Notizie auto

Targa prova sui veicoli immatricolati, via libera dal Governo

Nel decreto Infrastrutture approvato nel Consiglio dei Ministri il Governo Draghi chiarisce l’uso della targa prova, che può essere utilizzata anche sui veicoli immatricolati.

Il Consiglio dei Ministri presieduto dal Premier Mario Draghi ha approvato il cosiddetto decreto Infrastrutture che introduce una serie di modifiche al Codice della Strada. Fra le misure più importanti c’è quella che riguarda la targa prova che va definitamente a chiarire l’uso sui veicoli già immatricolati.

Nel testo del decreto viene specificata l’autorizzazione alla circolazione di prova. La modifica chiarisce definitamente una questione che aveva generato molto confusione soprattutto, dopo la sentenza della Cassazione che aveva stabilito che non poteva essere apposta sui veicoli già immatricolati.

Targa prova sui veicoli immatricolati

La targa prova si può utilizzare sui veicoli immatricolati. La norma introdotta nel decreto Infrastrutture legittima una prassi comune nelle officine e negli autosaloni ma messa in discussione recentemente dalla Polizia stradale e dalla Cassazione.

Targa prova Portatarga
Nel decreto Infrastrutture si legittima l’uso della targa prova anche sui veicoli immatricolati

La norma dunque ora specifica che: “può essere utilizzata per la circolazione su strada dei veicoli non immatricolati e di quelli già muniti della carta di circolazione o del certificato di circolazione qualora detti veicoli circolino su strada per esigenze connesse a prove tecniche, sperimentali o costruttive, dimostrazioni o trasferimenti, anche per ragioni di vendita o di allestimento”.

Risarcimento danni con targa prova

In caso di danni con la targa prova per il risarcimento ne risponde l’assicuratore. Infatti la norma introdotta dal Governo specifica che resta l’obbligo di copertura assicurativa da parte del titolare dell’autorizzazione alla circolazione di prova.

In caso di danno con la targa prova il risarcimento è a carico dell’assicuratore

Inoltre dei danni causati dal veicolo in circolazione di prova, anche se munito della carta o del certificato di circolazione ne risponde l’assicuratore dell’autorizzazione alla circolazione di prova.

Decreto Infrastrutture, le altre modifiche al Codice della Strada

Il decreto Infrastrutture entrerà in vigore il giorno successivo alla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale ed entro i successivi 90 giorni. Oltre alla norma sulla targa prova tale provvedimento introduce nel Codice della Strada gli “stalli rosa”, cioè i parcheggi riservati per le donne in gravidanza e per le famiglie con bambini sotto i 2 anni. Aumentano anche le multe per chi sosta nei posti riservati senza autorizzazione

Saranno i Comuni a riservare i posti di sosta, a carattere permanente o temporaneo, oltre che ai veicoli adibiti al trasporto delle persone con disabilità, anche ai veicoli elettrici, quelli per il carico e lo scarico delle merci nelle ore stabilite e al trasporto scolastico. Il decreto prevede poi un rafforzamento delle sanzioni per chi occupa gli stalli rosa e altri parcheggi riservati senza essere autorizzato: ad esempio, vengono raddoppiate le multe per chi parcheggia negli spazi riservati alle persone con disabilità e la nuova sanzione sarà compresa tra 168 e 672 euro.

La multa per chi parcheggia sui posti dei disabili ora va da 168 a 672 euro

Nel provvedimento sono anche previsti incentivi ai Comuni per consentire la sosta gratuita alle persone con disabilità all’interno delle strisce blu nel caso lo stallo riservato risulti occupato. Multe più care sono previste infine anche per chi sosta nelle aree perdonali urbane.

Potrebbe interessarti (anzi te lo consiglio):

👉 Targa prova vietata sui veicoli immatricolati

👉 TARGA PROVA come averla? Guida completa

👉 Tutte le notizie aggiornate sulla targa prova

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Lascia un commento sul nostro FORUM!


COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto