Film auto e motoriLanciaNotizie autoTempo liberoVideo

Race for Glory, il film di Scamarcio sui rally, trama, quando esce

Race for Glory è un film italiano che porta per la prima volta sul grande schermo la più epica faida del rally. Così, Lancia vs Audi rivive nel lungometraggio di Stefano Mordini.

Il 14 marzo 2024 esce nelle sale italiane il film “Race for Glory – Audi vs Lancia” (originariamente conosciuto come “2WIN”), con Riccardo Scamarcio protagonista, in occasione dei 40 anni dalla vittoria della Lancia al campionato mondiale rally con la 037. Il film è diretto da Stefano Mordini. Ambientato agli inizi degli anni ’80, il film con Scamarcio racconta della leggendaria faida tra i due costruttori automobilistici, che hanno scritto la storia della competizione. Da una parte Lancia, padrona assoluta fino a quel momento sullo scenario mondiale rallistico, e dall’altra Audi, che aveva innovato lo sport in questione con la sua Quattro a trazione integrale.

Race for Glory il film di Riccardo Scamarcio, quando esce

Il film con Riccardo Scamarcio, Race for Glory, è atteso nelle sale italiane a partire dal 14 marzo 2024. Ci troviamo di fronte a un’opera dal respiro internazionale, e non solo per il suo cast stellare. Infatti, nonostante la regia italiana, la produzione vede la collaborazione di vari Paesi, tra cui Italia, Germania e Gran Bretagna; e forse proprio per questo il debutto internazionale dovrebbe addirittura avvenire prima rispetto a quello italiano. Stando a quanto rivelato dal programma delle proiezioni del film, il debutto ufficiale di Race for Glory c’è stato negli Stati Uniti e in Canada il 5 gennaio 2024.

locandina di Race for Glory il film di Riccardo Scamarcio
La locandina di Race for Glory il film con Riccardo Scamarcio

Inutile dire che c’è stata grande attesa. In fin dei conti, si tratta del racconto di uno dei momenti più importanti della storia del rally, uno sport che conta milioni e milioni di appassionati in tutto il mondo. Ovvio anche che “Race for Glory – come dichiarato da Riccardo Scamarcio (protagonista, nonché uno dei produttori del film) – è una meravigliosa storia di successo italiano, e ultimamente il mondo del cinema (tra Ferrari di Michael Mann e Lamborghini di Robert Moresco) sembra essersi letteralmente infatuato di queste storie di successo italiane, su quattro ruote ovviamente…

Race for Glory il film, la trama

La trama di Race for Glory si concentra sul Campionato del mondo rally del 1983, anno in cui Lancia sfida l’ultimo vincitore del mondiale, vale a dire la scuderia tedesca Audi. Protagonisti di questa storia sono Cesare Fiorito (alla guida del Team Lancia) e il pilota tedesco Walter Röhrl, appena unitosi alla “squadra” italiana. Il racconto, come anticipato dal trailer del film, non si focalizza in modo esclusivo sulle corse, ma cerca di ricostruire per quanto possibile il quadro generale di un momento passato alla storia.

Ma soprattutto ci sono le auto, o meglio ancora: l’auto. Con la mitica 037, l’ultima auto a due ruote motrici a vincere il mondiale rally, e una straordinaria vittoria nel Rally di Sanremo (dove riuscì a piazzare quattro vetture nelle prime cinque posizioni), Lancia riesce a portarsi a casa il quinto Campionato del Mondo Costruttori. Da questo momento inizia una vera e propria “età dell’oro” per la Casa torinese.

Il film con Lancia 037 che sfida l'Audi Quattro rally film con Riccardo Scamarcio
Il film con Lancia 037 che sfida l’Audi Quattro rally

“Con 15 Campionati del Mondo di Rally, tre Campionati del Mondo Costruttori Endurance, una 1000 Miglia, due Targa Florio e una Carrera Panamericana vinti – ha commentato Luca Napolitano, CEO del brand torinese -, Lancia è ancora oggi il marchio con il maggior numero di successi nel mondo dei rally. Non è un caso che la Lancia Rally 037 sia una delle nove vetture che hanno ispirato il design dei nostri modelli futuri”.

Diretto da Stefano Mordini, il film vede Riccardo Scamarcio interpretare Cesare Fiorio, il leggendario direttore sportivo della Lancia. Daniel Brühl, noto per il ruolo di Niki Lauda in “Rush” e protagonista di “Good Bye, Lenin!”, interpreta il rivale Roland Gumpert, altrettanto leggendario capo del reparto sportivo Audi. Volker Bruch invece interpreta Walter Röhrl.

Trailer Race for Glory, il film di Riccardo Scamarcio

Trailer del film su Race for Glory VIDEO film con Riccardo Scamarcio

Cast e attori del film Race for Glory

ATTORE RUOLO
Daniel Brühl Roland Gumpert
Riccardo Scamarcio Cesare Fiorio
Volker Bruch Walter Rohl
Katie Clarkson-Hill Jane McCoy
Axel Gallois Ispettore francese Dupont
Giulio Brizzi Ugo Kurt
Jacopo Rampini Presentatore
Cast e attori del film Race for Glory

Scheda di Race for Glory Film

  • Data di uscita: 14 marzo 2024
  • Genere: Biografico, Drammatico
  • Anno: 2024
  • Regia: Stefano Mordini
  • Attori: Daniel Brühl, Riccardo Scamarcio, Volker Bruch, Katie Clarkson-Hill, Axel Gallois, Giulio Brizzi, Jacopo Rampini
  • Paese: Germania, Italia, Gran Bretagna
  • Distribuzione: Medusa Film
  • Sceneggiatura: Filippo Bologna, Stefano Mordini, Riccardo Scamarcio
  • Fotografia: Luigi Martinucci
  • Produzione: Lebowski, Rai Cinema, Hanway Films, Davis Films

Lancia 037, ovvero la vera protagonista di Race for Glory

In un cast stellare, però, a rubare la scena non è Scamarcio, né tantomeno Daniel Brühl, ma la mitica Lancia 037, la vera protagonista di Race of Glory. Icona per eccellenza del motorsport italiano, il debutto ufficiale risale al 1982, con la presentazione al 59° Salone dell’Auto di Torino come versione stradale, anche se il futuro nel mondo racing era già nell’aria… Con 205 CV di potenza, carburatore a doppio corpo e compressore volumetrico per la sovralimentazione, questa vettura fu progettata per il mondo del rally. In totale, furono prodotti 200 esemplari per l’omologazione da corsa del Gruppo B.

Conosciuta semplicemente come “037”, la Lancia Rally era una sportiva pura in ogni dettaglio: dalle forme audaci e funzionali, allo stile aggressivo, fino alle appendici aerodinamiche come lo spoiler posteriore che ne esaltavano le prestazioni. Il progetto era chiaramente basato sulla Beta Montecarlo, una coupé compatta a motore centrale degli anni ’70. La base dalla quale ha preso vita la 037, con il suo spirito competitivo, lo stile aggressivo, e il carattere indomito ed efficiente.

Lancia Rally 037 Martini nella sede Sparco di Volpiano
Lancia Rally 037 Martini davanti la sede Sparco di Volpiano

A completare il quadro un abitacolo minimalista e razionale, ideale per una vettura sportiva; una struttura mista realizzata in poliestere con rinforzi in fibra di vetro che permetteva una notevole aerodinamica e una massima efficienza, e dei cofani smontabili sopra il motore e il bagagliaio che garantivano leggerezza.

La Lancia Rally 037 è un mito delle quattro ruote, una delle nove vetture iconiche della storia del brand che hanno ispirato i modelli futuri, a partire dalla Lancia Pu+Ra HPE, il manifesto del marchio Lancia per i prossimi 10 anni. E forse non è un caso che Race of Glory arrivi proprio agli inizi della nuova era dello storico marchio torinese, in procinto di presentare le sue esclusive creazioni, a partire dalla nuovissima Ypsilon.

Leggi anche:

→ Tutte le notizie in cui abbiamo parlato di film e cinema

Se sei appassionato di auto sportive, ti consigliamo di non perdere in edicola l’ultimo numero del magazine ELABORARE (ORDINA ON LINE) i cui arretrati puoi trovare comodamente sullo SHOP
Ricerca auto provate
Ricerca argomenti di tecnica

Elaborare magazine, dal 1996 la bibbia per gli appassionati di auto sportive e da corsa

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e le notizie di Newsauto da Google News






ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Pulsante per tornare all'inizio
error: © Contenuti coperti da Copyright

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto