EV DrivingNotizie auto

Transizione energetica, nasce il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile

Nasce a Milano il Centro Nazionale mobilità sostenibile, promosso da Politecnico di Milano e altre 24 università, con 24 imprese aderenti. Sin occuperà di accompagnare l’Italia verso la transizione green e digitale.

Nasce in Italia e più propriamente a Milano il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, con un corposo investimento di 394milioni di euro per i primi 3 anni (2023-2025). Il centro ha la missione di accompagnare l’Italia verso la transizione green e digitale, grazie al coinvolgimento di 25 università e relativi centri di ricerca, e 24 grandi imprese del mondo della mobilità e delle infrastrutture. Il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile impiegherà 696 ricercatori, di cui 574 neoassunti.

Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, che cos’è?

Il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile nasce con una chiara missione: accompagnare la transizione green e digitale in un’ottica sostenibile, garantendo la transizione industriale del comparto e accompagnando le istituzioni locali a implementare soluzioni moderne, sostenibili e inclusive nelle città e nelle regioni del Paese.

Transizione energetica Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile
Il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile si occupa di accompagnare l’Italia verso la transizione green e digitale

La cosiddetta transizione green è un settore in forte crescita, che si stima, raggiungerà un valore complessivo di 220 miliardi di euro nel 2030, assorbendo il 12% della forza lavoro. In questo contesto, si inserisce lo stop ai veicoli termici dal 2035, imposto dall’Europa per il raggiungimento di una nuova mobilità sostenibile secondo le indicazioni del Green New Deal.

Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile, attività

Il Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile sarà focalizzato principalmente su 5 aree: mobilità aerea, veicoli stradali sostenibili, trasporto per vie d’acqua, trasporto ferroviario, veicoli leggeri e mobilità attiva.

Il Centro Nazionale si occupa di rendere il sistema della mobilità più “green” nel suo complesso e più “digitale” nella sua gestione, attraverso soluzioni leggere e sistemi di propulsione elettrica e ad idrogeno; sistemi digitali per la riduzione degli incidenti; soluzioni più efficaci per il trasporto pubblico e la logistica; un nuovo modello di mobilità, come servizio accessibile e inclusivo.

auto elettriche Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile
Le auto elettriche al centro dell’azione del Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile

Il Centro sarà strutturato secondo l’impostazione Hub&Spoke, ovvero con un punto centrale a Milano e 14 nodi distribuiti in modo capillare da Nord a Sud, a garanzia di quel riequilibro territoriale alla base delle iniziative indicate dal PNRR e del grande obiettivo di modernizzazione del Paese.

Enti e aziende nel Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile

Gli enti di ricerca promotori del Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile sono: Politecnico di Milano, Cnr, Politecnico di Torino, Politecnico di Bari, Università di Bergamo, Università di Parma, Università di Torino, Università di Palermo, Università di Bologna, Università di Modena e Reggio Emilia, Università di Cagliari, Università di Roma La Sapienza, Università degli Studi di Napoli Federico II, Università di Salerno, Università Napoli Parthenope, Università del Salento, Università di Padova, Università di Pisa

Gli Enti di ricerca aderenti sono: Università Bicocca, Università di Brescia, Università di Cassino e del Lazio Meridionale, Università di Firenze, Università di Genova, Università di Reggio Calabria, Università Politecnica delle Marche.

Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile Politecnico di Milano
Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile nasce a Milano (nella foto la sede del Politecnico di Milano)

I fondatori del Centro Nazionale per la Mobilità Sostenibile invece sono: A2A, Almaviva, Angel Holding, Autostrade, Eni, Ferrari, Fincantieri, Fnm, Fs, Intesa Sanpaolo, Iveco Group, Leonardo, Pirelli, Poste Italiane, UnipolSai, Snam. Le aziende partecipanti sono: Accenture, Atos, Avio Aero, Brembo, Hitachi, Teoresi Group, Thales Alenia Spazio Italia Spa, Stellantis Mobility and Sustainability Research Center (CRF).

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Solo auto elettriche dal 2035

👉 Stop auto e furgoni benzina e diesel in Italia

👉 Il futuro dei trasporti: auto, moto, furgoni, autobus, navi e aerei

👉 Fine del motore endotermico, stop a diesel e benzina, le date

👉 Carbon Neutral per un clima migliore

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride
👉 Costo ricarica auto elettrica

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche

👉 Tariffe ricarica auto elettriche

👉 Ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto