EV DrivingNotizie auto

Smaltimento batterie auto elettriche, arriva il Regolamento europeo

Arriva una nuova regolamentazione europea sulle batterie delle auto elettriche: passaporto digitale ed etichetta per una migliore classificazione e tracciamento con linee guida per lo smaltimento.

La sempre maggiore diffusione delle auto elettriche porterà nel prossimo futuro ad una domanda sempre crescente, se non esponenziale, di batterie al litio e conseguente necessità del loro smaltimento e riciclo delle stesse.

Smaltimento batterie auto elettriche

Le auto elettriche sono considerate una delle soluzioni più sostenibili, ma la gestione delle batterie esaurite offre nuovi scenari da controllare e monitorare con nuove attività che si svilupperanno sul loro smaltimento e riciclo. La presenza di materiali tossici nei componenti delle batterie, unite alla mancanza di infrastrutture per il riciclo, ha sollevato preoccupazioni sulla possibile contaminazione ambientale.

Le batterie esaurite possono essere riciclate

Da un lato lo sviluppo tecnologico si concentra su nuove tecnologie per gli accumulatori, dall’altro sul corretto smaltimento e riciclo. La ricerca in atto infatti si focalizza sull’ottimizzazione dell’efficienza energetica, sulla riduzione dei materiali critici e sullo sviluppo di processi avanzati di riciclo per gestire in modo sostenibile le risorse e mitigare l’impatto ambientale dell’industria delle batterie.

Smaltimento batterie auto elettriche e riciclo

Lo smaltimento delle batterie di auto elettriche è un processo complesso che si articola in diverse fasi:

  1. Valutazione per il riutilizzo: prima dello smontaggio, le batterie vengono valutate per determinare se possono essere riutilizzate. Batterie che hanno perso una parte della loro capacità ma sono ancora funzionali possono essere destinate a una “seconda vita”.
  2. Riutilizzo in applicazioni stazionarie: le batterie che sono idonee per il riutilizzo vengono impiegate in applicazioni stazionarie come il magazzinaggio di energia per impianti solari o eolici, o come sistemi di backup energetico per edifici e strutture industriali.
  3. Smontaggio e trattamento: le batterie che non sono adatte al riutilizzo proseguono nel processo di smaltimento. Vengono smontate e i loro componenti sono trattati termicamente o chimicamente per separare e recuperare materiali riciclabili.
  4. Recupero dei materiali: i materiali recuperati, come litio, cobalto e nichel, vengono puliti e preparati per essere riutilizzati in nuove batterie o altri prodotti.
  5. Smaltimento dei rifiuti residui: I materiali che non possono essere riciclati vengono trattati come rifiuti speciali e smaltiti in modo sicuro.

Questo processo non solo riduce l’impatto ambientale ma contribuisce anche all’economia circolare, permettendo il riutilizzo di materiali preziosi e riducendo la dipendenza dalle materie prime. La ricerca e lo sviluppo in questo settore sono in continuo avanzamento, con l’obiettivo di rendere il processo di riciclaggio sempre più efficiente ed ecocompatibile.

Regolamento europeo sullo smaltimento delle batterie

Per regolamentare il corretto riciclo e lo smaltimento delle batterie per auto elettriche l’Unione Europea ha introdotto il Regolamento (UE) 2023/1542 del Parlamento europeo e del Consiglio, datato 12 luglio 2023, che rivisita la normativa sulle batterie e i rifiuti da batterie. Questo aggiornamento modifica la direttiva 2008/98/CE sui rifiuti, il regolamento (UE) 2019/1020 sulla sorveglianza dei prodotti immessi sul mercato e abroga la precedente Direttiva Batterie (Dir 2006/66/CE).

Batterie auto elettriche
L’Europarlamento ha approvato il Regolamento sulle batterie

Questo nuovo regolamento sullo smaltimento delle batterie al litio stabilisce un quadro legislativo unificato e completo per la loro gestione, tenendo conto degli sviluppi tecnologici e delle sfide future del settore, coprendo l’intero ciclo di vita delle batterie, dalla progettazione al fine vita.

Le categorie di batterie impattate da questo Regolamento sono tutte quelle distribuite all’interno dell’Unione Europea, ossia:

  • batterie portatili e di uso generale;
  • batterie per autoveicoli: per l’avviamento, l’illuminazione o l’accensione (Starter, Lighting or Ignition – SLI);
  • batterie per mezzi di trasporto leggeri (Light Means of Transport – LMI);
  • batterie per veicoli elettrici (Electric Vehicles – EV);
  • batterie industriali indipendentemente dalla forma, dal volume, dal peso, dalla progettazione, dalla composizione materiale, dalla composizione chimica, dall’uso o dalla finalità delle stesse, inclusi i sistemi fissi di stoccaggio dell’energia a batteria;
  • batterie incorporate o aggiunte a prodotti o che sono specificamente progettate per essere incorporate o aggiunte ad altri prodotti.

Etichetta batterie auto elettriche

Per informare meglio i consumatori, secondo il nuovo Regolamento Europeo, le batterie dei dispositivi elettronici e delle auto elettriche, riporteranno etichette e codici QR con informazioni relative alla loro capacità, prestazioni, durata, composizione chimica, nonché il simbolo della “raccolta differenziata”. L’etichetta deve informare i consumatori su quanta CO2 viene impiegata per la produzione delle batterie dei veicoli elettrici (EV), le batterie dei mezzi di trasporto leggeri (LMT, ad esempio per scooter elettrici e biciclette) e le batterie industriali ricaricabili con una capacità superiore a 2kWh.

Passaporto digitale

Il nuovo regolamento prevede che le batterie dei veicoli elettrici debbano essere dotate di un “passaporto digitale” che contenga informazioni dettagliate sul modello della batteria, così come dati specifici relativi a ciascuna batteria e al suo utilizzo.

Inoltre, il regolamento stabilisce obiettivi più rigorosi per la raccolta dei rifiuti batteria: per le batterie portatili, si mira al 45% entro il 2023, al 63% entro il 2027 e al 73% entro il 2030. Per le batterie LMT (scooter elettrici e biciclette), l’obiettivo è raggiungere il 51% entro il 2028 e il 61% entro il 2031 (Art.69).

Etichetta batterie auto elettriche
Le batterie dovranno avere un’etichetta e codici QR

Viene definito anche un livello minimo di materiali da recuperare dai rifiuti di batterie e di contenuto riciclato da rifiuti di produzione e consumo destinati alle nuove batterie. Conformemente alle nuove regole, si prevede che i livelli minimi di recupero saranno del 16% per il cobalto, dell’85% per il piombo, del 6% per il litio e il nichel.

Infine il Regolamento richiede una maggiore facilità nella rimozione o sostituzione delle batterie, promuovendo informazioni più accessibili per i consumatori. Le batterie portatili all’interno dei dispositivi dovranno essere progettate in modo che gli utenti possano rimuoverle e sostituirle con facilità.

Sintesi regolamento europeo smaltimento e riciclo batterie auto elettriche

Di seguito una sintesi schematica con le novità del regolamento europeo sulle batterie per auto elettriche:

  • una dichiarazione e un’etichetta obbligatori sull’impronta di carbonio per le batterie dei veicoli elettrici (EV), le batterie dei mezzi di trasporto leggeri (LMT) (ad es. per scooter elettrici e biciclette) e le batterie industriali ricaricabili con una capacità superiore a 2kWh;
  • Progettare batterie portatili negli apparecchi in modo tale che i consumatori possano rimuoverle e sostituirle facilmente;
  • Un passaporto batteria digitale per batterie LMT, batterie industriali con una capacità superiore a 2 kWh e batterie EV;
  • Una politica di due diligence per tutti gli operatori economici, ad eccezione delle PMI;
  • Obiettivi più severi per la raccolta dei rifiuti: per le batterie portatili – 45% entro il 2023, 63% entro il 2027 e 73% entro il 2030; per le batterie LMT – 51% entro il 2028 e 61% entro il 2031;
  • Livelli minimi di materiali recuperati dai rifiuti di batterie: litio – 50% entro il 2027 e 80% entro il 2031; cobalto, rame, piombo e nichel – 90% entro il 2027 e 95% entro il 2031;
  • Livelli minimi di contenuto riciclato da rifiuti di produzione e di consumo per l’utilizzo in batterie nuove: otto anni dopo l’entrata in vigore del regolamento – 16% per il cobalto, 85% per il piombo, 6% per il litio e 6% per il nichel; 13 anni dopo l’entrata in vigore: 26% per il cobalto, 85% per il piombo, 12% per il litio e 15% per il nichel.
Batteria al litio BMW iX3 SUV elettrico
Il litio ed il cobalto delle batterie sono materiali riciclabili

Il Regolamento è entrato in vigore direttamente nell’agosto 2023, mentre i Regolamenti di Attuazione e i Regolamenti Delegati entreranno in vigore in fasi successive a partire dal 2024.

Leggi anche:

Auto elettriche da comprare selezionate e provate
Prezzi e caratteristiche auto elettriche
Prezzi e caratteristiche auto ibride

Video prove AUTO ELETTRICHE

Le prove di nuove auto elettriche

EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sulla discussioni sul FORUM!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Marco Savo

Marco Savo, classe 1983. La mia carriera è iniziata nel mondo del calcio per poi approdare a quello dell’auto. Cerco di aggiornare gli appassionati e gli utenti dell'auto con gli argomenti più interessanti legati alle automobili.
Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto