MercatoNotizie auto

Mercato auto in forte calo: a giugno -16% in Europa

A giugno il mercato auto in Europa in profondo rosso ha perso oltre il 16% sul 2021 e -33,6% sul 2019 nel periodo pre pandemia. Crollo in tutti e cinque i maggiori Paesi europei: Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna.

Le vendite di giugno hanno confermato la profonda crisi del mercato auto in tutta Europa. Sono tutti in calo a giugno i trenta mercati nazionali dell’Europa Occidentale tranne quelli piccolissimi della Lettonia e dell’Islanda. Nel complesso in Europa Occidentale sono state immatricolate a giugno 1.066.137 autovetture con un calo del 16,8% su giugno 2021. Le cause di questa profonda crisi si trascinano da un po’, soprattutto con l’inizio della pandemia a cui è seguita la crisi dei chip e la guerra in Ucraina.

Auto vendute in Europa giugno 2022

Nel mese di giugno 2022 nei 30 Paesi europei (UE+UK+EFTA) in totale sono state vendute 1.066.137 autovetture con un calo del 16,8% su giugno 2021. Questi numeri confermano la situazione di grave difficoltà di tutto il mercato dell’auto dell’Europa Occidentale, che nel primo semestre 2022 con 5.597.656 immatricolazioni ha accusato un calo del 13,7% sullo stesso periodo del 2021.

Dati vendite auto in Europa a giugno 2022
Dati vendite auto in Europa a giugno 2022

La situazione è dunque molto seria e appare ancora più seria se si fa il confronto tra il primo semestre di quest’anno e il primo semestre del 2019, cioè dell’anno precedente la pandemia. La contrazione che si registra infatti è del 33,6%.

Vendite auto a giugno Germania, Francia e Spagna, Italia e Regno Unito

Le difficoltà del mercato dell’auto hanno riguardato tutti i maggiori Paesi europei, ovvero Germania, Francia, Spagna, Italia e Regno Unito.

Mercato auto Europa, vendite mai cosi in crisi da 22 anni
In calo le vendite in tutti e 5 i maggiori Paesi europei: Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna

Sempre nel primo semestre 2022 rispetto allo stesso periodo del 2021, vi sono stati infatti cali del 16,3% in Francia, dell’11,9% nel Regno Unito, dell’11% in Germania e del 10,7% in Spagna, ma il risultato peggiore l’ha registrato l’Italia con una contrazione del 22,7% e un incremento molto contenuto della quota di auto elettriche.

Crisi auto, le cause

Le cause di questa difficilissima situazione sono ben note e vanno dall’impatto della pandemia sulla situazione economica delle aziende e delle famiglie al riaffacciarsi dell’inflazione, all’impatto concreto e psicologico della guerra in Ucraina, alla insufficiente produzione di automobili nuove per effetto della difficoltà di approvvigionamento di microchip e di altri componenti che sembra essere al momento l’elemento più penalizzante.

La crisi dei chip ha rallentato la produzione di auto nuove

In questo quadro così desolante emerge un unico dato positivo ed è la crescita in molti Paesi della quota di auto elettriche nelle immatricolazioni.

Potrebbe interessarti (anzi te lo consiglio):

👉 DATI VENDITE AUTO IN EUROPA GIUGNO 2022
(File PDF scaricabile da link diretto)

👉 Solo auto elettriche dal 2035

👉 Ritardi consegne auto nuove crisi semiconduttori

👉 Nuovi incentivi auto come funzionano

👉 Auto elettriche, crisi e posti di lavoro a rischio

👉 Crisi nel settore automotive

FONTE DATI UNRAE

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto