ClioFotogalleryRenaultVideo

Nuova Renault Clio 2019, anteprima al Salone di Ginevra

Ecco come cambia la quinta generazione della Renault Clio, in anteprima al Salone di Ginevra 2019

Tra le novità più attese del Salone di Ginevra 2019 c’è sicuramente la nuova Renault Clio. Parliamo di una delle auto simbolo del segmento B dal 1990 ad oggi e che in Italia si è guadagnata il titolo di auto straniera più venduta. Ora si proietta nel futuro: nel 2020 sarà la prima auto Renault ad avere una motorizzazione ibrida E-Tech ed inoltre porterà al debutto dei dispositivi di assistenza che portano alla guida autonoma su una city car. La Nuova Renault Clio infatti è costruita sulla nuova piattaforma CMF-B che grazie alla sua nuova architettura elettrica ed elettronica, le consente di integrare i più recenti sviluppi tecnologici.

Com’è?

ESTERNI All’esterno la nuova Renault Clio 2019 com’è? Anteriormente, il cofano ha un effetto scolpito, la calandra è più grande, il paraurti anteriore è più deciso con una griglia molto espressiva. Rispetto al precedente modello è più corta di 14 millimetri (lunghezza 4048 mm, larghezza 1798 mm), ma cresce l’abitabilità. La carrozzeria è ribassata fino a 30 millimetri (altezza 1440 mm). Lo spazio interno è tanto, basti pensare che il vano portabagagli è di 391 litri, nonostante la presenza dell’impianto audio premium BOSE.

Nuova Renault CLIO, vista di profilo

Le ruote sono da 17 pollici (a seconda delle versioni), poi abbiamo dettagli come la shark antenna, i gruppi ottici 100% led, il portellone a filo e la linea cromata intorno ai finestrini laterali. I gruppi ottici anteriori riprendono la firma luminosa a forma di C (C-Shape) che caratterizza i modelli Renault. Quelli posteriori incorporano una nuova firma luminosa a forma di C, con un effetto di profondità particolarmente accentuato. La terza luce di stop, più lunga e sottile, si trova nella parte superiore del lunotto posteriore. Sulla nuova Renault Clio 2019, infine, per la prima volta sono montati i deflettori d’aria, in corrispondenza dei passaruote anteriori.

Nuova Renault CLIO 2019 foto esterni

INTERNI Negli interni della nuova Renault Clio 2019 è stata fatta una piccola rivoluzione, rispetto al modello precedente. L’elemento chiave è lo “Smart Cockpit”, il display multimediale 9,3 pollici che risulta essere il più grande mai realizzato da Renault. Questo tablet verticale leggermente ricurvo, ispirato a quello di Espace, ingrandisce visivamente la plancia, conferisce grande modernità all’abitacolo e migliora la leggibilità dello schermo. Per la prima volta, al posto dei tradizionali strumenti analogici, sul cruscotto Nuova Renault Clio troviamo display digitale. Questo schermo TFT misura da 7 a 10 pollici. La versione 10” integrerà anche la visualizzazione del navigatore GPS.

Continuando nell’excursus degli interni della nuova Renault Clio 2019 la plancia è stata completamente ridisegnata ed è divisa in tre parti. La parte superiore ha rivestimento soft, quella centrale è a forma di onda dove ci sono le bocchette dell’aria disegnate orizzontalmente, ed infine nella parte inferiore del display centrale ci sono i pulsanti “pianoforte” e i comandi del climatizzatore ad accesso diretto.

Il volante è più elegante e più sottile ed è dotato di una corona ergonomica più spessa. La leva del cambio accorciata favorisce lo spazio nel tunnel centrale, che integra anche un vano portaoggetti per la ricarica ad induzione del telefono. Infine i sedili hanno la seduta allungata ed una forma più avvolgente. Il rivestimento incavato della scocca semi flessibile migliora significativamente lo spazio per le ginocchia dei passeggeri posteriori, e i nuovi poggiatesta a forma di virgola, più sottili, aumentano la visibilità posteriore.

Nuova Renault Clio, plancia strumenti

CLIO RS LINE Renault Sport introduce su Nuova Clio la griffe R.S. Line, che progressivamente sostituirà l’attuale GT-Line. All’esterno la nuova Renault Clio 2019 R.S. Line presenta la lama F1 e si contraddistingue anche per la griglia della calandra a nido d’ape, i cerchi specifici in lega 17’’ e il posteriore più atletico.

Nell’abitacolo ci sono i sedili sportivi con supporto rinforzato, gli inserti dal look carbonio, il volante sportivo in pelle traforata, la pedaliera in alluminio e, per finire, un ambiente nero esaltato da impunture e bordi rossi.

Nuova Renault CLIO R.S. Line, vista di profilo

Motori

La gamma motori Euro 6d-Temp della nuova Renault Clio, oltre alle classiche alimentazioni benzina, diesel, e GPL, da 65 a 130 cv, prevede dal 2020 anche un’unità ibrida E-TECH.

BENZINA La gamma benzina prevede di base le due unità 3 cilindri SCe 65 e 75 con cambio manuale 5 rapporti. sono la 1.0 TCe e 1.3 TCe sviluppate nell’ambito di Renault-Nissan-Mitsubishi. La prima è un 3 cilindri aspirato, disponibile nelle potenze da 65 e 75 CV ed associato al cambio manuale 5 rapporti. Salendo troviamo l’unità turbo 1.0 TCe da 3 cilindri, anchein versione bi-fuel GP, con 100 cv e 160 Nm di coppia (emissioni di 100 g/km), associata inizialmente alla trasmissione manuale 5 rapporti ed in seguito al cambio automatico X-TRONIC di ultima generazione. Sulla nuova Renault Clio abbiamo anche il 1.0 TCe da 130 CV e 240 Nm, abbinato al cambio automatico EDC a 7 rapporti. Questo motore ha giù debuttato su Captur, Megane, Scénic e Kadjar.

DIESEL La variante diesel la nuova Renault Clio comprende le motorizzazioni Blue dCi 85 e 115, rispettamene da 85 CV/220 Nm e 115 CV/260 Nm.

IBRIDA E-TECH Ma la vera novità sulla Renault Clio è rappresentata dall’unità ibrida, in arrivo nel 2020. Questo motore E-TECH prevede un’unità benzina 1,6 litri di nuova generazione, affiancata da due motori elettrici, un’innovativa trasmissione multimodale e una batteria da 1,2 kWh. Si avvia automaticamente in modalità elettrica e il guidatore beneficia di un potente freno motore rigenerativo, che gli permette di decelerare fortemente sollevando semplicemente il piede dall’acceleratore, senza agire sul pedale del freno. Insieme l’elevata capacità di ricarica delle batterie, questo permette di guidare fino all’80% del tempo in modalità completamente elettrica in città, con un risparmio di consumi fino al 40%, rispetto ad un motore a combustione interna convenzionale a benzina in ciclo urbano.

Nuova Renault CLIO, vista laterale

Tecnologia

ADAS Sulla nuova Renault Clio debuttano nuovi sistemi ADAS di aiuto alla guida, divisi in tre famiglie: Guida, Parcheggio (raggruppati sotto il marchio Renault EASY DRIVE) e Sicurezza. Tra le novità abbiamo la telecamera a 360° e la frenata d’emergenza attiva con riconoscimento di biciclette e pedoni. Il fiore all’occhiello è il sistema Highway and Traffic Jam Companion (guida autonoma di livello 2), che rappresenta un primo passo vero la guida autonoma.

Questo dispositivo è attivo da 0 a 160 km/h opera su veicoli dotati di trasmissione automatica EDC ed associa il cruise control adattivo (con Stop & Go) e l’assistenza al mantenimento nella corsia. Il sistema funziona con una telecamera frontale e un radar, su strade dove la segnaletica orizzontale (linee continue o tratteggiate) è correttamente visibile. In mancanza di linea di carreggiata, attiva solo il cruise control adattivo. In mancanza di un veicolo che precede l’auto, l’assistente al mantenimento nella corsia resta operativo (a partire da 60 km/h) insieme al cruise control.

INFOTAINMENT Renault Easy Connect Il sistema di infotainment sulla nuova Clio è contenuto nel Renault Easy Connect, che a sua volta comprendeil nuovissimo sistema multimediale Renault Easy Link. Quest’ultima è disponibile in 3 versioni, tutte compatibili con Android Auto ed Apple CarPlay (versione con schermo 7 pollici, 7 pollici con navigatore integrato, 9,3 pollici con navigatore integrato).

Nuova Renault Clio, plancia strumenti

Annunci usato CLIOListino prezzi CLIO

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close
Close