GUIDE CONSIGLIMotore

Classificazione API olio, le specifiche dei lubrificanti

La classificazione API fornisce i criteri qualitativi e di controllo per gli oli motore. Ecco che cos’è e come viene classificato il lubrificante auto

Un modo per conoscere a fondo i lubrificanti è la classificazione API degli oli, fornita dall’American Petroleum Institute (API), la più grande associazione statunitense di imprese (circa 400) operanti nell’industria dell’olio e del gas naturale. L’API stabilisce a livello mondiale i suoi criteri qualitativi e di controllo per gli oli motore. A tal fine definisce tre categorie di prodotto, identificate ciascuna con una sigla di due lettere.

CATEGORIE API La prima lettera indica il campo di applicazione a cui gli oli sono destinati: S sta per Service (veicoli a benzina), C sta per Commercial (veicoli diesel) e G per le trasmissioni. La seconda lettera designa il livello prestazionale del prodotto: più è avanti nella progressione dell’alfabeto, migliori sono le prestazioni dell’olio.

CLASSIFICAZIONE API Per ottenere la classificazione API, un olio deve superare varie prove motoristiche, che prendono in considerazione: l’aumento della sua temperatura di esercizio, l’allungamento dell’intervallo di sostituzione fissato dai costruttori auto, le performance motoristiche, il rispetto delle norme di protezione ambientale e la riduzione del consumo di carburante, in virtù della bassa viscosità (solo per gli oli “Energy conserving”).

Olio motore classificazione API
Classificazione API tiene conto anche dell’anno di realizzazione del veicolo.

BENZINA L’API-SN attualmente è il livello qualitativo più alto per i propulsori a benzina e segna un miglioramento, rispetto alla categoria API SM, nelle seguenti aree: protezione dei pistoni da depositi alle alte temperature, migliore prevenzione per la formazione di morchie, maggiore compatibilità con gli elementi di tenuta motore e con i sistemi di post-trattamento dei gas di scarico.

DIESEL Per i diesel leggeri (autovetture) si è fermi alla specifica CF-4 del 1994. Per quelli heavy duty sono attuali le specifiche API CH-4, CI-4 e la più recente CJ-4, introdotta nel 2006 per i propulsori a quattro tempi ad alta velocità. Gli oli CJ-4, progettati per soddisfare gli standard 2007 sulle emissioni di scarico in autostrada, sono compatibili per tutte le applicazioni con combustibili diesel aventi un tenore di zolfo fino a 500 ppm(0,05% in peso); inoltre si mostrano efficaci nel favorire la durata del sistema di controllo delle emissioni, laddove siano presenti filtri antiparticolato e altri dispositivi avanzati di post-trattamento dei gas di scarico, a condizione che siano utilizzati combustibili a tenore di zolfo non superiore a 15 ppm.

Olio motore API per Benzina e Diesel
Nella tabella le diverse specifiche a cui devono rispondere gli oli moderni in base alla vettura su cui andranno impiegati.

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Close
Close