GUIDE CONSIGLINews auto

Codice della Strada 2019, testo finale di modifica

Le modifiche al Codice della Strada inserite nel testo finale in discussione alla Camera dei Deputati, in commissione Trasporti

Il Nuovo Codice della Strada 2019 presto potrebbe essere legge. Infatti le modifiche, più volte paventate, sono state scritte nel testo unificato che contiene tutti i punti e le proposte di legge, che saranno oggetto di Discussione alla Camera dei Deputati, in commissione Trasporti. Questo testo, come da prassi, poi seguirà l’iter parlamentare prima alla Camera dei Deputati e poi al Senato per diventare a tutti gli effetti Legge dello Stato.

Gli emendamenti devono essere presentati entro il 3 giugno e solo in seguito può iniziare il fatidico iter. I tempi di attuazione, come è facile prevedere, saranno lunghissimi, cosi come l’attuazione. In attesa di saperne di più ora andiamo scoprire quali sono le maggiori modifiche inserite nel testo unico per la modifica del Codice della Strada.

Le modifiche inserite al Nuovo Codice della Strada

SEMAFORI Anche i semafori e la loro durata rientrano nella riforma del Codice della Strada 2019. La modifica riguarda la durata minima della luce gialla, fissata in cinque secondi.

semaforto giallo Nuovo Codice della Strada 2019
La luce gialla nel Nuovo Codice della Strada dovrà avere una durata minima di 5 secondi

PUNTI PATENTE Ogni violazione comporterà una decurtazione dei punti sulla patente. In caso di perdita per infrazioni non contestate su strada, la comunicazione dell’identità del trasgressore sarà obbligatoria solo se il trasgressore sarà diverso dal proprietario dell’auto. Scomparirà anche la comunicazione ministeriale di avvenuta decurtazione.

DISABILI Se si parcheggerà sui posti dei disabili secondo il Nuovo Codice della Strada 2019 la multa sale da 87 a 161 euro (per ciclomotori e motoveicoli a due ruote la sanzione aumenta da 41 a 80 euro). I veicoli dei disabili invece possono sostare gratis anche nei parcheggi a pagamento, nel caso in cui i posti a loro riservati siano occupati. In caso di emergenza i veicoli dei disabili inoltre possono anche transitare sulle piste ciclopedonali.

TELEFONO Una delle modiche più importanti al Codice della Strada 2019 riguarda l’uso del telefonino in auto. Di conseguenza aumentano anche le sanzioni per chi viene beccato al telefono mentre è alla guida. Infatti il Nuovo Codice della Strada vieta qualsiasi uso alla guida di “smartphone, computer portatili, notebook, tablet e dispositivi analoghi che comportino anche solo temporaneamente l’allontanamento delle mani dal volante”.

La multa prevista sale da 165 a 422 euro ed è accompagnata anche dalla sospensione della patente da sette giorni a due mesi. In caso di recidiva la multa sale a 664 euro e la sospensione va da uno a tre mesi.

codice della strada guida con il cellulare
La multa per chi viene beccato alla guida con il telefonino va da 165 a 422 euro, più la sospensione della patente

AUTOSTRADA Per quanto riguarda la guida in autostrada nel testo unico del Nuovo Codice della Strada 2019 c’è il divieto di circolazione anche per i veicoli a motore elettrico di potenza fino a 11 kW. Per quelli a motore termico la soglia scende a 120 cm³. Dunque, al netto delle modiche, possono circolare in autostrada solo gli automobilisti che hanno la patente A, B o di categoria superiore. Oppure, muniti da almeno due anni di patente A1 o A2.

BICICLETTE Nel Nuovo Codice della Strada 2019 ci sono anche delle modifiche che regolano la circolazione delle biciclette in città, le quali possono transitare sulle corsie riservate ai mezzi pubblici. I Comuni inoltre hanno facoltà di realizzare, in prossimità dei semafori su strade con limite di 50 km/h, delle linee specifiche di arresto, poste più avanti rispetto a quelle solite delle auto.  Queste linee inoltre possono essere estese per tutta la larghezza della carreggiata o della semi-carreggiata.

La linea di arresto avanzata, denominata “casa avanzata”, potrà essere realizzata anche lungo le strade con più corsie per senso di marcia e sarà posta a una distanza di almeno 3 metri rispetto alla “normale linea di arresto”. Inoltre quest’aera d’arresto è accessibile solo attraverso una corsia di lunghezza di almeno 5 metri, riservata alle biciclette e situata sul lato destro, in prossimità dell’intersezione.

biciclette Codice dell Strada 2019
Le bici in città potranno transitare anche sulle corsie riservate ai mezzi pubblici

BANCA DATI VIOLAZIONI Nel testo unico con le modifiche al Codice della Strada 2019 è stata inserita anche una banca dati delle violazioni al Ministero delle Infrastrutture, dove vengono inseriti di volta in volta i dati di chiunque accerterà una violazione di una norma. I dati dell’anno precedente sono disponibili sul sito del Ministero e vi possono accedere tutti entro il 30 giugno di ogni anno.

DONNE INCINTE Nel testo unico è confermata la parte in cui si parla dei parcheggi delle donne incinte o che hanno un figlio piccolo di età superiore a un anno, le quali possono sostare sui cosiddetti parcheggi rosa istituiti da alcune amministrazioni comunali.

PATENTE Nel testo del Nuovo Codice della Strada vengono raddoppiate anche le sanzioni a carico di chi guida senza patente o con patente diversa ed è coinvolto in un incidente stradale. A proposito di patente la durata del foglio rosa passa da sei a 12 mesi è l’esame di guida prevede un massimo di due tentativi.

Patente di guida Codice dell Strada 2019
Sanzioni raddoppiate per chi viene colto alla guida senza patente

SEGNALETICA Fra le modifiche al Codice della Strada 2019 c’è anche quella che introduce una segnaletica che indicano messaggi sociali o di sensibilizzazione. Inoltre, per quanto riguarda le strade riservate, potranno essere escluive a determinate categorie di veicoli o a veicoli destinati a specifici usi.

SCUOLE Nel Nuovo Codice della Strada 2019 vengono classificate anche le cosiddette strade scolastiche, ovvero quelle che si trovano in prossimità di scuole, dove i Comuni potranno stabilire limitazioni alla circolazione negli orari di attività didattica e di ingresso e uscita.

AMBULANZE Un’altra norma regola le Autombulanze sulle quali può salire anche un accompagnatore, ma solo se lo chiede la persona soccorsa.

AUTO STORICHE Infine nel testo unico, per la modifica del Codice della Strada 2019, è stata inserita anche una norma che regola i veicoli d’interesse storico e collezionistico con più di venti anni ma meno di trenta. Essi, secondo la nuova norma, sono esenti dal pagamento del bollo solo quelli “individuati con propria determinazione dagli enti abilitati”, ovvero Asi, Fmi e registri storici Fiat, Lancia e Alfa Romeo.

In questa categoria possono rientrare anche i ciclomotori e le macchine agricole. Le auto storiche infine dovranno sostenere la revisione ogni quattro anni.

Bollo auto ventennali Codice dell Strada 2019
Grosse novità per il pagamento del bollo sull auto ventennali

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close
Close