GUIDE CONSIGLI AUTO

Esenzione bollo auto, sospensione, quando non si paga la tassa

Tutti i casi in cui non si paga la tassa automobilistica. Come e chi può beneficiare delle esenzioni a seconda della Regione di appartenenza.

La tassa del bollo auto in Italia cambia da regione a regione. In alcune infatti c’è una sorta di esenzione, sotto forma di incentivo anche per l’acquisto di un’auto nuova. Fra le vetture che hanno i bonus maggiori ci sono quelle a basso impatto ambientale, come le elettriche, ibride, a GPL o metano.

Facendo un tour per la nostra Penisola vediamo che, ad esempio, nella provincia autonoma di Bolzano per i primi tre anni dall’immatricolazione tutti i veicoli a idrogeno, gas metano, Gpl, ibridi elettrici e termici non pagano il famigerato bollo. In Lombardia e in Piemonte addirittura le auto elettriche sono esentate dalla tassa per sempre.

Esenzione bollo auto elettriche, ibride GPL e metano

L’esenzione del bollo per i primi 3 anni solitamente è riservata ai veicoli GPL e metano, mentre le auto ibride ed elettriche solitamente godono di una scontistica più ampia. Essendo il bollo una tassa regionale, i termini delle esenzioni sono diversi. In Lombardia e in Piemonte le vetture elettriche non pagano mai il bollo. Per le BEV l’esenzione è a vita.

La Campania prevede invece esenzioni per le auto ecologiche ibride (benzina-elettrica o benzina-idrogeno) per i primi 3 anni, mentre per le elettriche per i primi 5. Dopo questo periodo l’esborso è pari al 25% dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, che è anche lo stesso importo previsto per i veicoli a GPL o a metano.

Esenzione bollo auto elettriche, ibride GPL e metano
Le auto elettriche in Lombardia e in Piemonte non pagano il bollo auto a vita

Le regole della Campania sono uguali anche in Toscana, Lombardia, Lazio, Emilia Romagna, Sicilia, Abruzzo e Calabria. Anche in Veneto gli automobilisti alla guida di auto ibride non pagano il bollo per tre anni.

Esenzione bollo auto 4 anni

In Liguria le auto ibride immatricolate non prima dell’1 gennaio 2016 hanno l’esenzione del primo bollo e dei quattro anni successivi. In Lombardia i veicoli ibridi (benzina-elettrica, gasolio-elettrica) con ricarica esterna immatricolati godono di una riduzione del bollo del 50% per tre anni.

Esenzione bollo auto 5 anni

Nelle Marche i bonus riguardano le auto ibride che non pagano il bollo per il primo anno e per i 5 successivi. In Puglia l’esenzione avviene come nelle Marche, ma in questo caso vale per i veicoli ibridi immatricolati da gennaio 2014, e come nella Basilicata dove i veicoli nuovi anche delle categorie M1 e N1 con alimentazione esclusiva a metano ed esclusiva a GPL, oppure con la doppia benzina/GPL o benzina/metano installata in fabbrica, godono dell’esenzione temporanea per i primi 5 anni (se immatricolati dal 1° gennaio 2013).

Targhetta Hybrid nuova Toyota Yaris GR Sport
Le auto ibride godono di un’esenzione di 5 anni dal bollo nelle Marche, in Puglia e Basilicata

Dopo questo periodo i veicoli solo metano/GPL e con ibrido elettrico pagano il 25% della tassa automobilistica, mentre quelli a doppia alimentazione (senza elettrico, e quindi metano+benzina o gpl+benzina) devono sborsare l’intero importo del bollo.

Esenzione bollo auto idrogeno

L’Umbria, infine, rispetto a tutte le altre Regioni, è l’unica che ha inserito delle regole per il bollo anche per le auto ad idrogeno le quali, come quelle elettriche ibride benzina/elettrica e gasolio/elettrica immatricolate tra gennaio 2016 e dicembre 2017, hanno l’esenzione della tassa auto per i primi due anni.

Esenzione bollo auto legge 104

Il pagamento del bollo auto è sospeso per i proprietari di veicoli che usufruiscono della legge 104 e per i veicoli guidati da disabili o utilizzati per il loro accompagnamento, con limitazione di cilindrata fino a 2.000 cc per i motori a benzina e di 2.800 cc per quelli diesel. L’esenzione del bollo si applica solo ad un veicolo, nel caso in cui il disabile è in possesso di più macchine.

Non paga la tassa il familiare che ha fiscalmente in carico il disabile, naturalmente intestatario del veicolo per il trasporto della persona malata.

Sospensione del bollo, come ottenerla

Per non pagare il bollo si deve presentare una domanda per la sospensione. Nelle Regioni convenzionate con ACI la si può presentare presso gli Uffici Provinciali dell’ACI oppure presso le Delegazioni dell’Automobile Club. Al momento della presentazione della domanda deve essere indicata la targa del veicolo. Il disabile può ottenere l’esenzione per un altro veicolo solo nel caso in cui venda quello precedentemente dichiarato o lo rottami e lo cancelli dal PRA (Pubblico Registro Automobilistico). Senza la cancellazione, il bollo si paga nel mese successivo alla data in cui si verifica l’evento.

Non possono godere dell’esenzione gli autoveicoli per trasporto di disabili intestati ad altri soggetti, pubblici o privati, come enti locali, cooperative, società di trasporto, taxi polifunzionali, ecc.

Renault Kangoo TPMR trasporto disabili in carrozzina
I portatori di 104 non pagano il bollo auto

La domanda per l’esenzione della tassa auto una volta andata a buon fine prosegue di anno in anno. Chi ne beneficia nel tempo dovrà solo comunicare se il veicolo interessato viene venduto o radiato oppure se nel frattempo ci sia stato un miglioramento patologico o il decesso del titolare.

Esenzione bollo auto storiche

Anche le auto storiche beneficano dell’esenzione del bollo auto, come quelle che hanno compiuto il 30° anno dalla data di produzione o di immatricolazione e quelle regolarmente iscritte all’ASI o ai Registri Fiat, Lancia e Alfa con tanto di Certificato di Rilevanza Storica.

Le ventennali cosiddette “youngtimer”, ossia quelle che hanno più di 20 anni ma meno di 30, pagano il bollo al 50%, ma solo se sono iscritte all’ASI e hanno il Certificato di Rilevanza Storica.

Potrebbero interessarti anche questi contenuti

👉 Esenzione bollo auto elettriche

👉 Esenzione bollo auto ibride

👉 Esenzione auto storiche ultraventennali

👉 Esenzione bollo legge 104 disabili

👉 Tutte le news sul bollo auto

👉 Cosa ne pensi? Fai un salto sul FORUM e Google News tutte le notizie dell’auto

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

COMMENTA CON FACEBOOK

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.

Leggi anche

Back to top button

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto