Accessori AutoFotogallery

COYOTE mini, test dispositivo segnalatore autovelox e non solo!

Come evitare multe per eccesso di velocità grazie a questo segnalatore di autovelox ma anche conoscere altre utili informazioni che si ricevono dalla community in tempo reale durante un viaggio, ottimo regalo per un amico automobilista

SEGNALATORE AUTOVELOX  E NON SOLO

Da qualche anno gli smartphone hanno iniziato a soppiantare nella loro funzione i vecchi classici navigatori satellitari, superandoli per facilità di aggiornamento e flessibilità d’uso. Perciò ogni novità in questo campo tecnologico, per avere successo, deve offrire necessariamente una funzione o una caratteristica che lo distingua dagli altri dispositivi nell’aiutare l’automobilista ad evitare le insidie della giungla d’asfalto.
Tra le informazioni utili in tempo reale su strada quando si è alla guida sono preziose quelle relative alle postazioni di autovelox fisse, installate in autostrada, su strade statali e in città, ma anche altre informazioni sulle condizioni della strada che si sta percorrendo, sul traffico che incontreremo, sui distributori che hanno esaurito il carburante (diesel, benzina, gpl, metano).

Per ottenere queste informazioni è necessario un collegamento dati sulla rete ed una community di riferimento, che condivida a sua volta queste informazioni a tutti gli utenti collegati a dispositivi in grado di dialogare tra loro. In realtà l’automobilista potrebbe ricevere comunque alcune  informazioni  fornite anche da diverse App come Waze e Maps di Google, ma con il nostro test scopriremo perché il COYOTE mini ha tutte le carte in regola per essere la soluzione migliore e più performante per l’automobilista.

Segnalatore di autovelox, COYOTE mini

Spesso basta un segnale acustico di avvertimento per controllare la velocità dell’auto e riportarla entro i limiti fissati sulla strada che si sta percorrendo. Sul mercato esistono diversi dispositivi segnalatori di autovelox che consentono di evitare multe per eccesso di velocità ma il COYOTE mini si distingue per altre funzioni integrate e per la possibilità di interagire in tempo reale con altri automobilisti che sono presenti in un raggio di circa 30 km e che hanno segnalato situazioni di disagio o pericolo sul loro dispositivo, allertando tutta la community. Per questo motivo lo possiamo considerare  un ottimo regalo per un automobilista!
Il funzionamento poi è molto semplice e le dimensioni contenute ne facilitano l’installazione in plancia e  l’utilizzo nell’abitacolo.

Informazioni condivise nella community dell’automobilista

COYOTE mini è il compagno di viaggio perfetto perché oltre ad indicare le posizioni degli autovelox fissi consente di far parte della grande community degli automobilisti Coyote, 5 milioni in tutta Europa, con la quale condividere e scambiare in tempo reale informazioni su traffico, posizioni di autovelox mobili, attivazione dei sistemi tutor, nonché segnalare pericoli sulla strada ed ogni tipo di imprevisto (code, interruzioni di carreggiate, incidenti ecc.).

COYOTE mini, come è fatto

Questo dispositivo non è un navigatore, infatti lo possiamo chiamare “segnalatore di eventi” COYOTE mini. 
E’ confezionato in un’elegante scatolina nera che contiene anche il caricabatterie da auto da 12V con presa accendisigari e relativo cavetto, un supporto da cruscotto con striscia adesiva ed un manuale di installazione esauriente  ma decisamente piccolo.
Utilizzare il COYOTE mini è però davvero semplice e intuitivo: dopo averlo acceso basta scegliere la lingua, effettuare alcune conferme, utilizzando i 3 tasti fisici presenti inferiormente allo schermo (che non è un touch), e si è pronti per partire.
Nel menù delle impostazioni si possono regolare il volume, la luminosità del display, le modalità di avviso (visivo o sonoro), impostare le soglie di velocità e anche accedere all’elenco degli eventi segnalabili.Coyote_Mini confezione

COYOTE mini com’è fatto?

Il COYOTE mini è decisamente piccolo, ha dimensioni quasi “palmari” di 8,7×6,5×1,7 cm, con un piccolo schermo da 3,2 pollici, dotato di ottima risoluzione e buona visibilità, anche da notevole distanza. All’accensione emette il suo tipico “Bip Bip” e sul display appare un tachimetro: il numero più grande indica la nostra velocità e quello più piccolo in basso il limite vigente nel tratto attraversato. In alto compare la sigla relativa all’arteria che stiamo percorrendo.

La circonferenza centrale è di colore verde se stiamo rispettando il limite di velocità e diventa rossa se lo superiamo. La barra e il numero a sinistra mostrano il numero di utenti “segnalatori” COYOTE nelle vicinanze, mentre quelli a destra ci informano sulla distanza dall’utente più vicino. Le stelline in basso indicano il livello di affidabilità dei segnalatori intercettati in quel momento.

SEGNALATORE CONNESSO

Questo dispositivo è un segnalatore costantemente connesso grazie ad una Sim dati che permette di collegarsi alla rete degli utenti COYOTE per poter ricevere e comunicare, in tempo reale, situazioni di pericolo, ma anche eventuali autovelox mobili che incontriamo durante il viaggio, fino ad una distanza di 30 Km.
Ma non solo questo, segnala anche la presenza di corpi estranei nella carreggiata, un veicolo fermo o rallentamenti e restringimenti della carreggiata, visibilità ridotta ecc.
Inoltre è dotato di connettività Bluetooth per integrarsi con i sistemi di bordo.
Tra gli accessori ci sono i supporti da fissare nelle alette delle bocchette di ventilazione, in versione a incastro o magnetica. Quest’ultima opzione si ottiene incollando un piccolo magnete in dotazione sulla parte posteriore del Coyote mini.

COME SEGNALARE UN INCIDENTE, UNA CODA…

Possiamo effettuare le nostre segnalazioni riguardanti ad esempio un incidente o una coda di traffico in tutta sicurezza tramite i comandi vocali: basta pronunciare “attiva COYOTE” e il dispositivo si mette in ascolto, mostrando l’icona lampeggiante di un microfono. La segnalazione arriva in tempo reale agli altri utenti collegati su altri dispositivi presenti nell’area di copertura, con un segnale di alert.

Coyote_Mini display eventi

COYOTE mini come funziona?

Ma come funziona questo COYOTE mini? Sarà facile da usare? Andiamo a scoprilo!
Noi l’abbiamo utilizzato in città e sulle arterie extraurbane: su queste ultime abbiamo avuto l’occasione di verificare le segnalazioni di eventi dalla community e l’interazione con gli altri utenti. Su questa tipologia di strade il display si modifica, spostando a sinistra il tachimetro e lasciando a destra una sezione dedicata agli eventi presenti sulla strada che stiamo percorrendo, indicandone la distanza e segnalando puntualmente gli autovelox e i tutor.

All’avvicinarsi di una coda, il dispositivo ci avvisa del pericolo anche tramite messaggio vocale, visualizzando sullo schermo l’evento e la distanza alla quale ci troviamo da esso. Durante il nostro test, la grafica del display ha mostrato il nostro avvicinamento al potenziale pericolo, riempiendo la sezione destra dello schermo con una barra colorata che scendeva progressivamente a coprire lo sfondo nero, attirando efficacemente la nostra attenzione.

Arrivati in zona, COYOTE ci chiede di confermare o meno il pericolo segnalato: nel nostro caso fortunatamente la coda si era risolta e abbiamo informato la rete degli utenti premendo il tasto destro, che corrispondeva alla risposta “no”. In questo modo un eventuale utente COYOTE che ci seguiva ha visto sparire la segnalazione in tempo reale.Coyote_Mini segnalazione autovelox mobileCoyote_Mini segnalazione coda

COYOTE mini prezzo

Alla fine tutto è bello. Ma quanto costa? E’ conveniente? E’ comodo da usare? Mettiti comodo ed ascolta! Iniziamo dal prezzo: questo dispositivo costa veramente poco. Il prezzo di COYOTE mini in promozione fino al 31/01/2019 è di appena 49,99 €, con un risparmio di ben 100 €.
I primi tre mesi dei servizi Coyote sono inclusi nell’acquisto, poi l’abbonamento ha un costo di 12 € al mese. L’offerta è senza impegno e si può disdire quando si vuole.

E’ comodissimo perché raccoglie in un unico dispositivo le poche informazioni che può fornire Maps di Google, limitate solo al traffico ma con l’aggiunta di tante altre di cui abbiamo già parlato: incidenti, postazioni di autovelox, corpi estranei ed oggetti sulla carreggiata, brecciolino sulle strade e tante altre che ritrovi invece su COYOTE grazie alla community sempre attiva.

E’ migliore rispetto a Waze per il fatto di essere un dispositivo indipendente che funziona anche quando il traffico dati sul cellulare è assente per mancanza della copertura internet fornita dall’operatore telefonico oppure perché esaurita (il Coyote mini ha una sua SIM interna autonoma) e soprattutto perché, avendo una sua alimentazione separata, permette una maggiore autonomia del proprio smartphone che resta libero anche per altri usi.

REGALO PER UN AMICO AUTOMOBILISTA

Concludendo possiamo confermare che nella nostra prova il COYOTE mini si è rivelato un ottimo compagno di viaggio: aiuta a concentrarsi sul rispetto dei limiti e dà informazioni preziose per la nostra sicurezza e, diciamolo, per i nostri punti sulla patente! Lo consigliamo senza dubbio a chi percorre molti chilometri, specie su autostrade e strade statali.
Se pensi a cosa regalare al tuo amico, valuta che oltre ad un semplice navigatore potrebbe essere molto interessante come regalo un dispositivo segnalatore, la “SPIA” sempre connessa che evidenzia situazioni di emergenza, pericoli, autovelox, traffico della strada e tanto altro. 

IL COYOTE MINI è il regalo perfetto per il tuo amico automobilista!”


Coyote Mini navigatore autovelox

Info: www.mycoyote.net

NUMERI COYOTE MINI

  • 5 milioni di utenti in Europa
  • 13 avvisi emessi al secondo
  • 26% è la percentuale dell’infrazione più comune (eccesso di velocità)
  • 878 milioni di Km percorsi in Europa dagli utenti della Community
  • 234.000 allerte trasmesse dalla Community

COYOTE, CHE COS’È E COME FUNZIONA

Manuel Cerfeda tester auto

Tags

Manuel Cerfeda

Da sempre appassionato di automobilismo e di scrittura. È ingegnere e lavora nel campo delle energie rinnovabili. Ama leggere libri di tecnica motoristica e automobilistica, in particolare sulla storia della Formula 1 e delle auto da competizione in genere. Molto attratto dalle auto storiche, in particolare le youngtimer: il suo sogno è una Porsche 911 Carrera 4 Targa, serie 964 del 1989. Possibilmente rossa. E' autore umoristico e satirico: scrive sulla rivista “L’odio digitale” e ha pubblicato i libri “Autopsie ipocaloriche e altri metodi per perdere peso” e “L'anagramma di derma (non madre, quell'altro)”.
Close