EV DrivingGUIDE CONSIGLI AUTONotizie auto

Bonus colonnine 2024, contributo per la wallbox [aggiornato]

Scopri come ottenere il contributo in conto capitale (a fondo perduto) con l'acquisto di un sistema di ricarica per auto elettriche ed ibride plug-in. Informazioni dettagliate sul funzionamento del "bonus colonnine": previsione delle date, l'importo finanziato e la procedura per finalizzare la richiesta dell'incentivo sull’installazione di punti di ricarica privati o condominiali.

Fino all’80% di risparmio grazie al bonus colonnine, per l’installazione di wallbox, punti di ricarica in Modo 3 delle auto elettriche e plug-in. Il bonus è tornato nel 2024, come ogni anno, dal 2022, con un fondo di 40 milioni di euro all’anno, per un totale di 120 milioni in 3 anni (2024-2022). Dal 15 febbraio 2024 al 14 marzo 2024, infatti, è possibile richiedere il bonus da parte di coloro che hanno acquistato e installato la colonnina di ricarica dall’1 gennaio al 31 dicembre 2023. Si tratta di un contributo in conto capitale concesso dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy (Direzione generale per la politica industriale, l’innovazione e le PMI), secondo le modalità previste dal Decreto del Direttore Generale atteso in questi mesi.

Quando installare una wallbox per avere l’incentivo?

Questo è proprio il momento ideale per installare una wallbox! Si consiglia di approfittare del periodo compreso tra il 1° gennaio e ottobre 2024 per procedere con l’installazione di una colonnina. Così avrai tutto il tempo necessario per completare le fasi lavorative, partendo dai preventivi, passando per l’installazione, il collaudo e le relative certificazioni. Arrivato alla seconda metà dell’anno, sarai pronto per presentare la domanda a INVITALIA e beneficiare del contributo in conto capitale.

Bonus colonnine come funziona, privati e condomini

Il bonus colonnine elettriche prevede un incentivo a fondo perduto pari all’80% del prezzo di acquisto e l’installazione di una wallbox privata (ricarica MODO 3) o un sistema di ricarica condominiale con potenza massima di 22 kW trifase.

Esempio pratico: se installiamo una colonnina nel box, possiamo usufruire di un bonus dell’80%, fino alla spesa di 1.500 euro. Ma se la spesa supera questo importo, ad esempio se il costo della wallbox è di 2.400 euro +IVA si riceve un bonus solo per l’80% sull’imponibile di 2.400, pari a 1.500 euro, ovvero 1.200 euro. Pertanto per arrivare al costo finale della colonnina, da quello realmente speso di 2.400 euro bisogna togliere 1.200 euro del contributo per un costo reale sostenuto di 1.200 euro.

Il bonus concesso è al massimo di 1.500 euro a persona e 8.000 euro a condominio.

  • 1.500 euro, nel caso di contributo richiesto da una persona fisica;
  • 8.000 euro, nel caso di contributo richiesto da un condominio.

I contributi verranno concessi all’esito di due distinti bandi, a seconda dell’annualità di realizzazione dell’investimento.

Nel caso di condominio stiamo mettendo a punto una guida sulle modalità operative di richiesta all’amministratore di condominio (compresi quelli soggetti a CPI, certificato protezioni incendi dei Vigili del Fuoco) per l’installazione di una wallbox all’interno del proprio box.

Il bonus colonnine è un incentivo corrisposto sotto forma di rimborso, tramite bonifico sul conto corrente del contribuente o del condominio.

Requisiti, spese ammissibili per ricevere il contributo wallbox

Per l’installazione di una wallbox sono ammissibili al contributo le seguenti spese (devono essere saldate con pagamento tracciabile):

  1. Acquisto e la messa in opera di infrastrutture di ricarica, ivi comprese – ove necessario – le spese per l’installazione delle colonnine, gli impianti elettrici, le opere edili strettamente necessarie, gli impianti e i dispositivi per il monitoraggio;
  2. Spese di progettazione, direzione lavori, sicurezza e collaudi;
  3. Costi per la connessione alla rete elettrica, tramite attivazione di un nuovo POD (point of delivery).

Non sono ammesse al contributo:

  • le spese per imposte, tasse e oneri di qualsiasi genere (quindi l’IVA non gode del contributo);
  • le spese per consulenze ad eccezione di quelle previste alla lettera b) del decreto;
  • le spese relative a terreni e immobili;
  • le spese relative all’acquisto di servizi diversi da quelli previsti dal precedente decreto anche se funzionali all’installazione;
  • le spese per costi relativi ad autorizzazioni edilizie, alla costruzione e all’esercizio.

Ai fini dell’ammissibilità al contributo, le infrastrutture di ricarica devono essere:

  1. nuove di fabbrica;
  2. di potenza standard;
  3. collocate nel territorio italiano e in aree nella piena disponibilità dei soggetti beneficiari;
  4. realizzate secondo la regola d’arte ed essere dotate di dichiarazione di conformità ai sensi del decreto ministeriale n. 37/2008.

Oltre ai predetti requisiti le infrastrutture di ricarica devono:

  • essere ad esclusivo uso privato e non accessibili al pubblico, nel caso in cui il contributo sia richiesto da una persona fisica;
  • essere destinate all’utilizzo collettivo da parte dei condomini e non accessibili al pubblico nel caso in cui il contributo sia richiesto da un condominio.

Quando richiedere il bonus colonnine, le date previste 2024

Quando si potrà richiedere il BONUS per le colonnine montate quest’anno, nel corso del 2024? Quali saranno le date per fare richiesta del contributo? Se le tempistiche rispecchiano quelle degli ultimi 2 anni (2022 e 2023), il bonus potrà essere richiesto nella seconda parte dell’anno (lo scorso anno il periodo è stato dalle 12:00 del 9 novembre 2023 alle 12:00 del 23 novembre 2023): sicuramente entro la fine dell’anno. Il 2 novembre 2023 si è chiuso lo sportello per le installazioni effettuate dal 4 ottobre 2022 al 31 dicembre 2022.

Date 2024

Dalle ore 12 del 15 febbraio alle ore 12 del 14 marzo 2024 sono aperte le prenotazioni su INVITALIA per le domande relative alle installazioni effettuate dall’1 gennaio al 31 dicembre 2023.

Per registrare le domande sulle installazioni effettuate dal 1° gennaio 2024, ipoteticamente, il periodo potrebbe comprendersi tra il 7 novembre e il 21 novembre 2024. Queste ultime date verranno aggiornate con precisione non appena si avranno notizie più precise.

Una wallbox, colonnina per ricarica di auto elettriche che gode di un incentivo fino all''80% (Easy wallbox ENGIE marchiata Jeep)
Una wallbox, colonnina per ricarica di auto elettriche che gode di un incentivo fino all’80% (Easy wallbox ENGIE marchiata Jeep)

Attenzione però, dato che si tratta di una misura fino ad esaurimento dei fondi, potrebbe esserci il rischio del click day appena verrà aperta la piattaforma online. Non disperate perché ogni anno, dei 40 milioni di euro stanziati ne restano inutilizzati oltre l’80%.

Dove fare la domanda per richiedere il bonus colonnine

La domanda deve essere effettuata online sulla piattaforma informatica di INVITALIA utilizzando SPID, CIE o CNS. Dopo aver effettuato l’accesso, si può compilare il modulo elettronico seguendo le istruzioni fornite. Ogni beneficiario, sia individuale che condominiale, può presentare una sola domanda.

GUIDA COMPILAZIONE RICHIESTA BONUS COLONNINE

Una volta completata la domanda correttamente, il sistema rilascia una ricevuta di registrazione. Le domande vengono processate nell’ordine cronologico di presentazione.

Entro 90 giorni dalla chiusura dello sportello, il Ministero delle Imprese e del Made in Italy rilascia un decreto che conferma l’assegnazione e l’erogazione dei contributi, seguendo l’ordine cronologico delle domande ricevute. Successivamente, il contributo verrà depositato tramite bonifico sul conto corrente dei beneficiari.

Documenti per la domanda

Gli utenti privati devono fornire i seguenti documenti:

  • Codice fiscale e documento d’identità del richiedente.
  • Copia delle fatture elettroniche relative all’acquisto e all’installazione dell’infrastruttura di ricarica.
  • Estratti del conto corrente che dimostrino i pagamenti effettuati per le fatture elettroniche relative all’acquisto e all’installazione dell’infrastruttura.
  • Relazione finale sull’investimento e sulle spese sostenute.
  • Certificazione di conformità rilasciata da un installatore che confermi l’installazione dell’infrastruttura.
  • Dati del conto corrente su cui richiedere l’accredito del contributo.

Per i condomini invece occorre presentare:

  • Codice fiscale del condominio e dati d’identità dell’amministratore pro tempore, con dichiarazione che attesti il possesso dei requisiti di legge.
  • Delibera assembleare di autorizzazione dei lavori sulle parti comuni, con dichiarazione che attesti l’assenza di impugnazioni entro il termine previsto.
  • Copia delle fatture elettroniche relative all’acquisto e all’installazione dell’infrastruttura di ricarica. Sono comprese le “Spese di acquisto e messa in opera“, “Spese di progettazione” e “Costi per la connessione alla rete elettrica“.
  • Estratti del conto corrente che dimostrino i pagamenti effettuati per le fatture elettroniche relative all’acquisto e all’installazione dell’infrastruttura.
  • Relazione finale sull’investimento e sulle spese sostenute (va inserito l’imponibile totale dell’investimento e separatamente l’IVA).
  • Certificazione di conformità rilasciata da un installatore che confermi l’installazione dell’infrastruttura.
  • Dati del conto corrente su cui richiedere l’accredito del contributo.

Più informazioni sull’incentivo (bonus colonnine) per installazione della wallbox

Il consiglio che possiamo dare alla “Direzione generale per la politica industriale, l’innovazione e le PMI” del MIMIT è di anticipare l’informazione sul periodo temporale, le date, in cui si aprirà la finestra per effettuare la richiesta del contributo.

Solo questa certezza può incentivare gli automobilisti, proprietari di auto elettriche ed ibride plug-in, a pianificare l’installazione di un sistema di ricarica domestico. Inoltre, potrebbe spronare gli indecisi a rinnovare il proprio parco auto con il passaggio a una mobilità più sostenibile.

Leggi anche:

Bonus colonnine aziendali e partita IVA

Auto elettriche da comprare selezionate e provate

→ Cosa ne pensi? Fai un salto sulla discussioni sul FORUM!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

per ricevere aggiornamenti da Newsauto.it

Seleziona lista (o più di una):

Informativa sulla privacy

Giovanni Mancini

Ingegnere meccanico, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Seguo la direzione di questo portale newsauto.it e dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 da oltre 20 anni riferimento dei "car enthusiast". Sono appassionato di tecnica motoristica, guida sportiva ed enduro. Ho avuto la fortuna di disputare oltre 100 gare in pista, tra sprint ed endurance. Nell'anno 2004 ho conseguito il titolo di Campione Italiano nel (CIVT) Campionato Velocità Turismo con una Fiat Punto HGT. Tra le tante auto speciali provate: la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.
Pulsante per tornare all'inizio

Disattiva l'AD Block

Gentile lettore, per navigare sul sito di NEWSAUTO ti chiediamo di disattivare l'AD Block. Ci sono persone che lavorano per offrire notizie sempre aggiornate, realizzare prove di auto su strada con un servizio puntuale e di qualità che ha bisogno di preziose risorse economiche che arrivano proprio dai banner disattivati. Grazie, siamo fiduciosi della tua comprensione. Il Team di Newsauto