PNEUMATICITEST

Pneumatici invernali Handling Test su asciutto

Come vanno i pneumatici invernali su asfalto asciutto? Anche se notevolmente migliorati possono usurarsi rapidamente ed avere prestazioni (e grip) inferiori

Pneumatici invernali Handling su Asciutto – La prova

Su asfalto asciutto la cosa più importante è sicuramente la mescola, non troppo dura ma piuttosto morbida per lavorare meglio con il manto stradale ma allo stesso tempo non deve presentare un quantitativo eccessivo di silice (come sui pneumatici invernali), perché con il caldo risulterà troppo morbida, andando a consumarsi precocemente, rilasciando gli oli della sua composizione e rendendo il battistrada pericolosamente scivoloso.
L’asfalto asciutto è quindi il territorio più indicato in assoluto per il pneumatico estivo, indipendentemente dalla temperatura (purché non sotto zero), a maggior ragione con clima primaverile (da 9° a 14°C).
Ed è proprio sull’asciutto che le cose si complicano un po’: sui 1.650 metri di pista i valori degli invernali sono molto vicini tra loro, meno di 1 secondo sul giro tra il migliore e il peggiore, ma quello che più meraviglia è il distacco minimo dal pneumatico estivo, giustificabile solo dagli enormi sviluppi raggiunti, in termini di qualità, dalle prestazioni dei pneumatici invernali sportivi, appunto questi “V” da 240 km/h oggetto del nostro test.
Pneumatici invernali Handling su Asciutto – Risultati

Più che i crono sul giro, quindi, vale la pena esaminare il comportamento e le impressioni soggettive di chi ha effettuato la prova dal vivo e che ora deve trasmettere le proprie sensazioni.
Va detto che l’estivo ContiSportContact 5 affronta il percorso di prova senza la minima sbavatura: inserimento preciso su ogni tipo di curva, stabile sui transitori, buon grip in accelerazione e in appoggio, frenata pronta e precisa. Ma questo è il riferimento: gli invernali hanno un disegno del battistrada molto più frazionato, blocchi meno rigidi sulle spalle e lamelle elastiche che contribuiscono a rendere meno precisa la stabilità direzionale se guidati al limite; inoltre sono dotati di una mescola decisamente più morbida.
Il Continental WinterContact TS850P risente di un certo sottosterzo nel curvone tondo di appoggio, che si affronta a 120 km/h, ha un comportamento un po’ reattivo del retrotreno nei transitori stretti, pattina un po’ in accelerazione e allunga un po’ la frenata, rispetto al corrispondente estivo. Però fa segnare il miglior tempo, 54”6, mentre l’estivo è lì a soli 1”7 in meno.
Hankook “paga” nei confronti di Continental solo 2 decimi, dovuti ad un sottosterzo più marcato, ad un retrotreno che scivola un po’ troppo e fa allargare le traiettorie in appoggio.
Goodyear e Michelin segnano lo stesso crono, 55”1, sono molto simili al ContiWinterContact TS850P come comportamento soggettivo, ma leggermente più lenti nei transitori e nei passaggi di carico.
Bridgestone stacca 55”3 e ha un retrotreno molto stabile che però penalizza l’inserimento nel curvone di appoggio, generando maggiore sottosterzo che si corregge rilasciando l’acceleratore.

Pneumatici Invernali Handling su Asciutto – Le nostre impressioni

Un quadro più completo di così è difficile da realizzare: bagnato, asciutto, neve con prove strumentali, cronometriche e impressioni soggettive del tester.
Tutto ciò per arrivare ad un risultato: i buoni pneumatici invernali sono veramente buoni, ed è importante usarli nella stagione invernale per garantirsi quel massimo di sicurezza da cui non si può prescindere in alcun modo, soprattutto se si ha a che fare con una vettura potente.

Come vanno i pneumatici invernali su asfalto asciutto?

Ecco i risultati della prova per i pneumatici invernali realizzata su asfalto asciutto con tempi sul percorso ed una temperatura esterna di 14° gradi.  
Penumatici invernali Test Asciutto Handling

Continental WinterContact TS850P
Continental WinterContact TS 850P

Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1
Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1

Michelin Pilot Alpin PA4
Michelin Pilot Alpin PA4

Hankook Winter i’cept Evo2 W320
Hankook Winter I’cept Evo 2 W320

Bridgestone Blizzak LM001
Bridgestone Blizzak LM001

TEST PNEUMATICI INVERNALI TUTTI I RISULTATI DEL TEST

TEST FRENATA SU BAGNATO ACQUAPLANING LONGITUDINALE TENUTA LATERALE BAGNATO  HANDLING SU BAGNATO TEST FRENATA SU ASCIUTTO  HANDLING SU ASCIUTTO  TEST FRENATA SU NEVE  TEST ACCELERAZIONE SU NEVE

(ATTENZIONE SITO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO CON NUOVI TEST TORNA A VISITARE LE PAGINE)


VIDEO Test Pneumatici Invernali


Abbiamo scelto una vettura dalle prestazioni elevate, volutamente non una supercar, ma una versione sprint di una tranquilla berlina, tipologia di auto che ha una diffusione estremamente vasta in Europa: la Peugeot 308 GT, 205 CV per una 5 porte da 235 km/h, quel tanto che basta per calzare coperture “V” anche invernali.
La misura prescelta per tutti i partecipanti al test è la più larga di quelle omologate: 225/40R18, montata su cerchi in lega AEZ nella misura 8Jx18” ET45.
Soggetti della prova comparativa, in stretto ordine alfabetico: Bridgestone Blizzak LM001, Continental WinterContact TS850P, Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1, Hankook Winter i’cept Evo2 W320 e Michelin Pilot Alpin PA4 (l’unico marcato W), in pratica tutte le marche “premium”, con la sola eccezione di Pirelli, assente sin dalle fasi preliminari senza fornire giustificazioni.
Come riferimento estivo, invece, è stato usato il Continental SportContact 5. Un dato importante da tenere presente nelle prove comparative è quello relativo alla durezza della mescola del battistrada, deputata alla funzione di garantire aderenza e tenuta in tutte le condizioni di esercizio: il valore è espresso in gradi-shore misurati ad una determinata temperatura, e più il valore è basso, più il compound è “morbido” e il battistrada sviluppa maggiore aderenza su superfici di appoggio fredde.

DUREZZA PNEUMATICO – Rilevata alla temperatura di -5°C, Continental WinterContact segna una durezza di 62°ShA, Bridgestone Blizzak 60°ShA, Goodyear Ultra Grip 64°ShA, Hankook Winter i’cept 63°ShA, Michelin Pilot Alpin 60°ShA e l’estivo ContiSportContact 5 77°ShA, ovviamente il più “duro” data la sua vocazione alla stagione calda.

DISEGNI BATTISTRADA PNEUMATICI INVERNALI PROVATI

Bridgestone Blizzak LM001
Bridgestone Blizzak LM001

Continental WinterContact TS850P
Continental WinterContact TS850P

Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1
Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1

Hankook Winter i’cept Evo2 W320
Hankook Winter i’cept Evo2 W320

Michelin Pilot Alpin PA4 (l’unico marcato W)
Michelin Pilot Alpin PA4

I CERCHI UTILIZZATI NELLA PROVA: ALCAR modello TH Dark 8jx18″ ET45
Cerchio in lega ALCAR modello TH Dark 8jx18″ ET45

POSITIVO

MIGLIORANO NOTEVOLMENTE il grip sulla neve

NEGATIVO

Bisogna fare attenzione quando è asciutto e le temperature sono elevate.

VALUTAZIONI INVERNALI SU ASCIUTTO HANDLING

Bridgestone Blizzak LM001 - 7.9
Continental WinterContact TS850P - 8.8
Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1 - 8.3
Hankook Winter i’cept Evo2 W320 - 8.5
Michelin Pilot Alpin PA4 - 8.3
Continental SportContact 5 (da asciutto) - 10

8.6

VALUTAZIONE COMPLESSIVA

Quanto ti piace questa Auto?

Voto Lettore: 3 ( 7 voti)

3/5

VOTO MEDIO LETTORI:

Tags

Articoli Simili

Close