EV DrivingFotogalleryTransporterVolkswagen

Volkswagen e-Bulli, caratteristiche retrofit elettrico

Arriva il Volkswagen e-Bulli, il celebre pulmino storico degli anni’60 restaurato e riproposto in chiave moderna con motorizzazione 100 % elettrica.

Volkswagen presenta l’e-Bulli, il celebre pulmino storico viene riproposto in chiave moderna cioè in versione 100% elettrica. Un vintage elettrico ben riuscito attraverso l’installazione di un kit retrofit elettrico. Questo prototipo, equipaggiato con componenti del motore presenti sugli attuali veicoli elettrici Volkswagen, si basa su un pulmino Samba T1 prodotto nel 1966 e ampiamente restaurato.

Prossimamente sarà anche disponibile per la vendita. eClassics, partner di Volkswagen Veicoli Commerciali prevede, infatti, allestimenti T1 e una gamma di veicoli completi T1 ispirati allo stile del nuovo e-BULLI.

Volkswagen e-Bulli, kit retrofit elettrico sul pulmino storico

Il retrofit elettrico sul celebre veicolo commerciale Volkswagen è stato curato da un team con gli esperti in sistemi di trazione di Volkswagen Group Components e di eClassics, azienda specializzata nella conversione di auto elettriche. Come base per realizzare il futuro e-Bulli, il team ha puntato sul pulmino Samba T1 prodotto ad Hannover nel 1966, che ha circolato sulle strade della California per mezzo secolo prima di essere convertito.

Il telaio è di nuova concezione, rispetto all’originale pulmino Volkswagen del 1966. Sulla versione elettrica del Bullit abbiamo gli assali anteriore e posteriore multilink con ammortizzatori regolabili e molle filettate, nonché un nuovo sterzo a pignone e cremagliera e quattro freni a disco autoventilanti.

Vista anteriore Volkswagen e-Bulli elettrico
Volkswagen e-Bulli, vintage elettrico grazie al retrofit

Volkswagen e-Bulli, caratteristiche motore autonomia

Sul Volkswagen e-Bulli il motore boxer a quattro cilindri da 44 CV (32 kW) è stato sostituito da un motore elettrico Volkswagen da 83 CV (61 kW), che sviluppa una potenza quasi doppia rispetto al boxer. Ma non è ancora tutto. Grazie alla coppia massima pari a 212 Nm, il nuovo propulsore eroga una potenza più che doppia rispetto al motore originale del T1, risalente al 1966 (102 Nm). Inoltre, la coppia massima è disponibile da subito.

La trasmissione è affidata a un cambio monomarcia. Il sistema di trazione è accoppiato a una leva del cambio posizionata tra il sedile lato conducente e quello del passeggero anteriore. Le posizioni del cambio automatico (P, R, N, D, B) sono visualizzate accanto alla leva selettrice. Impostando la posizione B, il conducente ha la possibilità di modificare il livello di recupero dell’energia (recupero dell’energia in fase di frenata). La velocità massima (limitata elettronicamente) dell’e-BULLI si attesta su 130 km/h. Equipaggiato con il motore originale, il T1 raggiungeva una velocità massima di 105 km/h. La potenza viene scaricata sull’asse posteriore, come sul pulmino originale del 1966.

Leva cambio automatico consolle centrale interni Volkswagen e-Bulli elettrico
Leva elettrice cambio automatico (P, R, N, D, B) nella consolle centrale

Volkswagen e-Bulli, batteria al litio da 45 kWh

Il motore elettrico viene alimentato da una batteria agli ioni di litio con una capacità pari a 45 kWh. L’elettronica di potenza, posizionata nel posteriore e appositamente messa a punto per l’e-Bulli in collaborazione con eClassics, gestisce il flusso di energia ad alta tensione tra il motore elettrico e la batteria e converte la corrente continua immagazzinata (DC) in corrente alternata (AC). Un cosiddetto convertitore DC/DC alimentata anche l’elettronica di bordo a 12 volt.

Tutti i componenti di serie del motore elettrico sono prodotti da Volkswagen Group Components a Kassel, cui si aggiungono i moduli agli ioni di litio progettati e prodotti nello stabilimento di Braunschweig dedicato ai componenti, che eClassics provvede poi a trasferire in un sistema di batterie idoneo per il T1. Analogamente alla nuova ID.3 e al futuro ID.BUZZ, la batteria ad alta tensione è integrata centralmente nel pianale del veicolo: questo tipo di configurazione ha permesso di abbassare il baricentro dell’e-Bulli, migliorandone così le caratteristiche di marcia. Grazie al CCS, ricarica fino all’80% in 40 minuti presso le colonnine di ricarica rapida.

Come si ricarica Volkswagen e-Bulli AC/DC fino a 50 kW

La batteria viene caricata mediante una presa di ricarica CCS (CCS = Combined Charging System), che consente di utilizzare sia corrente alternata che continua. La presa di ricarica si trova dietro sotto il porta-targa

Corrente alternata: la batteria viene caricata, tramite un caricabatterie rapido AC, con una potenza di carica compresa tra 2,3 e 22 kW a seconda della fonte di energia elettrica.

Corrente continua: grazie alla presa di ricarica CCS di cui è dotato l’e-Bulli, la batteria ad alta tensione può anche essere ricaricata fino all’80% della capacità in soli 40 minuti, utilizzando le stazioni di ricarica rapida DC che dispongono di una potenza di carica fino a 50 kW. Con la batteria completamente carica, è possibile percorrere oltre 200 chilometri.

Presa di ricarica Volkswagen e-Bulli elettrico
Presa di ricarica CCS Volkswagen e-Bulli elettrico dietro al tarfa

Volkswagen e-Bulli, fuori com’è

Per quanto riguarda l’estetica del Volkswagen e-Bulli, insieme alle relative soluzioni tecniche, sono stati sviluppati dal Design Center di Volkswagen Veicoli Commerciali in collaborazione con il relativo Settore Oldtimer e il reparto Comunicazione. I designer hanno modernizzato gli esterni di questo veicolo storico, che sono ora verniciati nella nuova tinta bicolore Energetic Orange Metallic / Golden Sand Metallic Matte. Esternamente ci sono una serie di dettagli moderni, come i nuovi fari a LED rotondi con luci diurne.

Sulla parte esterna del posteriore sono stati inseriti anche degli indicatori di carica a LED, che segnalano al conducente la quantità di energia ancora disponibile nella batteria agli ioni di litio, non appena si avvicina all’e-Bulli. Solo guardando attraverso i finestrini dell’abitacolo, che offre 8 posti a sedere, ci si rende conto che alcune caratteristiche non corrispondono a quelle che ci si aspetterebbe di trovare a bordo di un T1.

Faro anteriore a led Volkswagen e-Bulli elettrico
Faro anteriore a led Volkswagen e-Bulli elettrico

Volkswagen e-Bulli, dentro com’è?

I designer di Volkswagen Veicoli Commerciali hanno progettato ex novo numerosi elementi degli interni senza, tuttavia, perdere di vista l’esempio originale neanche per un istante. Tra le nuove dotazioni figurano i sedili con rivestimento bicolore Saint-Tropez / Saffrano Orange, in abbinamento con il colore carrozzeria.

La leva selettrice del cambio automatico è stata montata tra il sedile lato conducente e quello del passeggero anteriore all’interno di una consolle, che ospita anche il tasto start/stop per il motore elettrico.

Volante plancia strumenti Volkswagen e-Bulli elettrico
Volante plancia strumenti Volkswagen e-Bulli elettrico

Per realizzare l’intero pavimento è stato usato il legno massiccio in “stile yacht”. Questo impatto visivo viene accentuato dall’ampio tetto panoramico ripiegabile. Anche la plancia è stata accuratamente modificata. Il nuovo tachimetro, ispirato all’originale, integra ora un display a due righe, che rappresenta l’anello di congiunzione con l’era moderna. Il display digitale nel tachimetro, che è invece analogico, fornisce al conducente una serie informazioni, per esempio l’autonomia.

I LED indicano anche se il freno di stazionamento è inserito o se la spina di ricarica è collegata. Un piccolo ma raffinato dettaglio al centro del tachimetro: il simbolo del Bulli stilizzato. Molteplici informazioni supplementari vengono visualizzate su un tablet, integrato nella consolle sul padiglione.

Interni Volkswagen e-Bulli elettrico
Interni Volkswagen e-Bulli elettrico

Volkswagen e-Bulli connesso da remoto con We Connect

Tramite Volkswagen We Connect, il conducente dell’e-Bulli può anche richiamare online una serie di informazioni, relative per es. a tempo di ricarica residuo, autonomia attuale, chilometri percorsi e tempi di guida o consumo di energia incluso recupero dell’energia (rigenerazione), utilizzando un’app per smartphone o un PC e un portale web corrispondente.

La musica a bordo proviene da una radio in autentico stile retrò, ma corredata con tecnologie di ultima generazione, come DAB +, Bluetooth e USB. La radio è accoppiata a un sound system con componenti invisibili, incluso un subwoofer attivo.

Prezzo. Quanto costa l’e-Bulli vintage elettrico

Il pulmino storico Volkswagen proposto in versione elettrica e-Bullit è acquistabile con prezzi che partono da 64.900 Euro. Volkswagen eClassics offre anche conversioni basate sui modelli T2 e T3. Inoltre, eClassics propone un set di componenti per effettuare il retrofit elettrico, destinato a Concessionari autorizzati.

Vista di profilo Volkswagen e-Bulli elettrico
Il prezzo del Volkswagen e-Bulli elettrico parte da 64.900 Euro

Foto Volkswagen e-Bulli elettrico

Annunci auto usate VOLKSWAGEN

Listino auto nuove VOLKSWAGEN

💥 Avviso: per restare aggiornato e ricevere le ultime news sulla tua mail iscriviti alla newsletter automatica di Newsauto QUI

👉 Lascia un commento sul nostro FORUM!

Commenta

Tags

Redazione Web

La Redazione di NewsAuto.it è composta da un team di appassionati collaboratori, profondi conoscitori di automobili, tecnica motoristica e mercato italiano. Le prove delle auto sono realizzate da tester/piloti con strumentazione dedicata. Dello staff fanno parte giornalisti, piloti, tester, ingegneri, fotografi ed operatori video.
Back to top button
Close