GUIDE CONSIGLINotizie auto

Coprifuoco a giugno, spostamenti e regole zona bianca e gialla

Dal 1° giugno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna sono in zona bianca, dove viene abolito il coprifuoco. Nelle altre regioni dal 7 giugno passa a mezzanotte e dal 21 giugno viene eliminato definitivamente. Spostamenti liberi fra regioni gialle e con un pass tra Regioni di colore diverso.

A giugno 2021 soprattutto grazie ai vaccini si esce fuori dal lungo periodo di lockdown, con gli spostamenti che tonano ad essere liberi in tutta Italia. Il Governo Draghi dal suo insediamento in contrasto alla pandemia da Covid-19 nei mesi scorsi ha adottato misure più restrittive e regole più rigide nella determinazione dei colori assegnati a ciascuna regione, con lo stato d’emergenza che è stato prorogato fino al 31 luglio.

Dal 26 aprile 2021 gli italiani sono tornati gradualmente alla normalità, con il ritorno della zona gialla, insieme alle confermate arancioni e rosse. Il coprifuoco invece durerà almeno fino a metà giugno. Rispetto ai mesi scorsi gli spostamenti sono consentiti fino alle 23.00 e non più fino alle 22.00. Dal 7 giugno il coprifuoco è esteso a mezzanotte mentre dal 21 giugno viene eliminato.

Molto importante a giugno ci si può spostare anche fra regioni: spostamenti liberi tra aree gialle, con un pass tra aree di colori diversi. Il pass è un certificato che dimostri di essere stati sottoposti al vaccino, di avere un tampone effettuato nelle 48 ore precedenti o di aver avuto il Covid ed essere guariti. Da questa data e fino al 15 giugno, in zona gialla e arancione, è possibile andare a trovare amici o parenti in una abitazione privata (diversa dalla propria) in 4 persone al posto di 2.

Rimane l’uso del modulo di autocertificazione per giustificare gli spostamenti non consentiti soprattutto durante il coprifuoco, dove ci si può muovere solo per comprovate esigenze legate a motivi di lavoro, salute o necessità.

Quando tolgono coprifuoco?

Con il nuovo Decreto del Governo Draghi il coprifuoco dal 19 maggio è passato alle 23, dal 7 giugno a mezzanotte e dal 21 giugno viene eliminato. Il nuovo decreto introduce nuove regole per le regioni in zona bianca, in vigore dal 1° giugno 2021. Qui non c’è più il coprifuoco e valgono solo le regole di comportamento.

Coprifuoco, fino a quando rimane?
Non c’è coprifuoco nelle zone bianche, in quelle gialle è in vigore fino al 21 giugno

Perciò se ci troviamo in una regione bianca si deve rispettare l’obbligo della mascherina, il distanziamento sociale e la sanificazione delle mani.

Zona bianca, cosa cambia

Dal 1° giugno 2021 torna in vigore la zona bianca che non prevede coprifuoco. Le regioni che la inaugurano sono il Friuli-Venezia Giulia, Molise e Sardegna. Il 7 giugno in zona bianca ci sono anche l’Abruzzo, la Liguria ed il Veneto. Dal 14 giugno diventano bianche anche Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Umbria e provincia autonoma di Trento.

Rispetto alla zona gialla non nei rispostanti non c’è il limite di quattro commensali al tavolo ma è indispensabile disporre del green pass per andare al banchetto di un matrimonio. Al bar è consentita la consumazione al banco, ma rispettando il distanziamento. In zona bianca agli eventi sportivi, compresi quelli legati ai motori e gare automobilistiche, ci può essere il pubblico fino a un massimo di 1.000 persone all’aperto (500 al chiuso).

Spostamenti consentivi fra Regioni gialle

Dal 19 maggio gli spostamenti sono consentiti vanno ancor di più verso la normalità seppur rispettando il coprifuoco alle 23.00. Da questa data sono consentiti gli spostamenti tra le Regioni diverse nelle zone bianca e gialla. Inoltre, alle persone munite della “certificazione verde”, sono consentiti gli spostamenti anche tra le Regioni e le Province autonome in zona arancione o zona rossa

Nella zona gialla, è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata una volta al giorno, dalle 5 alle 23, a quattro persone oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. Le persone che si spostano potranno portare con sé i minorenni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.

Lo stesso spostamento, con uguali limiti orari e nel numero di persone, è consentito in zona arancione all’interno dello stesso comune. Non sono invece consentiti spostamenti verso altre abitazioni private abitate nella zona rossa. 

Spostamenti tra Comuni e Regioni lockdown gennaio marzo aprile
Dal 19 maggio il coprifuoco passa alle 23.00

È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma.

Visite a casa, quante persone si possono spostare?

Per quanto riguarda le visite ai parenti e gli spostamenti sono consentite anche fra Regioni gialle. Ci si può muovere liberamente in quelle gialle e con il pass nelle altre dove la situazione contagi è più critica. Le visite ad amici e parenti sono consentite una sola volta al giorno, infatti è consentito lo spostamento verso una sola abitazione privata dalle 5 alle 23, a quattro persone oltre a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione

In ogni caso nella zona arancione le visite ai parenti sono consentite, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 23 e nei limiti di quattro persone ulteriori rispetto a quelle già conviventi, oltre ai minorenni sui quali esercitino la responsabilità genitoriale e le persone con disabilità o non autosufficienti conviventi.

Weekend 9 e 10 gennaio 2021 in zona arancione spostamenti consentiti
Spostamenti liberi fra Regioni bianche e gialle

Perciò chi abita in un piccolo comune in zona arancione con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, può spostarsi verso un’altra abitazione privata per una distanza non superiore a 30 chilometri. In ogni caso sono vietati gli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

👉 Scarica il modulo di autocertificazione

Spostamenti consentiti nelle regioni gialle e bianche

La divisone regionale per fasce rossa, arancione, gialla e bianca viene fatta in base al monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di Sanità. Il criterio di selezione viene fatto, in base alla soglia Rt. Sopra il valore di 1,25 scatta la zona rossa e di conseguenza il lockdown. Oltre al valore Rt viene calcolata anche l’incidenza settimanale superiore a 250 casi complessivi su 100 mila abitanti. In questo caso il cambio di fascia è automatico.

Di seguito i colori delle regioni aggiornati, in vigore da lunedì 7 giugno:

  • zona gialla: Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Provincia Autonoma di Bolzano, Provincia Autonoma di Trento, Puglia, Sicilia, Toscana, Valle d’Aosta.
  • zona bianca (dal 7 giugno): Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Sardegna, Umbria, Veneto.

Pass vaccinale che cos’é

Il decreto prevede l’introduzione, sul territorio nazionale, delle cosiddette “certificazioni verdi Covid-19”, comprovanti lo stato di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2 o la guarigione dall’infezione o l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo.

Le certificazioni di vaccinazione e quelle di avvenuta guarigione avranno una validità di sei mesi, quella relativa al test risultato negativo sarà valida per 48 ore. Le certificazioni rilasciate negli Stati membri dell’Unione europea sono riconosciute come equivalenti, così come quelle rilasciate in uno Stato terzo a seguito di una vaccinazione riconosciuta nell’Unione europea.

Potrebbero interessarti (anzi te li consiglio!):

👉 Faq alle misure introdotte dal Governo

👉 Come viaggiare in auto con il Covid-19

👉 Lockdown e coprifuoco. Cos’è, cosa si può fare? Differenza?

👉 Multe, cosa si rischia?

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Lascia un commento sul coronavirus sotto nei commenti o direttamente sul FORUM!


Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto