Notizie autoVideo

Aumento prezzi carburanti, taglio accise fino al 31 dicembre 2022

Il taglio delle accise sui carburanti scade il 31 dicembre 2022. I prezzi dei carburanti e soprattutto quelli del diesel potrebbero tornare a sfiorare i 2 euro al litro.

Per contrastare il caro carburanti e dare respiro agli italiani a marzo 2022 è stato deciso il taglio momentaneo delle accise su benzina e diesel, che termina il 31 dicembre 2022. Nell’ultimo mese di validità tale misura ha subito degli aggiustamenti con lo sconto che è passato da 30,5 centesimi/litro (25 centesimi + IVA) a 18,3 centesimi (15 centesimi + IVA).

Taglio accise benzina fino a quando

Il taglio delle accise su benzina e diesel termina ufficialmente il 31 dicembre 2022, ma nell’ultimo mese di dicembre, di validità, l’entità dello sconto governativo è stato di 18,3 centesimi, invece di 30,5.

Prezzi reali di benzina e gasolio con le accise mobili
Il taglio sulle accise termina il 31 dicembre 2022

Dal 1° al 31 dicembre 2022 l’accisa sulla benzina è salita da 478,40 euro per 1.000 litri a 578,40 euro con l’incremento alla pompa che è di 10 centesimi al litro. L’accisa sul diesel invece è salita da 367,40 euro per 1.000 litri a 467,40 euro, con un aumento sempre di 10 centesimi al litro. Infine per il Gpl, il valore è passato da 182,61 euro per 1.000 litri a 216,67.

Aumento prezzi benzina e diesel

In termini pratici il ritorno alle accise piene dal 1° gennaio 2023 potrebbe riportare i prezzi dei carburanti vicino alla soglia dei 2 euro al litro, soprattutto per quanto riguarda la quotazione del diesel. La benzina invece dovrebbe costare circa 1,9 euro al litro, mentre il prezzo del Gpl salirebbe di 2,3 centesimi al litro.

Aumento prezzi carburanti, le vere cause quali sono? L’inchiesta di newsauto.

Tra fine marzo e fine dicembre 2022, il taglio delle accise è costato allo Stato circa 7,3 miliardi di euro, quasi 730 milioni al mese.

Caro carburanti, perché?

In ogni caso sui carburanti è in atto una forte speculazione perché le quotazioni del petrolio sono tornate ai livelli del 2021 pre-guerra in Ucraina, cioè a circa 80 dollari al barile. Ma allora i prezzi medi di benzina e diesel in modalità self erano poco superiori ai 1.500 euro al litro, mentre ora sono arrivati a quasi 2 euro al litro.

Il taglio sulle accise ha riportato per un breve periodo i prezzi al distributore sotto la soglia dei 2 euro al litro, ma con il crescere delle tensioni internazionali e l’annunciato embargo al petrolio russo, benzina e diesel stazionano vicino alla soglia dei 2 euro al litro.

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Prezzi benzina, diesel, metano e GPL aggiornati

👉 Accise carburanti, prezzo reale benzina e diesel

👉 Come risparmiare sul carburante

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto