FotogalleryJeepNotizie autoPROVA COMPLETARenegadeTEST

Jeep Renegade Trailhawk 2.0 Multijet II, prova in fuoristrada

Jeep Renegade Trailhawk, come va la versione più fuoristradistica sportiva del SUV 4x4 con il motore 2.0 turbodiesel Multijet II da 170 CV e cambio automatico a 9 marce ZF.

MOTORE
2.0 Turbo diesel
CAVALLI
170
Velocità Max.
196 km/h
PESO / POTENZA
9,32 Kg/CV

Prova completa della Jeep Renegade Trailhawk su strada e soprattutto in off road, in un test particolarmente intenso in fuoristrada durante il quale l’abbiamo messa a dura prova sul Parco del Monti Simbruini, uno scenario naturale sugli Appennini Centrali e sulla pista off road di Vallelunga: due location che ci hanno permesso di provare a fondo le capacità fuoristradistiche di questo SUV fuoristrada 4×4 con motore 2.0 Multijet II turbodiesel da 170 CV, 9 marce e trazione integrale.

Jeep Renegade Trailhawk in off road su una salita
Jeep Renegade Trailhawk test in off road su una salita molto ripida

Il nuovo Jeep Renegade, arrivato sul mercato nel 2014, aveva lanciato un mezzo con il preciso intento di completare la gamma Jeep, dando la possibilità a tutti di avvicinarsi al leggendario marchio americano.
La Renegade è un bel mix: design, progetto USA, tecnologia del Gruppo Fiat e produzione italiana nello stabilimento SATA di Melfi (PZ).

👉 Come è fatta la Jeep Renegade Trailhawh (caratteristiche) 👈

Si tratta di un mezzo ideale, soprattutto con l’allestimento più duro e puro Trailhawk, anche per il fuoristrada e destinato a chi ama l’avventura che abbiamo potuto provare e con cui abbiamo realizzato un bel video.

Test Jeep Renegade Trailhawh, come va su strada ed in off road

Come va la Renegade Trailhawk? Te lo raccontiamo tra poco con impressioni a bordo in questo test su strada ed in off road spettacolare!

Guarda il video della prova!

Video prova Jeep Renegade Trailhawk Multijet II 2L 170 cv 9 marce 4×4

Test come va su strada la Jeep Renegade Trailhawk

Test su strada ed in off road con la Jeep Renegade Trailhawk, l’unico “Mini SUV” (alias con ripartizione 4WD AUTO) che offre la modalità ROCK (roccia), la quale adegua la centralina a questa marcia lenta, enfatizzata dal simulatore di ridotte LOW.

Con i suoi discreti angoli e luce a terra, il miglior TC reattivo sul mercato, magari con un’elaborazione con pneumatici tassellati (AT o moderatamente MT), piastre di protezione e suspension lift (guadagno di luce a terra di circa 2 cm) può invogliare ad affrontare percorsi rocciosi accidentati.

Prova Jeep Renegade Trailhawk, come si sta a bordo?

La prova della Jeep Renegade nella versione Trailhawk inizia nel traffico intenso della Capitale: appena seduto, regolati specchietti e sedile, trovo subito confortevole la posizione di guida grazie a sedili in pelle avvolgenti e molto confortevoli.

Sedili anteriori abitacolo Jeep Renegade Trailhawk
Sedili anteriori abitacolo Jeep Renegade Trailhawk

Il grande schermo Uconnect 8,4” NAV cattura l’attenzione e la curiosità: la grande quantità di operazioni possibili mette quasi soggezione, ma la facile e intuitiva gestione tramite touch control rende tutto immediato e divertente. Come si diceva una volta, a parte il caffè… fa tutto!

Io aggiungo: anche di più! Integrazione e compatibilità con Apple Car Play e Android Auto consentono l’uso del proprio telefonino visualizzando sul display le app.

Volante abitacolo Jeep Renegade Trailhawk
Volante abitacolo Jeep Renegade Trailhawk

E a proposito di app, l’esclusiva “Jeep Skills” permette di monitorare in tempo reale tutte le informazioni e le prestazioni del Renegade durante la guida in fuoristrada: sorprendente, quasi al livello del cockpit di un aereoplano!

Prova Jeep Renegade Trailhawk, motore 2.0 turbodiesel 170 CV Multijet II, come va, test su strada

Come va su strada? Finalmente fuori città, in autostrada: viaggio veloce e in corsia di sorpasso i nuovi fari a LED intimidiscono e i veicoli più lenti danno strada, senza bisogno di segnalare la mia presenza con gli abbaglianti.

Per i lunghi tragitti il comfort è assicurato e il rischio di perdere concentrazione alla guida è scongiurato dai tanti sistemi di sicurezza passiva e assistenza in caso di “distrazioni”.

Vista anteriore Jeep Renegade Trailhawk sullo sterrato
Vista anteriore Jeep Renegade Trailhawk sullo sterrato

Nel misto si riscontra una decisa differenza sulla risposta di motore e sterzo con la precedente versione provata un paio di anni fa con solo assetto e protezioni aftermarket: lo sterzo è meno leggero, per una guida più precisa e il motore più brillante.

Tuttavia la prima impressione è di essere alla guida di un furgoncino, a causa di un’apparente scarsa vivacità, ma ciò è dovuto al pedale dell’acceleratore che offre una certa resistenza: infatti agendovi più energicamente cambia la musica, cambia tutto…

Vista posteriore Jeep Renegade Trailhawk Monti Simbruini in fuoristrada
Vista posteriore Jeep Renegade Trailhawk sui Monti Simbruini in fuoristrada

Anche se la scheda tecnica riporta le stesse prestazioni della versione precedente, il propulsore di nuova generazione spinge molto di più del precedente e sicuramente coppia e curva di erogazione sono ora migliorati. Accelerazione consistente, ripresa decisa, frenata potente, precisione dello sterzo: ora la guida è divertente anche su asfalto.

Prova Jeep Renegade Trailhawk, come va in off road con le 4 ruote motrici

Il primo contatto con l’offroad con la Jeep Renegade Trailhawk avviene sullo sterrato veloce dei percorsi di gara “Tout Terrain” dell’Appennino Centrale, in notturna! La luce dei fari a LED è favolosa, la sensazione di sicurezza data dall’eccezionale visibilità fa aumentare il ritmo, la guida diventa quasi “rallistica”, il 4×4 risponde molto bene, senza scomporsi, e assorbe qualsiasi asperità, sempre con la massima trazione.

Jeep Renegade Trailhawk su tre ruote sullo sterrato, in twist
Jeep Renegade Trailhawk su tre ruote sullo sterrato in twist

Si vola! Il giorno dopo la prova in fuoristrada simula un’escursione di un’avventurosa famiglia su mulattiere e percorsi di montagna ancora poco battuti dalla fine della stagione invernale. La posizione di guida è comoda e sicura e sullo sconnesso non si perde mai il controllo del Trailhawk, che procede senza timore superando qualsiasi difficoltà.

Info trazione integrale 4WD Jeep Renegade Trailhawk
Info trazione integrale 4WD Jeep Renegade Trailhawk

Ovvio, non è un fuoristrada “duro e puro”, ma se la cava davvero bene su ogni tipo di terreno: forti pendenze con sassi smossi, twist, buche, gradoni, nulla è troppo per il Select Terrain e gli altri sistemi elettronici del Renegade 2019, che fanno il loro dovere e offrono sempre il massimo dell’aderenza.

Chi viene dalle elaborazioni dei Jeep Wrangler CJ, YJ, TJ sa bene quanta importanza ha, per ottenere prestazioni ottimali, l’adeguamento del passo in proporzione al rialzo e all’aumento di carreggiata: ebbene c’è da notare che la quota definita “Magic 100” in USA è il riferimento in pollici minimo da prendere in considerazione e il nostro Trailhawk ha un passo di 2.570 mm, vale a dire 101”… Non è un caso.

Cambio automatico 9 marce, rapporto giusto per ogni situazione

Il propulsore è abbinato al cambio ZF AT9 automatico a controllo elettronico, con monitoraggio di temperatura, velocità e attivazione del controllo della stabilità; sono più di 20 le mappature della cambiata, studiate per specifiche condizioni della strada, e inoltre è possibile passare alla modalità manuale sequenziale a nove rapporti.

Le cambiate sono ravvicinate e fluide in accelerazione, per un’energica progressione, e la prima marcia si utilizza solo con l’inserimento del sistema 4WD Low, il Jeep Active Drive Low, che riduce e blocca a 20:1 il rapporto più corto.

Select-Terrain Auto, Snow, Sand, Mud e Rock Jeep Renegade Trailhawk
Select-Terrain Auto, Snow, Sand, Mud e Rock Jeep Renegade Trailhawk

La gestione elettronica del sistema Jeep Active Drive consente il passaggio dalla trazione integrale alle 2 ruote motrici senza nessun tipo d’intervento da parte del conducente. Il Jeep Active Drive Low è abbinato al Select-Terrain, per scegliere tra la modalità Auto, Snow, Sand, Mud e Rock: quest’ultima in particolare consente la miglior presa possibile della ruota in aderenza.

Jeep Renegade Trailhawk in off road sullo sterrato
Jeep Renegade Trailhawk in off road sullo sterrato

Non è previsto un differenziale centrale, ma un giunto a controllo elettronico che può ripartire, in percentuale adeguata alla selezione terreno impostata, la trazione tra i due assi. Il Jeep Active Drive Low offre anche il controllo della velocità in discesa (Hill Descent Control).

Jeep Renegade Trailhawk, come si comporta

L’impianto frenante è dotato di 4 freni a disco, con quello di stazionamento su pinza ad azionamento elettrico. La luce a terra di 210 mm, gli angoli caratteristici di 30° (attacco), 24° (dosso) e 34° (uscita) e il passo di 2.570 mm rendono questo 4×4 intuibile ed equilibrato in offroad.

Jeep Renegade Trailhawk in off road sulle pietre
Jeep Renegade Trailhawk in off road sulle pietre

Prestazioni Jeep Renegade Trailhawk

  • Velocità massima: 196 km/h
  • Accelerazione: 8,9 s (0-100 km/h)

Consumi

  • Classe ambientale: Euro 6.2 C e D-Temp
  • Emissioni CO2: 166 g/km
  • Autonomia: 800 km
  • Consumo combinato: 6,3 L/100 Km

Salitona Jeep Renegade Trailhawk in off road
Salitona Jeep Renegade Trailhawk in off road

Prezzo

Foto Jeep Renegade Trailhawk

👉 Listino prezzi RENEGADE TRAILHAWK/ Listino prezzi JEEP

👉 Annunci usato RENEGADE

👉 Se il video ti è piaciuto guarda altri video delle prove di Newsauto.it

👉 Come è fatta la Jeep Renegade Trailhawh (caratteristiche) 👈

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM

POSITIVO

– Migliorato lo sterzo, ora preciso anche in offroad
– Motore brillante

NEGATIVO

– Luce di retromarcia debole per le manovre in offroad
Commenta

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni riferimento dei "car enthusiast", appassionati di tecnica motoristica, performances e guida sportiva. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo nelle gare in pista. Tra le tante auto speciali provate: la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto