Notizie auto

Camion a guida autonoma a gas liquefatto, GNL e ADAS su IVECO

Non solo veicoli elettrici a guida autonoma: da Torino inizia lo sviluppo di mezzi pesanti con ADAS evoluti alimentati a GNL, ovvero il gas naturale liquefatto, anche chiamato "metano liquido" o bio-metano, totalmente green

Iveco ha firmato un memorandum d’intesa con Plus, startup specializzata nei veicoli autonomi per l’autotrasporto con sede a Cupertino, nella Silicon Valley. Verranno sviluppati veicoli commerciali e camion a guida autonoma, di cui almeno uno alimentato a gas naturale, il GNL (Gas Naturale Liquefatto) una miscela di idrocarburi costituita prevalentemente da metano (90-99%) ed altri componenti secondari come l’etano, il propano e il butano.

Come si ottiene il GNL, cosa è

Il gas liquefatto GNL si ottiene dal gas naturale proveniente da giacimenti sotto la superficie terrestre con un processo di liquefazione a una temperatura di circa – 162 °C che consente la riduzione del volume del gas di circa 600 volte.
Il GNL appare come un fluido incolore e inodore con una densità pari a circa la metà di quella dell’acqua.
Il potere calorifico del GNL è di 15,2 kWh/kg contro i 14 kWh/kg del GPL.

Accordo tra Iveco e Plus su S-Way LNG

Sentiamo spesso parlare di veicoli elettrici a guida autonoma, ma a Torino, a differenza della maggioranza degli altri costruttori, tra i carburanti alternativi si punta sul GNL, almeno nel breve periodo.

I veicoli alimentati a bio-metano sono attualmente l’unica alternativa al diesel disponibile nell’immediato e su vasta scala per autotrasporti a emissioni zero. Iveco è da oltre 20 anni all’avanguardia di questa tecnologia, nella quale è leader del mercato europeo.”

Iveco S-Way a LNG, come fare rifornimento

Il memorandum Iveco e Plus prevede l’integrazione del sistema completo di guida autonoma PlusDrive sugli Iveco S-WAY, compresi i modelli a gas naturale liquefatto (GNL). L’obiettivo è quello di sviluppare rapidamente, produrre e vendere mezzi pesanti sicuri, efficienti in termini di consumo di carburante, non solo in Europa.

Livello di guida autonoma IVECO alimentati con il Gas Naturale Liquefatto GNL

Dire solo “camion a guida autonoma“, però, non basta, bisognerebbe capire di quale livello stiamo parlando, visto che il SAE J3016 classifica le tecnologie di guida autonoma in sei livelli, da 0 a 5. Il memorandum Iveco e Plus non specifica di quale livello stiamo parlando, ma sappiamo che Iveco già collabora con diverse aziende per quanto riguarda gli ADAS (Advanced Driver-Assistance Systems).

Il concept Nikola 3 presentato nel 2019, è un camiono elettrico con autonomia fino a 460 chilometri, velocità massima di 121 km/h, tempo di ricarica completa di 120 minuti.

I cosiddetti “sistemi attivi di assistenza alla guida“, a grandi linee, possono rientrare fino al livello 3 SAE dove l’autista subentra solo in caso di problemi o malfunzionamento. (Alcune automobili di gamma medio alta come Honda Legend EX e Tesla integrano già questa funzionalità.)

👉 Iveco S-Way che si guida da solo?

Con i Livelli 4 e 5 arriviamo a quello che si immagina quando si pensa alla guida autonoma, cioè a un veicolo che si guida da solo. Qui l’autista diventa passeggero, non deve più prendere il comando e infatti non ci sono i pedali e lo sterzo. Non sappiamo se i camion a guida autonoma di cui parla il memorandum tra Iveco e Plus rientrano in questa categoria. Esistono, comunque, già alcuni bus shuttle, concept car (come Volkswagen Trinity)o esperimenti in corso in casa Porche e Mercedes.

La guida autonoma nei veicoli pesanti è un traguardo non troppo lontano, si pensava che già nel 2025 saremmo stati in grado di gestire il truck platooning, cioè file di camion incolonnati, equidistanti e a velocità costante. Pprobabilmente con lo sviluppo dei sistemi ADAS e un livello di guida autonoma 3 riusciremo a raggiungere l’obiettivo.

Del resto, proprio in Germania qualche mese fa si parlava di rendere legale la guida autonoma di Livello 4 a partire dal 2021. Secondo Automotive News Europe, infatti, i tedeschi sono al lavoro per costruire il quadro normativo di riferimento per regolamentare la tecnologia di Livello 4. I primi robotaxi guidati da un computer potrebbero entrare in servizio entro questa estate, vediamo cosa succede per i camion.

Nonostante la preferenza per il GNL nel medio periodo, Iveco sta comunque investendo anche sull’elettrico con la partnership Nikola. Il concept Nikola 3 è stato presentato nel 2019, secondo i dati della Casa ha un’autonomia fino a 460 chilometri, velocità massima di 121 km/h, tempo di ricarica completa di 120 minuti.

Sostenibilità dei veicoli industriali alimenti a GNL

I mezzi pesanti che utilizzano il GNL per alimentare i motori rispettano l’ambiente senza impattare sulla salute. Un autocarro alimentato a GNL genera emissioni di anidride carbonica più basse rispetto alla maggior parte dei combustibili fossili, SO2 molto limitato e polveri sottili praticamente nulle.

Potrebbero interessarti (anzi te lo consiglio!)

👉 Articoli in cui abbiamo trattato il GNL

👉 Guida autonoma e livelli quali sono

👉 Camion più venduti in Italia

👉 Camion elettrici per trasporto merci, sono realtà by Mercedes

👉 Tutte le notizie sui veicoli industriali CAMION

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM


COMMENTA CON FACEBOOK

Anna Francesca Mannai

Blogger, Editor, PR e Digital PR specializzata in Logistica e Trasporto. Ha collaborato negli anni con quasi tutte le principali testate di settore, raccontando il mondo dei motori da lavoro, industriali e commerciali: camion, furgoni, rimorchi, macchine cantiere, ma non è mancata qualche incursione anche nell'universo Automotive, Moto e 4x4. Non solo tecnica ma anche attualità, personaggi, eventi, storie e curiosità.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto