Mercato autoNotizie auto

Vendite auto in Europa, i dati di ottobre 2023

Nel mese di ottobre, le vendite di auto nuove in Europa hanno registrato un aumento del +14,1% rispetto all'anno precedente. Le auto elettriche hanno raggiunto una quota del 15,2%.

Nel mese di ottobre 2023, il mercato dell’auto in Europa Occidentale ha registrato una crescita del 14,1%, segnando la quindicesima crescita mensile consecutiva. Se prendiamo in esame il periodo gennaio-ottobre 2023, si è registrato un aumento del 16,7% rispetto allo stesso periodo del 2022. I dati sono meno entusiastici se li confrontiamo con il 2019 pre Covid, ed infatti il calo è del 19,6%. Se il tasso di crescita rimarrà costante nei prossimi mesi, il 2023 chiuderà con circa 13.171.858 immatricolazioni, un livello notevolmente inferiore rispetto alle 15.805.658 immatricolazioni del 2019.

Auto vendute in Europa ottobre 2023

Nel mese di ottobre 2023 in Europa sono state vendute in totale 1.039.253 auto nuove, in aumento del 14,1% rispetto allo stesso periodo del 2022 (911.132 unità). Nei primi dieci mesi dell’anno, le immatricolazioni hanno raggiunto 10.722.930 unità, segnando un incremento del 16,7% rispetto al 2022, ma evidenziando un calo del 19,6% in confronto al 2019.

Auto vendute in Europa ottobre 2023
L’andamento delle vendite di auto nuove in Europa ad ottobre 2023

Tra i cinque principali mercati europei a ottobre, la Francia ha registrato il maggior aumento (+21,9%), seguita da Italia (+20,0%), Spagna (+18,1%), Regno Unito (+14,3%) e Germania (+4,9%), che ha visto un impatto negativo dovuto all’esclusione delle persone giuridiche dagli incentivi per le auto elettriche a partire da settembre. Nei primi dieci mesi, l’Italia ha registrato il maggiore incremento (+20,4%), seguita da Regno Unito (+19,6%), Spagna (+18,5%), Francia (+16,5%) e Germania (+13,5%).

L’Italia, dunque, si è collocata al quarto posto tra i cinque mercati in termini di immatricolazioni sia a ottobre che nei primi dieci mesi dell’anno.

Vendite auto elettriche in Europa

La vendita di auto elettriche in Europa anche nel mese di ottobre si è confermata molto legata all’erogazione degli incentivi. La quota sulle immatricolazioni complessive, che era del 12,2% nei primi dieci mesi del 2022, è salita di tre punti percentuali nello stesso periodo del 2023, arrivando al 15,2%, con notevoli differenze tra Paesi.

Nuova Peugeot e-208 GT cavo di ricarica
Le vendite di auto elettriche nel 2023 hanno raggiunto una quota del 15,2%

Tra i cinque principali mercati europei, nei primi dieci mesi del 2023 la Germania ha registrato la quota più alta di immatricolazioni di auto elettriche con il 18%, seguita dal Regno Unito al 16,3% e dalla Francia al 16%. Questi risultati nei suddetti tre Paesi sono principalmente dovuti agli incentivi generosi e all’acquisto di auto elettriche da parte delle flotte. Anche in Italia negli ultimi anni sono stati erogati incentivi significativi per le auto elettriche, ma non hanno portato ad un vero boom di queste vetture.

Auto elettriche Italia Germania, Francia, Regno Unito e Spagna

Nella classifica relativa alle auto con la spina (ECV), l’Italia ha faticato, anche se la quota è risalita all’8,2% rispetto allo scorso mese, con le BEV al 4,1% e le PHEV al 4,1%. In Germania le BEV hanno recuperato quota salendo al 17,1%, mentre le PHEV sono salite al 7,5%.

Nel periodo agosto-ottobre la quota delle BEV è stata al 21,7%, quattro punti in più rispetto allo stesso periodo del 2022. In Francia le BEV sono state al 16,7% e le PHEV al 9,8%; nel Regno Unito le BEV al 15,6% e le PHEV al 9,3%; in Spagna le BEV al 6,5% e le PHEV al 6,4%.

Nuova Fiat (600e)RED in ricarica
Le vendite di auto elettriche in Italia hanno raggiunto il 4,1% di quota

L’Italia si è collocata all’ultimo posto per le vetture elettriche anche nei primi 10 mesi, con le BEV al 3,9% e le PHEV al 4,5%, superata da Germania (BEV 18,0% e PHEV 5,9%), Francia (BEV 16,0% e PHEV 9,1%), Regno Unito (BEV 16,3% e PHEV 7,1%) e Spagna (BEV 5,0% e PHEV 6,3%). Nei dieci mesi, le quote relative all’intero mercato europeo sono state per le BEV il 15,2% (+3,0 punti) e per le PHEV il 7,6% (-0,8 punti).

Vendite auto benzina e diesel

Per quanto riguarda le vendite di auto benzina, e diesel ad ottobre 2023, il mercato delle auto a benzina dell’UE è cresciuto dell’8,1%, sebbene la sua quota di mercato sia diminuita dal 35,4% al 33,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo aumento è stato influenzato da un significativo incremento delle vendite nei principali mercati europei, tra cui Italia (+21%), Francia (+17,4%), Spagna (+7,7%) e Germania (+7,5%).

Vendite auto benzina e diesel ottobre 2023
Le quote di auto benzina e diesel in Europa sono rispettivamente del 33,4% e del 14,2%

D’altra parte, il mercato delle auto diesel dell’UE ha continuato a diminuire ad ottobre, registrando un calo del 13,2%. Questa tendenza al ribasso è stata evidente nella maggior parte dei mercati dell’UE, compresi i quattro più grandi: Francia (-29,4%), Spagna (-20,2%), Germania (-4,6%) e Italia (-3,7%). Attualmente, le auto diesel detengono una quota di mercato del 12%, in ribasso rispetto al 15,9% di ottobre dell’anno scorso.

Chi ha venduto di più in Europa

Tra i marchi auto ad ottobre, il gruppo automobilistico Stellantis ha immatricolato 180.327 veicoli, registrando un aumento del 10,8% rispetto allo stesso mese del 2022. Tra i marchi del gruppo, Peugeot ha registrato un incremento del 5,3%, Opel/Vauxhall del 14,2%, Fiat del 10,3%, Citroën dell’8,1%, Jeep del 59%, Alfa Romeo del 23,5% e Lancia del 15,2%. Tuttavia, DS ha segnato un calo del 23,6% e Maserati del 19,9%.

Anche il gruppo Volkswagen ha registrato un aumento delle vendite del 10,4%, raggiungendo 257.526 unità. Audi ha segnato un aumento del 19,2%, Skoda del 18,8%, Seat del 18,1%, Cupra del 42% e Porsche del 53,1%. ll gruppo BMW invece ha visto un aumento del 17% nelle immatricolazioni, raggiungendo 75.979 vetture, con un incremento del 18,8% per il marchio BMW e del 10,5% per Mini. Anche Mercedes-Benz ha registrato un aumento dell’11,8%, con 56.377 immatricolazioni, grazie a un aumento del 9,9% per il marchio principale e del 76,9% per Smart.

Il gruppo Renault è cresciuto del 24,4% nelle immatricolazioni, raggiungendo 103.153 unità. Il marchio Renault ha segnato un aumento del 17,8%, Dacia del 33,5% e Alpine del 28,5%. Ford invece ha registrato un decremento del 12,2%, con 41.263 immatricolazioni, mentre Volvo ha visto un aumento dell’11,2% (24.742 unità).

Vendite Renault ottobre 2023
Il marchio Renault ad ottobre 2023 è cresciuto del 17,8%

Tesla ha ottenuto un notevole incremento del 209,9% nelle immatricolazioni, raggiungendo 18.023 unità. Il gruppo Hyundai-Kia ha consegnato 89.551 vetture, registrando un aumento del 9,3%, con un incremento del 9,4% per Hyundai e del 9,2% per Kia. Toyota ha segnato una crescita a doppia cifra del 10%, con 74.964 immatricolazioni, grazie ad un aumento del 7,6% per il marchio Toyota e del 59,4% per Lexus.

Altri marchi come Nissan (+13,3%), Mazda (+7,6%), Suzuki (+68,2%), Honda (+72,2%) hanno registrato significativi incrementi nelle immatricolazioni, mentre Mitsubishi ha visto un decremento del 6,9%.

Leggi anche:

Dati delle vendite in Europa ad ottobre 2023

Auto più vendute in Italia nel 2023

Auto elettriche più vendute in Italia nel 2023

Auto ibride più vendute in Italia nel 2023

Sondaggio che auto acquisteresti oggi?

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sulla discussioni sul FORUM!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Marco Savo

Marco Savo, classe 1983. La mia carriera è iniziata nel mondo del calcio per poi approdare a quello dell’auto. Cerco di aggiornare gli appassionati e gli utenti dell'auto con gli argomenti più interessanti legati alle automobili.
Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto