PNEUMATICITEST

Pneumatici invernali Test Frenata sul bagnato

Spazio di arresto per pneumatici invernali Continental Bridgestone Goodyear Hankook Michelin nel test a confronto di frenata sul bagnato

Nel test di frenata su bagnato per i pneumatici invernali in prova gli scarti in questo caso risultano delineati, col pneumatico estivo che, ovviamente, dice la sua col minor spazio di arresto, ma con gli invernali Goodyear e Continental che cedono all’estivo, nel rilevamento da 100 a 0 km/h, solo 4,3 e 5,2 metri, rispettivamente 57,8 e 58,7 metri per fermare la vettura.
Più staccati Michelin (62,6 metri), Hankook e Bridgestone, rispettivamente 66,0 e 66,4 metri.
Quello estivo sul bagnato va meglio di tutti.
Il che, tradotto in velocità residua, “canta” che, quando il ContiSportContact 5 blocca l’auto sul bagnato dopo aver frenato da 100 km/h, gli invernali sviluppano ancora una bella velocità residua: Goodyear 21,7 km/h, Continental 23,8 km/h, Michelin 30,4 km/h, Hankook 34,8 km/h e Bridgestone 35,3 km/h (scheda Frenata bagnato 2).
Questo deve far riflettere su due punti: l’importanza di scegliere una buona copertura Winter si manifesta non solo su neve, ma anche in quelle condizioni che, nel nostro Paese, vanno per la maggiore in autunno e inverno. L’altro punto riguarda l’opportunità di calzare le “scarpe” giuste anche in estate, quando la copertura estiva assicura margini di sicurezza decisamente superiori all’equivalente invernale.
Sembra assurdo, ma molti, un po’ per pigrizia e un po’ fidando dell’ottima versatilità di certi prodotti Winter, proseguono imperterriti a viaggiare anche in estate con le gomme invernali.

SPAZIO DI ARRESTO SUL BAGNATO – Lo spazio di arresto sul bagnato viene rilevato dalla velocità di 100 a 0 km/h con una serie di 20 + 20 passaggi omogenei, calcolando i metri che la vettura, ancorata ad un binario con un congegno mobile per evitare deviazioni di traiettoria e con ABS inserito, percorre prima di fermarsi.

(condizione del test Vettura con ABS inserito, temperatura 18-21° C, superficie piana asfalto bagnato)

PNEUMATICI INVERALI A CONFRONTO 225/40 R 18 –  Bridgestone Blizzak LM001, Continental WinterContact TS850P, Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1, Hankook Winter i’cept Evo2 W320 e Michelin Pilot Alpin PA4 (l’unico marcato W)

RISULTATI DEL TEST DI FRENATA SUL BAGNATO CON PNEUMATICI INVERNALI
(SPAZIO DI FRENATA)
Lo spazio di arresto sul bagnato viene rilevato dalla velocità di 100 a 0 km/h con una serie di 20 + 20 passaggi omogenei, calcolando i metri che la vettura, ancorata ad un binario con un congegno mobile per evitare deviazioni di traiettoria e con ABS inserito, percorre prima di fermarsi.
La temperatura segna da 18° a 21°C.

Frenata-bagnato Test Pneumatici invernali

TEST PNEUMATICI INVERNALI TUTTI I RISULTATI DEL TEST

TEST FRENATA SU BAGNATO ACQUAPLANING LONGITUDINALE TENUTA LATERALE BAGNATO  HANDLING SU BAGNATO TEST FRENATA SU ASCIUTTO  HANDLING SU ASCIUTTO  TEST FRENATA SU NEVE

(ATTENZIONE SITO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO CON NUOVI TEST TORNA A VISITARE LE PAGINE)

DISEGNI BATTISTRADA PNEUMATICI INVERNALI
Bridgestone Blizzak LM001
Bridgestone Blizzak LM001

Continental WinterContact TS850P
Continental WinterContact TS850P

Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1
Goodyear Ultra Grip Performance Gen-1

Hankook Winter i’cept Evo2 W320
Hankook Winter i’cept Evo2 W320

Michelin Pilot Alpin PA4 (l’unico marcato W)
Michelin Pilot Alpin PA4

I CERCHI UTILIZZATI NELLA PROVA: ALCAR modello TH Dark 8jx18″ ET45
Cerchio in lega ALCAR modello TH Dark 8jx18″ ET45

Tags

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori.
Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4×4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni il riferimento degli appassionati. Nell’anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo. Pilota attualmente attivo su gare in pista del Campionato Italiano Turismo con Peugeot e nei monomarca con Seat e Renault.
Tra le tante auto speciali provate una in particolare (esclusiva italiana): la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.

Articoli Simili

Close