Auto Classiche & StoricheNotizie auto

Esenzione bollo auto storiche, confermata sulle ventennali

Nessuna revoca delle agevolazioni fiscali sulle auto storiche ventennali. Le Commissioni Finanze e Lavoro del Senato hanno respinto l’emendamento al Decreto Fiscale che chiedeva l’abolizione dei benefici fiscali.

Il bollo delle auto storiche ventennali è stato nel mirino della riforma fiscale, in discussione al Parlamento. Al Decreto Fiscale infatti alcune forze politiche la settimana scorsa avevano presentato una serie di emendamenti, che puntavano a cancellare e revocare le agevolazioni fiscali alle ventennali, youngtimer di interesse storico.

Alla fine, per fortuna, ha prevalso il buon senso e in seduta congiunta delle Commissioni Finanze e Lavoro del Senato, è stato ritirato l’emendamento 7.0.20. della discordia.

Revoca esenzione bollo auto storiche ventennali

Revoca esenzione per il bollo sulle auto storiche ventennali. L’emendamento 7.0.20 chiedeva l’abolizione dei benefici fiscali per i veicoli certificati e registrati di interesse storico e collezionistico con età compresa fra 20 e 29 anni, che attualmente pagano un’imposta agevolata come forma di tutela per la loro conservazione.

Revoca esenzione bollo auto storiche ventennali (Volkswagen Golf GTI II 16 V 1986)
Confermata l’esenzione del bollo sulle auto storiche ventennali

Per una volta ha prevalso il buon senso e questo emendamento è stato bocciato e respinto dalle Commissioni Finanze e Lavoro del Senato.

La cancellazione dei benefici fiscali sulle ventennali era stata chiesta da Pd, M5S, Italia Viva. I tre partiti nelle settimane scorse avevano presentato tre emendamenti, che puntavano a cancellare l’agevolazione del 50% (ma alcune Regioni l’hanno innalzato al 100%) sugli “autoveicoli e motoveicoli di interesse storico e collezionistico con anzianità di immatricolazione compresa tra i venti e i ventinove anni, anche se in possesso del certificato di rilevanza storica“.

Auto storiche posti di lavoro in crisi

L’eventuale cancellazione dell’esenzione del bollo per le auto storiche sarebbe andata a colpire una parte del settore automobilistico, già profondamente provato dalla crisi economica post Covid. Dietro alla passione per le vetture classiche, infatti, si celano professionalità e posti di lavoro.

Restauro carrozzeria auto storica
La passione per le auto storiche impiega professionisti come artigiani, commercianti, micro e piccole imprese

Secondo l’analisi dell’Automotoclub Storico Italiano, con il Covid il settore ha perso oltre mezzo miliardo di euro. Il 75% di questo valore – pari a 375 milioni di euro – si riferisce agli operatori professionali come artigiani, commercianti, micro e piccole imprese che si occupano di gestione, manutenzione, restauro e produzione di parti specifiche per i veicoli storici: attività che in regime di “lockdown” avevano ridotto del 70% la loro operatività.

Esenzione bollo auto storiche, ASI: “E’ prevalso il buon senso”

“ASI e tutti gli appassionati ringraziano i parlamentari che hanno ascoltato e compreso le nostre tesi – ha dichiarato Alberto Scuro, presidente della Federazione italiana di riferimento per il motorismo storico. “Sicuramente sono prevalsi il buon senso e l’importanza di tutelare il settore.

Avevamo ottenuto un abbassamento della pressione fiscale nella Finanziaria 2019, dopo che tra il 2015 e 2018 erano state eliminate le tutele per le ‘youngtimer’ causando la dispersione di parte del patrimonio motoristico nazionale e l’indebolimento dell’indotto legato alla filiera professionale.

 Alberto Scuro Presidente ASI, Automotoclub Storico Italiano
Alberto Scuro Presidente ASI, Automotoclub Storico Italiano

I veicoli ventennali che godono oggi di questa agevolazione sono lo 0,15% del parco veicolare totale e l’1,14% del parco veicolare ventennale (dati della Motorizzazione al 2 novembre 2021): numeri che non giustificano azioni penalizzanti a fronte di ciò che essi sono in grado di produrre in termini di sviluppo culturale, turistico ed economico, generando scenari occupazionali importantissimi per le future generazioni. Tutelarli è un nostro preciso dovere e non incide minimamente sul necessario rinnovamento del parco veicolare circolante”.

Potrebbero interessarti (anzi te lo consiglio!)

👉 Bollo auto storiche ultra ventennali

👉 Come ottenere il tagliando “veicolo di interesse storico”

👉 Bollo auto scadenza, data quando pagare la tassa auto

👉 Bollo auto non pagato

👉 Gare auto storiche
👉 Auto storiche modelli storici
👉 Eventi auto, fiere, manifestazioni, expo
👉 Raduni tra appassionati d’auto
👉 Magazine auto storiche classiche sportive ELABORARE Classic

👉 AVVISO BOLLO AUTO Resta aggiornato su tutte le novità della tassa automobilistica dalla nostra sezione dedicata agli aggiornamenti sul bollo auto.

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM!


COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto