Notizie auto

NO alla chiusura delle fabbriche auto, emergenza Coronavirus

Chiusura fabbriche auto per 15 giorni per l’emergenza Coronavirus. Secondo Anfia non ci sono margini di chiusura degli impianti italiani, se non con una decisione congiunta con Germania e Francia.

L’Italia è alle prese con l’emergenza Coronavirus ed a soffrirne economicamente è anche il comparto auto con tutta la filiera collegata. Di fronte all’emergenza sanitaria, che tiene sotto scacco l’Italia ormai da alcune settimane, c’è da registrare la possibile chiusura per 15 giorni degli stabilimenti di produzione italiani.

Fabbriche auto chiuse emergenza Coronavirus

Anfia (Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica) dopo aver messo in campo tutte le disposizioni governative di prevenzione e contenimento della diffusione dell’epidemia, sostiene che non ci sono margini di chiusura degli impianti produttivi, se non con una decisione congiunta dei Paesi UE, in particolare Germania e Francia.

Perché non chiudere le fabbriche

L’eventuale chiusura delle fabbriche italiane per 15 giorni, secondo Anfia, è praticabile solo se condivisa con i Governi tedesco e francese per le rispettive nazioni anche perché rappresentano il primo e il secondo Paese di destinazione dell’export per la componentistica automotive italiana (Germania: quota 20% nel 2018; Francia: quota 11% nel 2018).

fabbriche auto chiuse coronavirus
Le fabbriche auto chiudono per l’emergenza Coronavirus

Anfia: “no alla chiusura degli impianti produttivi in Italia a meno che la decisione non sia condivisa con Germania e Francia”

“Teniamo alla salute dei nostri dipendenti – ha affermato Paolo Scudieri, Presidente di Anfia – le aziende oggi sono luoghi in cui si applicano con rigore le misure di sicurezza messe in campo dal governo, ma lavoriamo anche per una ripresa che possa dare futuro ai nostri dipendenti e, con essi, alle loro famiglie. Anfia è contraria alle ipotesi di un blocco delle attività a livello regionale, in Lombardia e Piemonte, o a livello nazionale, nella sola Italia con il resto d’Europa in piena attività – ci vedono fortemente contrari in quanto, se attuate, porterebbero in entrambi i casi a danni irreparabili per la filiera produttiva automotive, andandone a intaccare pesantemente la competitività sui mercati internazionali.

Paolo Scudieri, Presidente di Anfia
Paolo Scudieri, Presidente di Anfia

Anfia – conclude Scudieri – ritiene che l’approccio congiunto proposto rappresenterebbe un vantaggio anche per Germania e Francia, agendo come importante misura preventiva nei due Paesi in cui ci si aspetta un’escalation dei contagi analoga a quella già avvenuta, e purtroppo ancora in corso, in Italia”.

VADEMECUM Coronavirus spostamenti in auto: quando posso circolare?

Modulo Autodichiarazione Coronavirus scaricabile PDF

Tutte le news sul Coronavirus

Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

? Lascia un commento sotto o sul nostro FORUM

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto