Accessori AutoGUIDE CONSIGLI AUTOTesla

Nuovi connettori di ricarica Tesla, NACS fino a 900 kW

Il nuovo connettore Tesla non ha parti mobili, è grande la metà e due volte più potente rispetto ai connettori CCS (Combined Charging System).

Una nuova sfida che Elon Musk e la fabbrica di auto elettriche vuole affrontare è quella di rivoluzionare, potenziandolo, il mondo delle ricariche delle auto EV. Negli USA Tesla utilizza nuovi connettori per la ricarica di veicoli elettrici chiamati NACS, North American Charging Standard, perché riescono a tenere una potenza di ricarica superiore. Infatti a quanto sembrerebbe rispetto ai nostri CCS, che hanno delle prestazioni intorno ai 450 KW, i NACS resistono fino a 900 KW.

NACS è lo standard di ricarica più comune in Nord America: i veicoli dotati di presa NACS sono più numerosi di quelli con CCS e la rete Supercharger di Tesla ha il 60% in più di postazioni NACS rispetto a tutte le reti dotate di CCS messe insieme.

Tesla Supercharger potenza massima fino a 900 kW
Tesla Supercharger potenza massima fino a 900 kW grazie ai nuovi connettori NACS

Il motivo principale per cui stiamo parlando di questa differenza tra i due modi di ricarica è perché Tesla vuole aprire i Supercharger anche alle altre vetture. Quindi significherebbe abbandonare il vecchio connettore, ma dall’altra parte della medaglia le case costruttrici avrebbero a disposizione la rete di ricarica più estesa e fornita sulla piazza. Convincendo magari così anche i più scettici a comprare una vettura EV.

Nuovo connettore Tesla NACS da supercharger

Il nuovo connettore Tesla ha dalla sua parte l’essere più elegante, rispetto al CCS. Non ha parti mobili, è grande la metà e due volte più potente dei connettori CCS (Combined Charging System).

Poi per convincere anche i produttori, l’azienda americana sottolinea che “l’attacco” è molto più piccolo; quindi renderebbe lo sportello sulla vettura meno visibile e più bello all’occhio, migliorando le linee dell’auto.

Nuovo connettore Tesla NACS
Nuovo connettore Tesla NACS

Invitiamo gli operatori di rete di ricarica e i produttori di veicoli a mettere il connettore di ricarica Tesla e la porta di ricarica, ora chiamata North American Charging Standard (NACS), sulle loro colonnine e sui loro veicoli.

A quanto pare il problema principale è che il CCS non supporta una potenza elevata al contrario del nuovo connettore, anzi dei nuovi due connettori, uno da 500 V e da 1.000 V. Questo sistema di ricarica è stato sviluppato soprattutto per i mezzi pesanti come il SEMI che vedrà la luce molto a breve.

Nuovo connettore Tesla NACS da 500 volt
Nuovo connettore Tesla NACS da 500 Volt

La sfida vede protagonisti i due modi di connettere le auto alla colonnina. Uno è più veloce, quello americano, e l’altro è più usato. Chi vincerà? Ricordiamo che in passato il CCS ha oppresso il sistema giapponese di ricarica, quindi la possibilità di cambiare di nuovo non è così remota.

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Tempo di RICARICA auto elettrica in AC

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche
👉 Tariffe ricarica auto elettriche
👉 Retrofit elettrico

👉 Auto elettriche con più autonomia

👉 Tariffe ricarica auto elettriche
👉 CALCOLO TEMPO di RICARICA AUTO ELETTRICA

👉 Colonnine auto elettriche in autostrada
👉 ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Damiano Cavallari

Fin da bambino sono appassionato di motori grazie a mio padre motociclista. Mi hanno sempre affascinato i rombi di quei propulsori, ho sempre amato la tecnica che c'è dietro a un mezzo meccanico che sia auto o moto, o di qualsiasi altro genere. Ho cominciato a scrivere su questo mondo passando per molte testate come MOWmag.com, di automoto.it, insella.it, motori.news, rallyssimo, notizieauto.it e ora approdo qui a Newsauto.it

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto