ForTwoFotogallerySmart

Gara di regolarità auto elettriche con la smart EQ!

Gara di regolarità auto elettriche smart green power run, al volante della fortwo elettrica EQ. Prova verità della sua autonomia reale fuori città

GARA DI REGOLARITÀ AUTO ELETTRICHE – Le auto elettriche saranno presto il nostro futuro e non solo per scarrozzarci in città ma anche sulle strade extraurbane, per una gita fuoriporta. Con queste nuove macchine si potrà far tutto ed i protagonisti della mobilità elettrica stanno lavorando per azzerare tutte le criticità intorno a questa rivoluzione annunciata.

Auto elettriche autonomia

Il problema più ricorrente delle auto elettriche è quello che riguarda l’autonomia, che è strettamente correlato alle infrastrutture di ricarica. A prendere in mano la situazione ci ha pensato Daimler, il quale grazie al marchio smart ha attuato una piccola grande rivoluzione elettrica.

La piccola citycar, fedele al ruolo di pioniere da 20 anni, dal 2020 come sappiamo sarà in vendita solo in versione elettrica EQ (il nuovo marchio con cui il gruppo Daimler identifica tutte le sue future auto elettriche ed elettrificate).smart EQ elettrica alla green power run

smart elettrica EQ

La smart elettrica EQ può contare su una gamma completa, che comprende le versioni fortwo, forfour e fortwo cabrio. Le smart a motore endotermico tra qualche anno non troppo lontano saranno solo un ricordo.

In città la versione elettrificata con motore elettrico da 60 kW (82 CV) e 160 Nm di coppia quasi istantanei, ha già dimostrato di saperci fare e di stare a suo agio. Anche la ricarica, grazie agli accordi stipulati con Enel X, non è più un problema.
Ad esempio a Roma, Firenze e Genova, in alcuni parcheggi privati, è possibile posteggiare l’auto e nel frattempo ricaricare in pochissimo tempo la batteria ioni di litio da 17,6 kWh, grazie alle funzioni dell’App “ready to park” e “ready to charge”.
La piccola smart mediante la ricarica rapida si ricarica dal 10 al 80 % in 40 minuti. Poi la sua coppia istantanea la rende molto divertente da guidare e scatta velocemente, soprattutto ai semafori (da 0 a 60 km/h in soli 4,9 secondi).

Ma com’è la situazione fuori città, quando decidiamo ad esempio di fare una gita fuori porta? Smart ci ha dimostrato che è possibile perché la citycar EQ dispone di almeno 160 km di autonomia dichiarata e di un nuovo caricatore di bordo da 22 kW, in grado di ricaricare la batteria in meno di un’ora.
Non solo sulla carta ma anche realmente ed ecco perché smart ed Enel X hanno dato una prova concreta di questi dati organizzando la “green power run” lungo le strade della Toscana, passando per alcuni dei principali impianti di Enel Green Power, la società del Gruppo elettrico che si occupa di produzione di energia da fonti rinnovabili.

smart EQ elettrica alla green power run

Gara di regolarità auto elettriche

La smart green power run è stata non altro che una gara di regolarità per auto elettriche, che ha premiato chi ha consumato meno energia. Alla fine il vincitore è stato quell’equipaggio che ha consumato poca energia nelle tre tappe in programma, che sono state percorse in un tempo determinato. Una sfida interessante ed elettrizzante alla quale abbiamo partecipato, classificandoci al terzo posto a pari merito con il secondo ed a pochi punti dal primo.

La gara di regolarità auto elettriche smart si è composta di 3 tappe di circa 70 km, da percorrere mediamente in un’ora e mezza. La prima è partita da San Casciano in Val di Pesa (FI) ed è terminata all’interno della Centrale Geotermica Larderello, in provincia di Pisa (uno dei 34 impianti geotermici disponibili in Toscana). Partendo con la batteria completamente carica siamo arrivati a destinazione con il 41% di carica. Qui si è presentata l’occasione per ricaricare le auto in gara, giusto il tempo per la pausa pranzo.

Dalla centrale di Larderello la sfida è proseguita per altri 70 km circa fino a Pontedera (PI), dove su un percorso più pianeggiata abbiamo consumato circa il 40% di batteria. Sulle rive del lago Amalia c’è stata un’altra sosta dove alle auto è stato fatto un rabocco di energia in vista dell’arrivo finale, posto all’interno della Centrale Idroelettrica di Piano della Rocca, consumando poco più del 20% di carica.Gara di regolarità auto elettriche con la smart EQ

smart elettrica come va fuori città

Al di là della competizione la green power run è stata l’occasione per scoprire come va la smart elettrica fuori città, in un percorso come quello toscano dove ci sono parecchi sali e scendi. Per guidare le auto elettriche infatti è stato necessario modificare leggermente il nostro stile di guida, soprattutto in fase di frenata e decelerazione, nelle situazioni in cui la smart recupera energia.

Proprio per questo al volante di quest’auto non è stata sottovalutata la percorrenza in discesa, dove oltre a recuperare energia siamo stati attenti a conservare una velocità tale che ci ha permesso di affrontare la successiva salita senza spingere troppo sull’acceleratore. In questo ci hanno aiutato i due indicatori supplementari che segnalano il livello delle batterie e i flussi di energia ed il programma Eco del selettore di modalità di guida. Quest’ultimo è stato molto utile per risparmiare energia e per guidare l’auto con il solo pedale dell’acceleratore. Infatti il pedale del freno è stato usato solo quando abbiamo avuto bisogno di arrestare completamente la smart elettrica.

Come è facile immaginare le fasi più critiche affrontate in gara sono state riscontrate in salita perché la sfida è stata quella di trovare l’equilibrio giusto fra spinta e risparmio di energia. Alla fine con una piccola pressione sull’acceleratore la smart elettrica ha superato l’avvallamento con un consumo di batteria contenuto.smart EQ elettrica alla green power run con Marco Savo alla guida

smart EQ batteria

La batteria della smart EQ ha una capacità di 17,6 kWh ed è collocata sotto il pianale della vettura tra i due assi, in posizione poco ingombrante, sicura e vantaggiosa per il baricentro del veicolo. L’accumulatore è composto da 96 celle piatte la cui chimica è stata migliorata rispetto alla versione precedente. La batteria è garantita per otto anni o 100.000 chilometri.

Tutte le smart a trazione elettrica dispongono, di serie, di un caricabatterie di bordo da 4,6 kW, che permette di ricaricare una batteria scarica in meno di 3,5 ore alla wallbox e in meno di sei ore alla presa elettrica domestica (in entrambi i casi portando il livello di carica dal 10 all’80%). L’app “smart control” consente di monitorare la ricarica da remoto e attivare molte funzioni, come la ricarica intelligente.smart EQ elettrica alla green power run, livello carica batteria

smart elettrica ricarica

Per velocizzare ulteriormente le operazioni di ricarica della smart elettrica oggi è disponibile a richiesta anche il caricabatterie rapido da 22 kW, che permette di ricaricare smart EQ fortwo (consumo di corrente con caricabatterie di bordo da 22 kW e funzione di ricarica rapida nel ciclo combinato: 14,5-13,9 kWh/100 km; emissioni di CO2 ciclo combinato: 0 g/km), smart EQ fortwo cabrio (consumo di corrente ciclo combinato: 14,6-13,9 kWh/100 km; emissioni di CO2 ciclo combinato: 0 g/km) e smart EQ forfour (consumo di corrente ciclo combinato: 15,3-14,5 kWh/100 km; emissioni di CO2 ciclo combinato: 0 g/km) in tempi nettamente più brevi, ossia in meno di 40 minuti (10-80%) dove c’è una modalità di ricarica trifase.

Enel, dal suo canto, si sta impegnando in un piano quinquennale di installazioni di infrastrutture di ricarica nel nostro paese: 14.000 colonnine entro il 2022 per un investimento complessivo fino a 300 milioni di euro. Il piano Enel prevede una copertura capillare in tutte le regioni italiane attraverso l’installazione di stazioni di ricarica a 22kW (quick), stazioni a 50kW (fast), stazioni fino a 350kW (ultrafast).smart EQ elettrica alla green power run, ricarica colonnina rapida Enel X

smart elettrica prezzo

La smart elettrica ha un prezzo di listino che parte da 24.100 € (allestimento youngster) ed arriva 32.254 € (allestimento Brabus Nightsky prime, cioè quello con cui abbiamo disputato la gara di regolarità per auto elettriche). Un prezzo apparentemente alto ma che è inferiore se confrontato con il costo medio mensile di un modello analogo a benzina.

Dunque, prendendo in considerazione l’allestimento intermedio Passion, il costo medio mensile a Roma della EQ fortwo è di 439 €, contro i 669 € della versione benzina. Si risparmia perché le auto elettriche godono di alcuni importanti vantaggi: bollo gratis per i primi 5 anni, tariffe dedicate per la RCA auto, parcheggio gratuito ed ingresso libero nelle ZTL, senza dimenticare i costi minori di carburante.

Compreso nel prezzo della smart elettrica c’è anche l’installazione di una Wallbox in omaggio a casa, oppure in ufficio o lavoro ecc…. Il luogo lo decide l’acquirente e dopodiché i tecnici di Enel X effettuano il sopralluogo e l’installazione avviene entro 15 giorni.smart elettrica prezzosmart EQ elettrica alla green power run

ANNUNCI USATO SMART  LISTINO PREZZI SMART

Tags

Marco Savo

Classe 1983, giornalista, grandissimo appassionato di motori e calcio... !
Close