ArkanaCapturClioGUIDE CONSIGLIMeganeNotizie autoRenault

Renault E-Tech, caratteristiche e come funziona l’ibrido rivoluzionario

Renault forte della sua esperienza nei veicoli elettrici ed in Formula 1 ha messo a punto un rivoluzionario motore ibrido full hybrid sulla Clio e plug-in hybrid su Captur e Megane. Tra le sue carte vincenti, la rapidità di cambiata e l'altissima efficienza con una fluidità in marcia notevole. E' un gioiello tecnologico che rende in perfetta simbiosi motore elettrico e motore a benzina.

Un’innovativa motorizzazione ibrida E-TECH è stata sviluppata da Renault grazie alle sue esperienze con i veicoli elettrici e la Formula 1. Questa nuova tecnologia, che consente di abbinare perfettamente il funzionamento del motore elettrico con il motore a benzina, è proposta in due versioni: full hybrid su Clio e in versione plug-in hybrid sulla Captur e Mégane con una batteria agli ioni di litio più capiente in grado di percorrere tra 50 e quasi 70 km in modalità elettrica fino a 135 km/h.

Motore ibrido Renault E-Tech, come è fatto caratteristiche

Il nuovo sistema ibrido E-Tech Renault, che ha debuttato sulla Clio e sulla Captur, si avvale di due motori elettrici: il primo, da 34 kW (49 kW per le plug-in), fornisce trazione e recupera energia in rilascio, mentre il secondo, da 15 kW (25 kW per le plug-in), avvia il motore termico e, in determinate condizioni, ricarica la batteria.

Il power train è basato su un motore a benzina 4 cilindri da 1,6 litri e 91 CV di origine Nissan ed è collegato a un cambio automatico a sole 4 marce, privo di frizione e sincronizzatori.

Ricarica Renault Captur E-Tech ibrido plug-in
Renault Captur E-Tech ibrida plug-in in ricarica

Il primo motore è installato sullo stesso asse del motore a benzina: i propulsori sono posizionati alle opposte estremità dell’albero primario del cambio. Il secondo motore è invece montato nella posizione dove di solito si trova il classico motorino di avviamento. Questo sistema è disponibile sia in configurazione di vettura ibrida (full-hybrid) sia in configurazione ibrida plug-in.

Doppio cambio sul motore ibrido Renault E-Tech

La presenza dei due motori elettrici ha permesso di semplificare notevolmente il cambio, un inedito automatico a 4 marce sul lato termico e due marce per l’elettrico: il primo motore elettrico si occupa dell’avvio della vettura e della marcia a  bassa velocità, rendendo perciò inutile la presenza di una prima e una seconda marcia classiche.

Motore ibrido Renault E-Tech con doppio cambio
Motore ibrido Renault E-Tech schema di funzionamento del doppio cambio.

Il secondo motore, oltre ad avviare il motore termico, svolge anche la funzione di sincronizzazione, permettendo così l’innesto delle marce dalla seconda alla quarta. Il cambio non è dotato dei classici sincronizzatori ma funziona con ingranaggi ad innesti frontali solitamente utilizzati nelle competizioni per la loro velocità di innesto.

Batteria motore ibrido Renault E-Tech

Come detto, in decelerazione il primo motore recupera energia e la invia alla batteria di bordo, che può essere caricata, se il sistema di gestione lo ritiene necessario, anche dal secondo motore elettrico. La Clio ibrida monta una batteria al litio da 1,2 kWh, mentre la versione plug in, anche della Captur, ha una capacità di 9,8 kWh.

Sistema ibrido E-Tech Renault Megane E-Tech Plug-in
Sistema ibrido E-Tech Renault Megane E-Tech Plug-in con batteria da 9,8 kWh

Il sistema perciò può funzionare in tre modalità:

  • in parallelo: il motore a benzina e l’elettrico forniscono contemporaneamente coppia motrice alle ruote. In questa configurazione la potenza massima erogata è di 140 CV per le versioni ibride e di 160 CV per la Captur E-Tech Plug-in;
  • in serie: il motore a benzina aziona solo il generatore che ricarica la batteria e la trazione è affidata al solo motore elettrico;
  • mista: il motore a benzina dà coppia alle ruote ma contemporaneamente ricarica la batteria, per inseguire la maggiore efficienza possibile.
La tecnologia E-Tech sull’Arkana

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona il doppio cambio

Il sofisticato sistema Renault prevede in tutto 15 diverse modalità di funzionamento. Nelle immagini seguenti vediamo lo schema della trasmissione ibrida E-Tech rappresentato nelle varie marce. I motori elettrici e i rispettivi alberi sono visualizzati in blu, l’albero del motore termico in rosso. Le ruote dentate disegnate in trasparenza sono folli, ovvero non sono solidali all’albero su cui sono poste, corrispondendo a marce non ingranate.  Le ruote di colore grigio scuro sono invece ingranate e stanno partecipando alla trasmissione.

R1, R2, R3 e R4 indicano le ruote degli ingranaggi del cambio posizionate sull’albero secondario, che a seconda della configurazione di innesto generano i diversi rapporti.

Cambio Renault e-tech ingranaggi ad innesti frontali
Cambio motore ibrido Renault E-Tech con ingranaggi ad innesti frontali

I manicotti scorrevoli, che rendono solidali le ruote dentate agli alberi del cambio, innestando le marce, sono indicati con le sigle da C1 a C5.

Nella Figura 1 possiamo vedere la trasmissione E-Tech in folle: l’albero proveniente da ICE (motore termico) attraversa al centro l’albero (blu) di EV1 (motore elettrico di trazione). L’albero del motore elettrico è quindi cavo, perciò gli alberi collegati ai due propulsori possono ruotare in maniera indipendente. Questa configurazione rende superflua la presenza della frizione per il motore termico, perché è sufficiente mettere in folle le ruote dentate solidali al suo albero (quelle vicine ai manicotti C4 e C5) per scollegarlo dalla trasmissione.

Il progettista Renault Nicolas Fremau ha realizzato il primo prototipo di questo cambio durante le vacanze di Natale 2010 utilizzando componenti Lego Technics!

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona il cambio marcia
Figura 1 i cambi sono entrambi in folle (neutral)

Nella Figura 2 è rappresentata la configurazione della trasmissione alla partenza, che avviene in modalità puramente elettrica, a opera del motore EV1.

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona
Figura 2 partenza

La figura 3 rappresenta l’avvio del motore termico, messo in moto dal motore elettrico più piccolo EV2.

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona
Figura 3 fase di avvio del motore termico

La figura 3 rappresenta l’avvio del motore termico, messo in moto dal motore elettrico più piccolo EV2.

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona in prima marcia
Figura 4 – prima marcia elettrica

Le figure 4 e 5 rappresentando rispettivamente la prima e la seconda marcia, che avvengono in modalità puramente elettrica con la spinta del solo motore EV1.

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona in seconda marcia elettrica
Figura 5 – seconda marcia elettrica

Le figure 6, 7, 8 e 9 rappresentano i rapporti da 1 a 4 spinti dal motore termico, che corrispondono alle marce dalla terza alla sesta di una normale scatola del cambio. Ricordiamo che il motore elettrico secondario EV2 partecipa ai cambi marcia con funzione di sincronizzatore, uguagliando la velocità delle due porzioni di albero che saranno innestate.

Motore ibrido Renault E-Tech, prima marcia motore termico e prima marcia motore elettrico insieme
Figura 6 – prima marcia motore termico e prima marcia motore elettrico insieme
Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona in quarta marcia (seconda marcia termico e folle elettrico)
Figura 7 – seconda marcia motore termico ed elettrico in folle
Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona in quinta marcia
Figura 8 – terza marcia motore termico e seconda marcia motore elettrico insieme
Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona con la prima marcia del motore elettrico con la
Figura 9 – quarta marcia motore termico, a folle il cambio dell’elettrico

In figura 10 è rappresentata la modalità di marcia in parallelo, nella quale entrambi i motori, elettrico e termico, forniscono coppia alle ruote.

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona
Figura 10 – trazione termica + elettrica

La figura 11 spiega la configurazione della trasmissione in caso di recupero di energia, nella quale il motore elettrico EV1 si comporta da generatore ricaricando le batterie di bordo.

Motore ibrido Renault E-Tech, come funziona
Figura 11 – recupero energia

Il funzionamento è molto complesso ma l’utente al voltante non si accorge di nulla. Tutto viene gestito automaticamente da una centralina molto potente che provvedere ad ottimizzarne il funzionamento nelle diverse situazioni di marcia e di carico richiesto. Questo sistema brevettato da Renault rappresenta una tipologia di trasmissione tra le più veloci ed efficienti impiegate in ambito automobilistico. Inoltre utilizza anche un cambio a due marce sul lato “elettrico” per migliorarne il funzionamento mentre solitamente tutte le auto elettriche non ne sono provviste.

Prossimamente approfondiremo anche in video il funzionamento di questo gioiello tecnologico che abbiamo avuto modo di provare su strada a bordo della Clio, Captur e Megane in cui rilasceremo anche le nostre impressioni di guida.

Guarda il video come funziona la tecnologia E-Tech di Renault

La tecnologia E-Tech di Renault

Potrebbero interessarti (anzi te lo consiglio!)

👉 Renault E-Tech, nuova gamma di auto elettriche e ibride

👉 Renault Captur E-Tech ibrida plug-in

👉 Renault Clio E-Tech ibrida

👉 Renault Mégane E-Tech Plug-In

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche

👉 ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

Le nostre prove di auto elettriche

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM!


COMMENTA CON FACEBOOK

Manuel Cerfeda

Da sempre appassionato di automobilismo e di scrittura. È ingegnere e lavora nel campo delle energie rinnovabili. Ama leggere libri di tecnica motoristica e automobilistica, in particolare sulla storia della Formula 1 e delle auto da competizione in genere. Molto attratto dalle auto storiche, in particolare le youngtimer: il suo sogno è una Porsche 911 Carrera 4 Targa, serie 964 del 1989. Possibilmente rossa. E' autore umoristico e satirico: scrive sulla rivista “L’odio digitale” e ha pubblicato i libri “Autopsie ipocaloriche e altri metodi per perdere peso” e “L'anagramma di derma (non madre, quell'altro)”.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto