un optional della Trekking ed era molto costoso).Fiat Panda 4x4 vecchio modello

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close