FotogalleryNews

Auto elettrica, da corsa made in Italy Spice-X

La Spice-X è una nuova concept car totalmente elettrica pensata per il mondo delle auto da corsa corse elettriche

La Spice-X è una nuova concept car italiana, un’auto elettrica da corsa, prototipo che non sarà omologato per la normale circolazione sulle strade, date le insolite dimensioni, ma sarà destinata esclusivamente alle gare auto, per uso in pista, sui circuiti cittadini e nel Formula Challenge. Dopo l’auto elettrica da corsa Seat, la nuova Kona di Hyundai da 400 km di autonomia e la prima auto elettrica di Audi e-Tron, questa Spice-X è una bella novità tra i mezzi a 4 ruote con motori elettrici.

Auto elettrica da corsa, Spice-X concept car made in Italy

La Spice-X, a guardarla bene, sembrerebbe una di quelle auto destinate alla collezione personale del miliardario Bruce Wayne alias Batman che, in effetti, somiglia molto alla batmobile dell’uomo pipistrello. Trattasi invece di una geniale auto elettrica da corsa made in Italy realizzata in Piemonte. Tale somiglianza sarà forse dovuta alla sua forma allungata e snella, alle appendici aerodinamiche a punta ed alle luci completamente al led; che la rendono un’auto estremamente futuristica e bella da vedere.

Ma, questa concept car non proviene dall’universo dei fumetti, bensì dalla mente di Fabrizio Pepe: Responsabile del Design e del Project Management che ha dato vita a questa vettura made in Italy.
La Spice-X SX1 (il nome richiama la Space X di Elon Musk, “papà” di Tesla) è nata dalla collaborazione tra le tre aziende: Mastery Design, Performance Car e AM Costruzione Modelli, presentata prima come una monoposto, evolutasi poi in una pratica vettura biposto, l’utilizzo di questa piccola sportiva elettrica è sarà destinato prettamente alla pista.

Spice-X, scopriamo com’è fatta

Economia” è la parola d’ordine che le tre aziende piemontesi si sono prefissate durante la realizzazione di questa concept car italiana. La piccola auto elettrica italiana è lunga solamente lunga 3,82 metri e larga 1,69, praticamente quanto una Polo 3 porte. A differenza dell’iconica tedesca però, la concept car italiana è spinta da due motori elettrici – entrambi situati al posteriore della vettura – da 30 Kw ciascuno capaci di portarla a 160 km/h di velocità massima, o a 210, a seconda della versione scelta.

Spice-X assemblaggio

La Spice-X infatti sarà disponibile in versione con pacco batterie da 330 o 450 Volt, con coppia/accelerazione da 0 a 100 m/h rispettivamente di 160 Nm/3,8″400 Nm/3,5″. E’ ideata in due differenti versioni ossia con la copertura a cupola, oppure con la protezione antivento; mantenendo in entrambi i casi un coefficiente aerodinamico molto basso apprezzato dai piloti. Questa concept car inoltre, è costruita con materiali non nobili. Non aspettatevi fibra di carbonio od alcantara, vi ricordiamo infatti che la parola d’ordine nella progettazione è l’economia. Perchè questa scelta? La Spice-X è destinata ad un pubblico di giovani piloti, amanti delle corse senza far spendere un capitale.

Concept car italiana, luoghi d’utilizzo e vantaggi

La piccola elettrica italiana è stata progettata per essere una piccola e pratica Formula E. Si adatta perfettamente nelle Gare di Slalom, durante le Crono-scalate,Formula Challenge, Gare in Pista e su
altri circuiti anche cittadini; con emissioni acustiche praticamente assente, con assoluto rispetto per l’ambiente poiché non inquinante.

Spice-X laterale con vista pneumatici ed alettone

Saranno ottimi i vantaggi che si potranno usufruire grazie ai bassi costi di manutenzione. La leggerezza si rispecchia nell’ottima risposta in frenata e nella performance, che è favorita proprio dal rapporto peso/potenza straordinario della piccola concept car italiana. L’abitacolo inoltre, presenta dimensioni maggiori rispetto a quelle delle monoposto standard di questo segmento, dando una maggior visibilità al pilota seduto al suo interno.

Perché un auto elettrica da corsa come Spice-X?
Semplicità, costo di gestione, leggerezza, performances…

“I vantaggi della Spice-X si riscontrano nella meccanica che offre ottime prestazioni pur essendo semplice; nelle spese di gestione e di manutenzione che risultano modeste come gli importi dei materiali; nella leggerezza che si rispecchia nella frenata; nell’handling, nella performance che è favorita proprio dal rapporto peso/potenza, nell’abitacolo di maggiori dimensioni rispetto alle normali monoposto, nelle possibilità di utilizzo su un ventaglio di scelta di circuiti molto vasto sul territorio nazionale ed internazionale per le misure ridotte. E’ ideata in due differenti versioni ossia con la copertura a cupola, oppure con la protezione antivento; in ambedue i casi, Spice-x mantiene comunque un coefficiente aerodinamico molto basso apprezzato dai piloti”.

LEGGI altre notizie su auto e mobilità elettrica:

RENAULT ZOE E-SPORT CONCEPT CAR

DI MAIO: “UN MILIONE DI AUTO ELETTRICHE ENTRO IL 2022”

FCA PUNTA SULL’AUTO ELETTRICA E GUIDA AUTONOMA

Tags

Raffaello Caruso

Mi presento: sono Raffaello Caruso, classe '94, da sempre appassionato di motori, e condivido questa grande passione dall'età di 3 anni. Amo le auto, qualunque esse siano, basta che abbiano un buon treno di gomme ed un motore da portare al limite!
Close