GUIDE CONSIGLINotizie auto

Come leggere le sigle dell’olio motore SAE e quale scegliere

Sulla sigla SAE sono riportate le vere caratteristiche della viscosità alle diverse temperature dell’olio che stiamo acquistando

Ci sono diverse classificazioni dell’olio motore: quelle basate sulla Viscosità (SAE = Society of Automotive Engineers) o sulle Performance (API, ACEA, Specifiche dei costruttori).
Approfondiamo qui la sigla della classificazone SAE.

Classificazione SAE olio motore

Per classificare gli oli in basse alla viscosità nel 1911 fu introdotto la cosidetta classificazione SAE l’indice di viscosità dell’olio, che per decenni è rimasto l’unico e sostanziale parametro per distinguere un olio motore da un altro. Nella classificazione SAE, gli oli sono identificati solo in base alla viscosità, tralasciando qualsiasi altra caratteristica qualitativa. La sigla SAE, ormai più che familiare, è la prima che guardiamo subito sull’etichetta di un olio motore, ad esempio SAE 10W40, SAE 30, ecc.

Oli monogradi e multigradi, cosa cambia?

Gli oli monogradi possono essere impiegati quando la temperatura di funzionamento varia poco, in condizioni climatiche uniformi.

Gli oli normalmente in commercio per uso automobilistico sono oli multigradi, adatti cioè per condizioni climatiche variabili. Hanno due numeri per l’indice di viscosità, che sono indicativi del campo di temperature entro il quale l’olio riesce a mantenere le sue prestazioni inalterate, limitando le variazioni di viscosità al variare della temperatura e dei carichi.

Viscosità assoluta e cinematica

La sigla dell’olio motore serve a definire il campo d’impiego dell’olio in base alla viscosità di cui si prendono in considerazione due grandezze: la viscosità assoluta e quella cinematica. 

La viscosità assoluta si misura in Poise o centiPoise, alla temperatura di -18°C, utilizzando un viscosimetro “rotante”. Serve per definire l’indice di viscosità a bassa temperatura, ad esempio il 10W della sigla SAE 10W40.

La viscosità cinematica (viscosità assoluta in relazione alla densità) si misura in centiStokes, usando un normale viscosimetro a gravità e misurando il tempo di scivolamento dell’olio, a 100°C, in un tubicino di lunghezza predefinita.
Questo numero rappresenta la viscosità del lubrificante alle basse temperature, dando un’indicazione di quanto l’olio resterà fluido in inverno. Più basso è il primo numero, più l’olio è fluido alle basse temperature.

Attenzione, quindi! Questi numeri non sono le temperature sotto zero a cui l’olio può lavorare senza problemi e, per i climi molto freddi, è più indicato, ad esempio, un 5W di un 15W.

Sigla olio SAE significato 10W40

La prima cosa da ricordare è che i numeri sono un “indice” di viscosità e non la “misura” della stessa in quanto, come detto prima, l’olio cambia la propria viscosità con la temperatura (e anche con la pressione). Cerchiamo di capire cosa il significato di una sigla dell’olio per esempio un 10W40.

Il primo numero 10 si riferisce alla viscosità a freddo, per un uso invernale (simbolo W = winter).
Il secondo numero, 40, prende in considerazione quella a caldo. Quest’ultimo, quindi, è l’indice di viscosità dell’olio a temperature elevate. Più è alto, maggiore sarà la densità dell’olio alle alte temperature.

L’utilizzo della gradazione corretta è fondamentale per aumentare le prestazioni del motore e ridurne l’usura nonché diminuire il consumo di carburante.

Viscosità  olio motore classificazione SAE in base alla temperatura
La tabella SAE con le temperature ottimali per le diverse gradazioni dei lubrificanti.

Quale olio motore scegliere?

Il criterio di scelta dell’olio motore deve tenere conto sia della minima temperatura ambiente a cui il motore dovrà operare in inverno, per facilitare l’avviamento a freddo e scorrere liberamente fino a lubrificare le parti critiche del propulsore, sia della massima temperatura di funzionamento in estate, tenendo presente che, nel caso di una guida sportiva, urbana o quando la temperatura dell’aria è particolarmente elevata, il motore lavora a temperature più alte.

Per assicurare la giusta protezione ai componenti del propulsore, è fondamentale utilizzare un olio che resti sufficientemente fluido in inverno e non troppo fluido d’estate.

Come variano le caratteristiche dell'olio in base alla temperatura e all'indice di viscosità
Come variano le caratteristiche dell’olio in base alla temperatura e all’indice di viscosità

QUANDO CAMBIARE L’OLIO ALL’AUTO?

OLIO USATO, COME VA SMALTITO?

Guida e informazioni su olio motore lufrificante per auto

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button
Close