FotogalleryGUIDE CONSIGLIInsigniaNews autoOpelTEST

Opel, trazione integrale on demand su Insignia

Con il sistema Twinster la trazione integrale si evolve: una perfetta distribuzione della coppia sulle 4 ruote motrici assicura la massima mobilità in ogni condizione ed uno straordinario piacere di guida sportiva anche in drifting!

MOTORE
2.0 Turbo diesel
CAVALLI
210
Velocità Max.
231 km/h
PESO / POTENZA
8,2 Kg/CV

Opel ha attualmente due modelli di auto con la trazione integrale: oltre al SUV compatto Mokka X c’è anche la Insignia dove è presente un particolare sistema per la gestione della trazione integrale con una evoluta tecnologia di trasmissione 4×4 che avevamo già provato in Francia sul circuito: si tratta del “Twinster Torque Vectoring” All-Wheel Drive (AWD) prodotto dalla GKN, una trazione integrale hi-tech di cui cerchiamo di capirne il funzionamento con una spiegazione tecnica dettagliata e l’aiuto del video illustrativo, dopo averla provata su una pista battuta di neve/ghiacchio in Austria.

Blocco ripartitore trazione posteriore Twister GDK Opel Insignia (spaccato)

Trazione integrale evoluta, Twinster

La tecnologia Twinster permette di avere una trazione integrale evoluta sulle quattro ruote, “on demand”, solo quando se ne ha bisogno in particolari condizioni di bassa aderenza, consentendo così la riduzione dei consumi nella guida normale che avviene solitamente con le 2 ruote motrici anteriori.

Twinster_opel_trazione_integrale 4x4 senza differenziale

Come funziona? Attraverso una elettronica evoluta il sistema gestisce costantemente la trazione non solo con la ripartizione della coppia tra l’asse anteriore e quello posteriore ma diversamente anche tra le due ruote posteriori, destra e sinistra, in base a diversi fattori come posizione della valvola a farfalla, angolo di sterzata e grip sulla superficie stradale come in presenza di neve, fango e ghiaccio, quando può registrarsi una differenza di velocità tra le ruote anteriori e posteriori.

MANCA IL DIFFERENZIALE POSTERIORE – Sembra un mistero, ma effettivamente non c’è il differenziale posteriore: due pacchi di frizioni collegano o scollegano i due semiassi destro e sinistro per garantire le differenti velocità in curva e fornire maggiore coppia sulla ruota posteriore più carica, solitamente quella esterna in una curva.

Come guidare in drifting?

Non c’è cosa più facile che mettere di traverso la Insignia integrale su un fondo particolarmente scivoloso come quello trovato in Austria: si è possibile guidare in “drifing” senza grandi difficoltà e con un minimo di sensibilià. La trazione integrale della Insignia permette infatti di gestire al meglio anche l’angolo d’imbardata (quello di rotazione sull’asse verticale) da “medio”, in modalità di guida “tour” ad “elevato”, in modalità “sport” con possibilità quindi di gestire al meglio traversi molto accentuati come quando si percorre una curva in completo drifting.

Opel Insignia Grand Sport bianca su neve drifting frontale 4x4 twinster drifting

Dopo aver disabilitato tutti i controlli di stabilità e trazione, siamo riusciti con l’Insignia a pennellare con grande facilità traversi mozzafiato sulla neve austriaca.

Auto a trazione integrale

Come funziona quest’auto a trazione integrale? La Opel Insignia è un’auto a trazione integrale che adotta frizioni al posto del differenziale posteriore: queste lavorano indipendentemente una dall’altra e sono in grado di variare tra lo 0 ed il 100% il valore della coppia trasmessa a ciascuna ruota. Se le due frizioni sono completamente chiuse, abbiamo una trazione integrale 4×4 come fosse permanente (cioè senza differenziale centrale) con assenza di slittamento tra asse anteriore e posteriore ed una distribuzione di coppia che può arrivare anche al 100% tutta avanti o 100% tutta dietro a seconda del differente grip a terra delle singole ruote.

Twinster_opel_trazione_integrale posteriore con frizioni senza diff

Quando le frizioni sono tutte aperte l’auto si comporta come fosse a trazione anteriore senza trazione sulle ruote posteriori. Ovviamente è l’elettronica a gestire in automatico tutte le combinazioni di comportamento anche intermedie.

Test trazione integrale Opel Insignia, foto in azione sulla neve

Ottima trazione su fondi a scarsa aderenza e piacere di guida sportiva in drifting tutto di traverso

Abbiamo verificato su quest’auto con trazione integrale che questa distribuzione variabile della trazione sulle ruote posteriori si riflette sulla guida soprattutto in curva con l’eliminazione il sottosterzo. Infatti in modalità “Sport”, il sistema trasferisce ancora più coppia alla ruota posteriore esterna dove c’è anche più grip.
Questo comporta un facile passaggio da un inizio di sottosterzo ad un bel sovrasterzo di potenza con grande soddisfazione e forti emozioni per chi è alla guida quando la guida diventa sportiva e si spinge al limite in drifting.

Opel Insignia drfting su neve 4x4

Piacere di guida integrale

Miglior controllo della vettura e migliore mobilità in situazioni critiche, questi sono i benefici della trazione integrale della Opel Insignia che è possibile averla su entrambi i tipi di carrozzeria sia sulla motorizzazione diesel 2.0 CDTI (125 kW / 170 CV) con il cambio manuale o nella versione diesel 2.0 CDTI BiTurbo (154 kW / 210 CV) con cambio automatico a otto velocità.

Il sistema Twinster della GKN Driveline utilizzato sulla Insigna è personalizzato in esclusiva per Opel e presenta caratteristiche di funzionamento differenti rispetto alle altre applicazioni su Range Rover Evoque / Land Rover Discovery Sport, Lincoln Continental, Cadillac XT5, Buick LaCrosse e Ford Focus RS.

VIDEO TRAZIONE INTEGRALE OPEL INSIGNIA TWINSTER

OPEL Insignia 2.0 BiTurbo CDTI GSI 210cv AT8 AWD caratteristiche tecniche e prezzi

Dimensioni e peso

  • Lunghezza 499 cm
  • Larghezza 186 cm
  • Altezza 149 cm
  • Passo 282 cm
  • Bagaglio 560 l
  • Serbatoio 62 l
  • Peso 1732 Kg

Motore

  • Alimentazione diesel, sovralimentato
  • Trazione 4×4 con sistema Twinster
  • Cambio automatico 8 marce
  • Cilindrata 2,0 l / 1956 cm3
  • Potenza 210 CV / 154 kW
  • Coppia massima 480 Nm a 1500 giri/min

Prestazioni

  • Velocità massima 231 km/h
  • Accelerazione 8,0 s (0-100 km/h)
  • Classe ambientale Euro 6
  • Emissioni Co2 188 g/km
  • Autonomia 900 km
  • Consumi:
  • urbano 9,4 l/100 Km
  • extra-urbano 5,8 l/100 Km
  • combinato 7,1 l/100 Km

Se sei arrivato qui in fondo sicuramente ti interessa un’auto a trazione integrale. Per questo ti consiglio di valutare bene quest’auto a trazione integrale qualora tu voglia avere la massima sicurezza di mobilità sulle strade di montagna.

POSITIVO

– Tecnologia applicata alla gestione della trasmissione
– Facilità di gestione nella guida sportiva ed in drifting
– Straordinaria mobilità su fondi con scarsa aderenza
– Elasticità del motore 210 cv biturbo

NEGATIVO

– Presenza del tunnel nel pavimento dei posti posteriori (inevitabile però per una 4×4).

Commenta

Tags

Giovanni Mancini

Ingegnere, pilota, giornalista appassionato da sempre di auto e motori. Segue la direzione di questo portale newsauto.it ed è direttore responsabile dei magazine Elaborare, Elaborare 4x4 ed Elaborare Classic da oltre 20 anni riferimento dei "car enthusiast", appassionati di tecnica motoristica, performances e guida sportiva. Nell'anno 2004 ha conseguito il titolo di Campione Italiano nel Campionato Velocità Turismo nelle gare in pista. Tra le tante auto speciali provate: la Mazda 787B vincitrice della 24H di Le Mans nel 1991.
Close
Close