FotogalleryPROVA COMPLETARenaultTESTZoe

Renault Zoe Q210, test Roma-Perugia autonomia auto elettrica batteria 22 KWh

Test estremo 200 km da Roma a Perugia con una Zoe dotata di batteria da 22 kWh ed autonomia di 210 km dichiarata nel ciclo NEDC.

MOTORE
0.0 Elettrico
CAVALLI
88
Velocità Max.
135 km/h
PESO / POTENZA
15,45 Kg/CV

La Renault Zoe è l’auto elettrica francese che promette un’autonomia diversa a seconda della capacità della batteria disponibile in diversi tagli: da quella con 22 KWh alla maggiore da 41 KWh fino. In arrivo c’è poi la nuova versione della Zoe con batteria da 52 KWh che promette 400 km reali.

Leggi anche nuova Renault Zoe 2020 caratteristiche

Le versioni Q210 con batteria da 22 kWh e Q90 con batteria da 41 kWh sono quelle che accettano la ricarica massima fino a 43 kW in corrente alternata attraverso un caricatore che poi verrà dismesso per questa potenza così elevata in AC. Invece la R240, la R90 e R110 con batterie da 22 o 41 kWh possono ricaricare fino a 22 kW.

Test durata batterie 22 KWh, 200 km Roma-Perugia-Roma

Con un test abbiamo voluto misurare il consumo reale e la durata delle batterie da 22 kWh montate su quest’auto elettrica Zoe (ma anche su altri modelli di auto elettriche) verificando se fosse realmente possibile percorrere i 210 km dichiarati nel ciclo NEDC e soprattutto a che andatura.

ZOE Q210, impresa titanica 200 km da Roma a Perugia e ritorno con auto elettrica e batteria 22 kWh

Ma riusciremo nell’impresa titanica adottanto una guida molto “accorta” e senza avere fretta? Questa Zoe l’abbiamo messa decisamente alla prova in un viaggio da Roma a Perugia e ritorno di 190 km: scopriamo come è andata!

Renault Zoe frontale fotograta a Roma
Renault Zoe test partenza da Roma direzione Perugia

Una delle caratteristiche principali della Zoe è l’estrema silenziosità che viene accompagnata soltanto dal tipico fischio della propulsione elettrica e da un suono che definirei quasi spaziale: si attiva quando si viaggia sotto i 20 km/h per avvisare i pedoni della nostra presenza, altrimenti sarebbe totalmente silenziosa.

Renault Zoe come si sta a bordo, prima generazione

L‘ingresso sulla ZOE è del tipo “Keyless” ovvero basta tenere la chiave in tasca e tirare la maniglia della portiera per salire a bordo. Per richiuderla quando si scende basta premere un tasto posto sulla maniglia.

All’interno sono numerosi i portaoggetti mentre il cruscotto è allo stesso tempo minimalista e futuristico con i due display digitali che dominano la plancia. Seduti dietro il voltante spicca subito la posizione rialzata della seduta, per via delle batterie sotto il sedile, cosa che non disturba e per altro fornisce un’ottima visibilità.

Il climatizzatore è molto efficiente, facile da adoperare e consuma solo un 5% di energia elettrica. Molto originale e funzionale il dispenser di profumo per l’abitacolo, integrato in plancia, dove si possono scegliere fino a 2 fragranze diverse.

Renault Zoe interni
Renault Zoe interni



Renault Zoe Q210 LA PROVA SU STRADA da Roma-Perugia-Roma

Alla guida di questa vettura elettrica non si nota il peso in ordine di marcia che supera i 1.400 kg, ma grazie al centro di gravità tutto concentrato in basso, per via della presenza delle batterie poste sotto i sedili, la tenuta di strada è eccellente e la Renault Zoe si dimostra davvero agile e a suo agio in mezzo al traffico cittadino.

Visto che non ci sono marce da cambiare, l’automobile avanza in modo silenzioso e sempre lineare. Ci si abitua subito al sistema di rigenerazione in frenata che recupera energia e la indirizza verso le batterie. Il sistema funziona anche in discesa quando si toglie il pedale dal gas, consentendo di recuperare anche 20 kW di potenza.

Renault Zoe strumentazione digitale
Renault Zoe strumentazione digitale

E’ possibile modificare la grafica del quadro strumenti su tre diverse configurazioni, quella più funzionale ci è parsa quella con le barre che indicano il consumo istantaneo affiancata da quella del computer di bordo che ci indica i km percorsi durante il tragitto.

Attivando la modalità Eco la potenza viene ridotta fino a 11 kW, ottenendo così una risposta più blanda dell’acceleratore ma più che sufficiente a spostarsi in tutta sicurezza. Interessante l’analisi approfondita del tragitto che troviamo tra le varie schermate del navigatore da 7 pollici che funge anche da computer di bordo.

Nella schermata denominata Take Care troviamo invece informazioni sulla qualità dell’aria esterna ed infine è presente un comando per attivare anche uno ionizzatore all’interno dell’abitacolo.

Renault Zoe posteriore
Renault Zoe vista posteriore

Renault Zoe LA PREPARAZIONE AL VIAGGIO da Roma a Perugia e ritorno

Considerando la tipologia di vettura essa verrà guidata principalmente in ambiente urbano ma se volessimo spostarci fuori porta fino dove potremmo arrivare con una sola carica completa? Prima di imbarcarci per questa avventura dal possibile esito incerto, il giorno prima abbiamo studiato a tavolino, o meglio al computer, il piano d’attacco per riuscire nell’impresa.

Innanzitutto ci siamo collegati sul sito www.eneldrive.it per verificare la presenza di colonnine lungo il percorso che separa Roma da Perugia, passando all’andata come tappa intermedia per Terni e poi tentare di ritornare a Roma senza soste di sorta. Un tragitto da 190 km circa al limite per la capacità di percorrenza della Zoe con una carica completa della batteria.

tessera EnelDrive ricarica auto elettrica
tessera EnelDrive ricarica auto elettrica

Volendo si può fare affidamento sul database fornito dal navigatore R-Link di serie basato sulla tecnologia Tom Tom ma non ci è sembrato molto aggiornato sulla presenza di stazioni di ricarica lungo il percorso, tanto meno sulla tipologia di presa da questi fornita.

In alternativa abbiamo installato sul nostro cellulare l’applicazione Enel drive che tramite l’utilizzo del modulo GPS del dispositivo mobile, ci fornisce l’elenco delle colonnine di ricarica disponibili intorno alla nostra posizione oppure è possibile anche selezionarle direttamente sulla mappa ed osservare il loro stato (libera od occupata) ed ottenere indicazioni stradali su come raggiungerle.

Renault Zoe ricarica completa autonomia 161 km
Renault Zoe Q210 ricarica completa ed autonomia indicata dal computer di bordo

Renault Zoe VIAGGIO ANDATA da ROMA a PERUGIA con tappa a Terni

La nostra missione parte alle 13.30 dal quartiere Eur di Roma, a sud della Capitale, dove abbiamo lasciato la nostra Zoe in carica presso il distributore di benzina Total Erg di via del Tintoretto che dispone anche di due colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.

L’indicatore dell’autonomia indica 161 km con il 100% della carica, selezioniamo la modalità Eco ed impostiamo Terni sul navigatore.

50 km, autonomia residua 115 km – Tempo di percorrere i primi 40 km e ci ritroviamo alle 14:05 a Roma Nord, all’altezza della redazione. Mentre quando abbiamo percorso 50 Km siamo pronti per imboccare l’autostrada A1 in direzione Terni con un autonomia indicata di 115 km.

Un’ora dopo la partenza siamo al casello di Fiano, 70 km percorsi e 99 restanti. Manteniamo una media di circa 80 km/h cercando di restare in un range di consumo che va tra i 4 ed i 10 kW utilizzati. In autostrada siamo i veicoli più lenti e non è raro che qualche camion ci superi ma noi siamo Eco-Friendly e viaggiamo in souplesse ed i risultati si vedono!

Renault Zoe autostrada
Renault Zoe autostrada

Quando arriviamo a 100 km percorsi dal via, l’autonomia è scesa a 75 km, quindi sono 24 km consumati a fronte di 30 percorsi, ne abbiamo guadagnati 6, bene così.

Circa 11 km più avanti raggiungiamo il Casello di Orte, guadagnando ancora altri 6 km. Sono le 15.12 e l’autonomia segna 70 km. Teniamo costantemente sotto controllo la schermata del computer di bordo che ci indica che siamo su una media di 12 kWh consumati ma possiamo fare di meglio.

Ecco che raggiungiamo il centro di Terni, la colonnina che avevamo scelto da casa risulta occupata come ci indica anche l’applicazione Enel Drive, decidiamo di passare alla seconda individuata precedentemente e ci dirigiamo verso la splendida Piazza Tacito dove troviamo la grandiosa fontana dell’architetto Ridolfi.

Arrivati qui però i posti riservati alle vetture elettriche sono occupati da auto convenzionali, non ci resta che salire sulla porzione di isola che ospita la colonnina ed collegarci. Sono le 16.02 quando iniziamo a ricaricare. Siamo arrivati qui dopo 142 km percorsi e 67 restanti di autonomia con una carica residua del 33%.

Renault Zoe in ricarica
Renault Zoe in ricarica

Ne approfittiamo per fare uno spuntino e dare un occhiata a qualche monumento in città. Optiamo per una ricarica completa così da poter spingere di più lungo la E45, la super strada che ci condurrà dritti a Perugia.

TEMPO DI RICARICA DELLA COLONNINA Dopo 20 minuti in carica collegati alla colonnina da 22 kW abbiamo già rifornito la batteria che presenta una carica complessiva del 60%, ne restano un altro 40%.

Alle 17.02 la nostra Zoe è pronta a ripartire con un’autonomia indicata di 212 km, adesso si ragiona! Stavolta aumentiamo la velocità media e settiamo il pratico cruise control su 86 km/h così da percorrere in un oretta questi ultimi 80 km che ci separano da Perugia.

Un po’ di traffico dovuto all’ora di punta ci rallenta ma avendo fatto il pieno di energia prima non abbiamo nulla da temere. Alle 18.36 varchiamo la soglia del capoluogo umbro e ci fermiamo per scattare qualche foto ai vari campanili e porte che dominano il centro città. Passano 20 minuti e ci dirigiamo a quella che sarà la nostra ultima colonnina di ricarica prima di fare ritorno a Roma.

QUANTO COSUMA REALMENTE LA ZOE?

I dati parlano chiaro, abbiamo percorso finora 229 km con un consumo medio di 12.3 kWh/100 km ed un consumo totale di 28 kWh. La nostra velocità media complessiva da quando siamo partiti è pari quindi a 44.2 km/h e la percentuale di carica restante è del 43% con 68 km di autonomia residua a fronte di 86 km percorsi.

L’orologio segna le 19.02 quando mettiamo in carica la nostra Zoe in Borgo XX Giugno. 40 minuti dopo la Zoe è di nuovo carica al 100%, ma decidiamo di prenderci una pausa in più per andare a cena visto che si sono fatte quasi le 20.

Renault Zoe carica elettrica alla colonina Enel di Perugia
Renault Zoe carica elettrica alla colonina Enel di Perugia

Renault Zoe VIAGGIO RITORNO da ROMA a PERUGIA

E’ ora di prendere la strada del ritorno da Perugia verso Roma: cercheremo di farla tutta d’un fiato senza sosta.
Ok si sono fatte le 20.30 ed adesso si entra nel vivo della sfida, riuscire a percorrere gli oltre 190 km che ci separano da distributore di Roma Sud da dove eravamo partiti dopo pranzo. Peccato che stavolta il computer di bordo non sia molto incoraggiante, riportando un’autonomia stimata di soli 161 km.

Per rendere il tutto più interessante ed alzare l’asticella della difficoltà decidiamo di percorrere un’altra decina di km nel centro di Perugia a caccia di monumenti, scorci caratteristici dove immortalare la nostra fedele compagna a propulsione elettrica.

La nostra curiosità viene premiata e ci ritroviamo ad ammirare la Cattedrale di San Lorenzo illuminata da numerosi faretti posti sulla antistante Piazza 4 Novembre. Nel ridiscendere verso la parte nuova del- la città ci fermiamo per scattare un’ultima immagine alla Zoe lungo un bel vialetto alberato. Si son fatte le 21.10 ed è meglio incominciare ad imboccare la via di casa.

Renault Zoe a Perugia
Renault Zoe tour a Perugia

Da quando abbiamo lasciato la colonnina di ricarica abbiamo già percorso 22 km e siamo all’altezza di Torgiano, ma l’autonomia totale è scesa solo di 8 indicandone 153 restanti. Ora è tutta una questione di bilanciare la velocità pelando il pedale dell’acceleratore. La velocità media stavolta non va oltre i 60 km/h per cercare di richiedere il minor apporto di energia alle batterie.

Ricordiamo anche che stiamo tornando col buio quindi siamo con i fari accesi e per tenerci compagnia e monitorare la situazione del traffico non manca anche la radio, quindi ci sarà un leggero consumo energetico in più. Passiamo Todi dopo aver percorso in totale 282 km e l’autonomia riportata è pari a 130 km.

Il tempo passa ma stavolta non incontriamo traffico sull’E45, sono le 23:00 l’autonomia è scesa a 100 km nei pressi di Amelia, sono passati 92 km da Perugia, siamo fiduciosi. Grazie alle numerose discese presenti lungo il percorso riusciamo a recuperare ben 10 km di autonomia raggiungendo di nuovo il casello di Fiano alle 23:45 con 83 km di autonomia residua, 38% di batteria e 370 km percorsi dall’andata.

Stavolta siamo stati più virtuosi ed il consumo orario è sceso a 11.3 kWh/100 km migliorando di 1 kWh rispetto all’andata. E’ passata la mezzanotte da 10 minuti ed arriviamo al 400esimo km della giornata.

Siamo sul raccordo in corrispondenza della Tiburtina, ne possiamo ancora percorrere 49. Ormai manca poco al traguardo ed affidandoci alla bontà del computer di bordo decidiamo per una piccola deviazione per un cornetto notturno, allungando ancora il tragitto totale di 10 km.

Vogliamo vedere di cosa è capace questa piccola Renault. Parcheggiamo e dopo esserci rifocillati, risaliamo in macchina, ma notiamo che nell’accumulatore sono rimasti solo 14 km disponibili (la scritta recante l’autonomia è passata da un rassicurante bianco ghiaccio ad un preoccupante rosso lampeggiante) e ne abbiamo percorsi in totale 430, ovvero 202 da quando siamo partiti da Perugia.

Renault Zoe laterale
Renault Zoe laterale

Alle 0.45 passiamo la galleria dell’Appia, la prossima uscita è la nostra, ma improvvisamente l’indicatore dell’autonomia si porta a zero.
Ed ora? Circa 8 km ci separano dall’obiettivo, ce la faremo? Spegniamo la radio e stavolta ad accompagnarci ci pensa il cicalino della batteria che indica che è scarica. La Zoe non può fallire proprio adesso!

5 km interminabili più lunghi una vita!

Sono i 5 km più lunghi di sempre, il timore che la Zoe si possa fermare da un momento all’altro è evidente ma in fondo ci crediamo a quei 210 km promessi. In lontananza scorgiamo il distributore, il traguardo è alla nostra portata. Ultimo semaforo, è rosso. Coraggio Zoe non mollare, alle 0:58 scatta il verde e con la partenza degna di un pilota della domenica raggiungiamo la colonnina con il 5% di carica residua, ormai si è fatta l’1 di notte. Missione compiuta ed un vero record!

Renault Zoe display ricarica
Renault Zoe display ricarica

Renault Zoe test autonoma reale batteria 22 KWh

Nel nostro test di autonomia reale con la Zoe da Roma a Perugia, andata e ritorno, i km percorso sono stati 438,4 i km totali e ben 210,4 quelli percorsi da Perugia a Roma con una sola carica.
L’energia risparmiata ammonta a 5 kWh per un consumo totale di 49 kWh ad una velocità media di 44,7 km/h. Per una volta abbiamo fatto meglio di quanto dichiarato dalla casa!

Renault Zoe consumo totale
Renault Zoe consumo totale e distanza percorsa

Se sei arrivato fino in fondo ti sarai anche appassionato di questo viaggio con l’auto elettrica un pò estremo per la capacità della batteria da 22 KWh: la tratta di 200 km è molto lunga per questa Zoe Q210 che mediamente viene data per una autonomia di 130/140 km.
Ci siamo riusciti ma ovviamente per arrivare a questa percorrenza l’andatura è stata lenta, quasi a mò di bradipo direbbe qualcuno.

L’auto elettrica con una batteria di 22 kWh come quella della ZOE Life R90 Flex è indicata per percorrenze massimo di 140 km che si raddoppia a 250/300 reali con quella della R110 Z.E.40 con batteria da 41 kWh

Vedi anche la prova della nuova ZOE R135 2020 ZE50

Vedi anche la prova della nuova ZOE R135 2020 ZE50

Commenta

Tags
Back to top button
Close