EV DrivingGUIDE CONSIGLINotizie auto

Batteria al Titanato di Litio per auto elettriche, caratteristiche LTO

Nel futuro le batterie delle auto elettriche potrebbero utilizzare la tecnologia Titanato di Litio, che permette ricariche rapide e una maggiore vita utile della batteria stessa.

Una delle prime applicazioni delle batterie al Titanato di Litio debutta nel settore automotive sul fuoristrada Fering “Pioneer“. Si tratta di un nuova tipologia di batterie realizzate con celle particolari sviluppate per ridurre drasticamente i tempi di ricarica, vero collo di bottiglia nella usabilità giornaliera delle auto elettriche grazie ad una maggiore velocità possibile degli elettroni in circolo.
Approfondiamo le caratteristiche di questa nuova batteria per auto elettriche, pro e contro.

Nuova batteria al titanato di litio come è fatta

Nella batteria LTO l’ossido di titanato di litio (Li2TiO3) sostituisce nell’anodo la grafite (carbonio), presente invece nella tipica batteria agli ioni di litio. Il catodo da abbinare può essere all’ossido di litio e manganese (LMO) o con aggiunta di cobalto (NMC).

Le celle della batteria titanato di litio LTO
Le celle della batteria titanato di litio LTO

Il LTO al microscopio mostra una struttura tridimensionale formata da nanocristalli di titanato di litio. La tensione di cella è di 2,4 V, può essere sottoposta a ricarica rapida e può sopportare una corrente di scarica di 10 volte la capacità nominale.

Batterie al titanato di litio, vantaggi

I vantaggi legati alla nuova tecnologia della batterie titanato di litio sono che la superficie dell’anodo della batteria al titanato di litio è di circa 100 metri quadri per grammo invece dei soli 3 metri quadri per grammo delle classiche batterie agli ioni litio. Questa maggiore superficie offerta al passaggio degli elettroni permette una veloce ricarica e una maggiore vita utile della batteria.

Maggiore superficie anodica maggiore velocità di carica

Con una superficie anodica 30 volte maggiore rispetto alla classica batteria al litio questa questa batteria oltre a una ricarica più veloce, permette circa 20.000 cicli di carica contro i 2.000 di una normale batteria al litio.

Particelle nano batteria titanato di litio vista al microscopio
Particelle nano batteria titanato di litio vista al microscopio

Questo significa che è necessaria una minore potenza di ricarica e che queste batterie possono essere ricaricate in tutta sicurezza in circa 6/10 minuti invece delle 8 ore necessarie per le altre batterie ricaricabili. Inoltre l’efficienza di ricarica supera il 98%.

Batteria titanato di litio, carica e scarica rapide

La nanotecnologia alla base delle batterie LTO permette di sostituire la classica superficie in carbonio dell’anodo con nanocristalli di titanato di litio.

Hyundai Ioniq 5 in ricarica rapida HPC
La batteria titanato di litio LTO si ricarica molto velocemente

Come detto, in questo modo un grammo di materiale presenta una superficie di circa 100 metri quadri, che si traduce in una velocità di carica e scarica irraggiungibile con le altre tecnologie attualmente in uso.

Batteria titanato di litio rischio di incendio minimo

La minore tensione operativa rispetto alle celle tradizionali al litio è un vantaggio sia per la sicurezza sia per l’ambiente. L’assenza di carbonio evita instabilità termica e surriscaldamenti che sono la principale causa di incendi nei sistemi di accumulo tradizionale.

Come si può vedere nell’immagine, una cella LTO sottoposta a corto circuito ha raggiunto la temperatura massima di 94° C, senza causare esplosioni o incendi ai quali possono essere soggette le classiche batterie litio-polimero.

Batteria titanato di litio prestazioni alle basse temperature

La nanotecnologia LTO avvantaggia il funzionamento di questo tipo di cella al litio anche alle basse temperature: si riesce a erogare circa l’80% dell’energia accumulata anche a una temperatura di -30° C.

Batteria titanato di litio LTO scarica a -20°
Batteria titanato di litio LTO scarica a -20°

Riepilogando, queste celle sono sicure, presentano eccellenti caratteristiche di scarica a basse temperature e la loro durata stimata è maggiore delle normali Li-ion. Altri vantaggi rispetto alle batterie con il classico anodo in grafite sono la maggiore resistenza, l’assenza dei fenomeni di deposito di litio sull’anodo in situazioni di veloce carica o scarica alle basse temperature e alta stabilità alle alte temperature.

Batterie titanato di litio, svantaggi

I principali difetti sono i costi elevati (circa 30 dollari per una cella da 40 Ah) e la bassa densità energetica (circa 65 Wh/kg), vicina a quella delle batterie al Ni-Cd.

I principali campi di applicazione sono l’autotrazione, UPS e lampioni stradali fotovoltaici. Inoltre queste batterie sono particolarmente adatte per i sistemi di accumulo collegati a impianti fotovoltaici o eolici.

Batterie titanato di litio, svantaggi
Lo svantaggio principale della batteria titanato di litio è il costo elevato

Quest’ultima caratteristica risulta molto importante per le auto elettriche che saranno dotate di batterie con celle LTO, considerando che la maggior parte dei vantaggi ambientali della mobilità elettrica è legata alla ricarica tramite energia rinnovabile.

Potrebbero interessarti (anzi te lo consiglio!)

👉 Auto elettriche da comprare selezionate e provate
👉 Prezzi e caratteristiche auto elettriche
👉 Prezzi e caratteristiche auto ibride

👉 Video prove AUTO ELETTRICHE

👉 Quanto costa ricaricare l’auto elettrica
👉 Tutto sulla ricarica delle auto elettriche

👉 ultime notizie batterie agli ioni di litio

Le prove di auto elettriche nuove!

👉 EV Driving tutto su auto elettriche e ibride

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI.
👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM!


COMMENTA CON FACEBOOK

Manuel Cerfeda

Da sempre appassionato di automobilismo e di scrittura. È ingegnere e lavora nel campo delle energie rinnovabili. Ama leggere libri di tecnica motoristica e automobilistica, in particolare sulla storia della Formula 1 e delle auto da competizione in genere. Molto attratto dalle auto storiche, in particolare le youngtimer: il suo sogno è una Porsche 911 Carrera 4 Targa, serie 964 del 1989. Possibilmente rossa. E' autore umoristico e satirico: scrive sulla rivista “L’odio digitale” e ha pubblicato i libri “Autopsie ipocaloriche e altri metodi per perdere peso” e “L'anagramma di derma (non madre, quell'altro)”.
Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto