Notizie auto

Benzina sintetica Porsche, e-fuel di Porche

Porsche sviluppa e produrrà l’e-fuel per salvare i motori endotermici alimentati a benzina

Stiamo assistendo, soprattutto nell’ultimo periodo, a tanti cambiamenti dove il motore elettrico si sta diventando protagonista della mobilità. Nonostante tutto questo c’è l’intento di mantenere in vita il motore termico rendendolo sempre più pulito, green e meno inquinante. Come? Alimentandolo con benzine speciali, le benzine sintetiche anche chiamate “e-fuel” ma anche e-benzina.

Benzina sintetica Porsche e-fuel

Porsche che ha annunciato la costruzione di una fabbrica che produce l’E-fuel, il così detto carburante ecosostenibile. La casa tedesca ha iniziato questo progetto per salvare dall’estinzione le auto a motore termico e soprattutto, a come dice Michael Steiner, membro del comitato esecutivo per la ricerca e lo sviluppo di Porsche AG, che questa benzina ridurrà le emissioni di CO2 fino al 90%.

Nello stabilimento di Punta Arenas, in Cile, verrà prodotta la “benzina sintetica” di Porsche. Si è raggiunto questo traguardo grazie agli studi e sviluppi di molte aziende petrolchimiche che hanno trovato la soluzione giusta per far si che lo scoppio del cilindro provochi il minimo di CO2, così da preservare l’inquinamento.

Consorzio High Innovative Fuels

Porsche, in collaborazione con Enel, Siemens e alcune compagnie petrolifere, ha anche fondato il consorzio High Innovative Fuels, che sta realizzando un sito industriale in Cile dedicato alla produzione di idrogeno ed e-fuels, alimentato da energie rinnovabili. Tra i partner internazionali c’è anche un pezzo di Italia con Enel, oltre a Siemens Energy, Porsche e HIF, ExxonMobil, Gasco ed ENAP.

Ma perché in Cile?

L’impianto di produzione, in costruzione nel Sud del Cile, zona battuta da venti costanti, sfrutterà l’energia eolica per produrre idrogeno dall’elettrolisi dell’acqua. Al contempo speciali aspiratori convoglieranno aria in macchine per l’estrazione di c.

Potrà essere usato in tutto il settore dei trasporti essendo praticamente uguale all’attuale benzina; dagli aerei, agli autobus, dai treni alle navi.

Un nuovo sviluppo che il mondo dell’automotive porta sul mercato per un futuro sempre più tecnologico e migliore.

Si punta a produrre già dal 2022 circa 130.000 litri di carburante “rinnovabile”, da impiegare inizialmente nelle competizioni monomarca Porsche. L’obiettivo è arrivare a produrne 550 milioni di litri nel 2026. L’utilizzo di questi carburanti dovrebbe ridurre l’emissione di CO2 dei motori a combustione di circa il 90%.

Ma in materia chimica cos’è precisamente il Synfuel?

Questo è un liquido ricavato da elementi come carbone, gas naturale, anidrite carbonica e viene prodotto mediante la conversione da metanolo a benzina o direttamente con la liquefazione del carbone. Ha come scopo quello di utilizzare nei processi produttivi energia rinnovabile. E’ una grande scoperta e un sollievo per tutti gli amanti del rifornimento a liquido, che sperano di poter continuare a sgasare senza inquinare.

Potrebbe interessarti anche,

👉 E-fuel benzina sintetica in Formula 1

👉 E-fuel nel WEC Mondiale Endurance

👉 Transizione energetica a che punto siamo

👉 Come ridurre le emissioni di CO2 secondo Mazda

👉 EV Driving tutto sulla mobilità sostenibile

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM!


COMMENTA CON FACEBOOK

Damiano Cavallari

Fin da bambino sono appassionato di motori grazie a mio padre motociclista. Mi hanno sempre affascinato i rombi di quei propulsori, ho sempre amato la tecnica che c'è dietro a un mezzo meccanico che sia auto o moto, o di qualsiasi altro genere. Ho cominciato a scrivere su questo mondo passando per molte testate come MOWmag.com, di automoto.it, insella.it, motori.news, rallyssimo, notizieauto.it e ora approdo qui a Newsauto.it
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto