EV DrivingNotizie autoTesla

Tesla Supercharger, ricarica in DC per tutte le auto elettriche

Alcuni Tesla Supercharger sono aperti a tutte le auto elettriche in commercio. La rete di ricarica rapida è a disposizione di tutti nei paesi dove Tesla utilizza il connettore CCS. In Europa i primi ad aprire a tutti si trovano in Olanda, Norvegia e Francia.

Aumentano i punti di ricarica rapida per auto elettriche dopo che Elon Musk ha deciso di aprire a tutti la sua rete privata Tesla Supercharger in Europa e in America. Si tratta di una piccola svolta che permetterà anche ai non “teslari” di poter ricaricare i loro veicoli velocemente dai punti di ricarica rapida Tesla.

I primi ad aprire a tutti si trovano in Olanda e fanno parte di un progetto pilota avviato da Tesla. In seguito i Supercharger sono stati aperti in Norvegia e Francia e prossimamente anche in Austria, Belgio, Spagna, Svezia e Regno Unito.

Tesla Supercharger aperti a tutte le auto elettriche

I punti di ricarica rapida Tesla Supercharger europei di Olanda, Norvegia, Francia, Austria, Belgio, Spagna, Svezia e Regno Unito saranno aperti a tutti i possessori di veicoli elettrici.

Tasse sulle auto elettriche in Texas
Tutte le auto elettriche possono essere ricaricate in DC presso i Tesla Supercharger

Secondo le indicazioni date da Musk basterà scaricare l’app Tesla per smartphone per ricaricare al Supercharger in DC la propria auto elettrica. Sull’applicazione andrà creato perciò un account al quale andrà associata una carta di credito per il pagamento.

Tesla Supercharger aperti a tutti, dove?

I Tesla Supercharger saranno aperti a tutti i possessori di veicoli elettrici nei Paesi dove Tesla usa il connettore CCS, mentre in America verrà messo in vendita un adattatore, che probabilmente si potrà acquistare anche presso le stazioni Supercharger.

Bisogna specificare però che non tutte le stazioni di Supercharger aderiscono all’iniziativa ed alcuni possono restare esclusivi per le auto elettriche Tesla.

I Supercharge sono aperti nei paesi dove Tesla usa il connettore CCS
I Supercharger sono aperti nei Paesi dove Tesla usa il connettore CCS

Per evitare intasamenti e code ai Supercharger, Musk ha dichiarato che Tesla sta studiando sistemi legati ad orari, livelli di traffico e prezzi dinamici.

I primi Supercharger aperti a tutti sono una decina in Olanda, inseriti all’interno di un progetto pilota Tesla. Qui per caricare un’auto elettrica bisogna prima scaricare l’app Tesla, creare un account e selezionare la funzione “Charge Your Non-Tesla”, selezionare la piazzola di ricarica e il metodo di pagamento e quindi avviare la procedura di ricarica.

Come ricaricare l’auto elettrica

Rispetto agli utenti Tesla gli altri automobilisti devono indicare sull’app orari di avvio e interruzione della ricarica. In più devono pagare un sovrapprezzo, costi maggiori rispetto ai teslari, compresi quelli “associati alla ricarica di un gran numero di auto diverse e quelli occorsi per rendere le posizioni adatte ad auto di altre marche”.

La tariffa infatti è di 0,59 euro a kWh. Per ridurre il prezzo della ricarica comunque sono previste delle forme in abbonamento, da 13 euro al mese per avere accesso a prezzi inferiori applicati alle auto Tesla.

Potrebbe interessarti (anzi te lo consiglio):

👉 Nuovi Supercharger Tesla, mappa aggiornata

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche

👉 Ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto