Notizie auto

Voragini in città, come si formano, cause e prevenzione

Tecnologia, soluzioni hi-tech, radar e sensori innovativi contro il rischio voragini in città, che sono causate dall’erosione del sottosuolo.

Una città come Roma, oltre che per la sua bellezza, è famosa anche per le buche e le strade fatiscenti con cui a volte i romani devono fare i conti. Spesso si fa anche dell’ironia con le buche romane addossando la colpa al sindaco di turno, come ad esempio è avvenuto in passato con la Raggi.

Ciò non accade solo a Roma, ma anche in altre città dove spesso si formano delle vere e proprie voragini, con la strada che sprofonda: franando il manto stradale si porta dietro automobili parcheggiate e infrastrutture.

Voragini in città, perché si formano, le cause

Le voragini in città, in gergo tecnico “doline”, sembrano apparire dal nulla, ma in realtà sono il frutto di una lenta azione sotterranea dell’acqua, chiamata “erosione interna”. In ambito urbano sono causate spesso dall’acqua delle tubature che si infiltra gradualmente nel terreno. Roma, in particolare, paga il fatto di essere costruita su materiali piroplastici e depositi alluvionali. Inoltre il sottosuolo romano è interessato da una perdita idrica altissima.

Voragini in città, come si formano, le cause
Le voragini vengono generate dall’erosione interna del sottosuolo, causata dalle infiltrazioni d’acqua

Le abbondanti precipitazioni piovose rappresentano la classica goccia che fa traboccare il vaso. Inoltre tra le cause ci sono anche le vibrazioni causate dal traffico, che producono la liquefazione del terreno. Nel sottosuolo la prima parte viene asportata e la seconda crolla.

La formazione di voragini è spesso collegata anche ad anomalie elettriche ed elettromagnetiche del sottosuolo, anche a causa degli intensi sviluppi urbanistici che nel secolo scorso hanno caratterizzato molti centri urbani.

Voragini in città, come prevenirle

Per prevenire le voragini, le frane e gli smottamenti in città l’unica soluzione è quella di monitorare continuamente il sottosuolo.

Voragini in città, come prevenirle
La tecnologia consente di monitorare il sottosuolo per prevenire le voragini

Per eseguire il monitoraggio ci sono un insieme di tecnologie avanzate, che prevedono radar, sensori innovativi, prospezioni geofisiche, in grado di analizzare il sottosuolo di infrastrutture stradali e parchi pubblici e di scoprire le eventuali cavità fino a 3-4 metri al di sotto del piano stradale.

Progetto MUSE prevenzione voragini a Roma

L’obiettivo del progetto MUSE (Multi-sensor Services), condotto da ENEA in collaborazione con INGV, Consorzio Hypatia, le aziende Superlectric, Ylichron, G-Matics, nello specifico persegue la realizzazione di un protocollo di analisi delle aree urbane e delle sue anomalie geomorfologiche, mediante rilevazioni con satelliti, droni o velivoli e l’impiego delle più moderne tecniche geofisiche per l’indagine del primo sottosuolo come, ad esempio, il georadar multifrequenza e la geoelettrica capacitiva.

Progetto MUSE prevenzione voragini a Roma
Progetto MUSE condotto da ENEA in collaborazione con INGV, per monitorare il sottosuolo di Roma

Il progetto MUSE è uno dei 7 progetti del bando LAreospaZIO, che mira ad accrescere le opportunità di sviluppo tecnologico delle imprese del settore aerospazio attraverso nuovi collegamenti con università e centri di ricerca pubblici e privati, con competenze scientifiche e tecnologiche rilevanti anche a livello internazionale. LAreospaZIO, condotto da ENEA nel ruolo di Organismo di Ricerca Cardine Mandatario, riunisce 15 partner ed è finanziato dalla Regione Lazio nel contesto del bando “Progetti Strategici” del 2019.

Analisi ecografia del sottosuolo

La tecnologia consente di effettuare una sorta di “ecografia” del sottosuolo, che permette ai geologi di studiarlo con diversi livelli di approfondimento per rilevare l’eventuale presenza di vuoti di diversa origine e sprofondamenti del suolo per emersioni di cavità sotterranee, i cosiddetti “camini di collasso”, precursori della formazione di vere e proprie voragini in superficie.

Progetto MUSE prevenzione voragini a Roma
La strumentazione utilizzata dai ricercatori ENEA-INGV durante le attività del progetto MUSE

Su richiesta della Protezione Civile di Roma Capitale, le attività del progetto MUSE si stanno focalizzando sull’analisi del sottosuolo urbano per prevenire la formazione di nuovi sinkhole antropogenici causati dall’emersione di antiche cavità presenti nel sottosuolo (cave di pozzolana, tufi, sabbia, catacombe e ipogei, ecc.) o a seguito di guasti e rotture dei sottoservizi (rete fognaria e idrica).

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Voragine a Roma Torpignattara

👉 Emergenza buche a Roma

👉 Tutte le notizie di cronaca

👉 Incidenti che hanno coinvolto auto

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto