4 Ore di Monza Elms La Gara

4 Ore di Monza ELMS 2017 vince l'Oreca 07 del team G-Drive guidata dall'equipaggio Roussel/Rojas/Hirakawa. La gara è stata combattuta ed incerta fino alla fine: dopo 240 minuti e 132 giri le prime tre vetture racchiuse in soli 7".

18 maggio, 2017 - Autodromo di Monza (Italia)

Si è concluso il fine settimana targato Le Mans che ha offerto, come piatto principale, lo svolgimento della 4 Ore di Monza ELMS caratterizzata da continui colpi di scena fino alle ultime battute. Ha vinto la Oreca 07 del team G-Drive grazie all’equipaggio composto dal messicano Memo Rojas, dal giapponese Ryo Hirakawa e dal francese Léo Russel.
Sul secondo gradino del podio è arrivata l’Oreca 07b Dragon Speed condotta dallo svedese Henrik Hedman, dal francese Nicolas Lapierre e dal britannico Ben Hanley. Terza la Dallara P217 High Class Racing con i danesi Dennis Andersen e Anders Fjordbach.4-ore-monza-european-le-mans-series-16
—-

4 Ore di Monza ELMS 2017  LA GARA ORDINE D’ARRIVO

 

Pos # Pilota Auto Giri Tempo Gap Pits Punti
1 22 Leo Roussel
Memo Rojas
Ryo Hirakawa
Oreca 07 132 4:01’43.628 7 25
2 21 Nicolas Lapierre
Henrik Hedman
Ben Hanley
Oreca 07 132 4:01’45.873 2.245 6 18
3 49 Anders Fjordbach
Dennis Andersen
Dallara P217 132 4:01’50.843 7.215 6 15
4 39 Eric Trouillet
Paul Petit
Enzo Guibbert
Oreca 07 132 4:02’17.608 33.980 6 13
5 47 Roberto Lacorte
Giorgio Sernagiotto
Andrea Belicchi
Dallara P217 132 4:02’38.426 54.798 6 10
6 32 Filipe Albuquerque
William Owen
Hugo Sadeleer
Ligier JSP217 132 4:02’50.013 1’06.385 7 8
7 23 Fabien Barthez
Timothé Buret
Ligier JSP217 132 4:03’22.268 1’38.640 6 6
25 Matt McMurry
Andrea Roda
Andrea Pizzitola
Ligier JSP217 131 4:00’53.285 1 giro 7
8 40 Richard Bradley
James Allen
Franck Matelli
Oreca 07 131 4:01’45.038 1 giro 7 4
9 28 Olivier Pla
Patrice Lafargue
Paul Lafargue
Ligier JSP217 129 4:02’09.986 3 giri 6 2
10 29 Jan Lammers
Frits van Eerd
Dallara P217 127 4:02’21.629 5 giri 7 1
11 19 Ricky Capo
Erwin Creed
Norma M 30 124 4:03’36.927 8 giri 3 25
12 18 Alexandre Cougnaud
Antoine Jung
Romano Ricci
Ligier JS P3 123 4:01’57.244 9 giri 3 18
13 17 Jean Lahaye
Matthieu Lahaye
Franqois Heriau
Ligier JS P3 123 4:02’24.224 9 giri 4 15
14 3 Mark Patterson
Christian England
Wayne Boyd
Ligier JS P3 123 4:02’27.679 9 giri 3 13
15 11 Giorgio Mondini
Davide Uboldi
Ligier JS P3 123 4:02’54.151 9 giri 4 10
16 13 Jakub Smiechowski
Martin Hippe
Ligier JS P3 123 4:02’54.814 9 giri 3 8
17 6 Terrence Woodward
Ross Kaiser
Tony Wells
Ligier JS P3 122 4:02’16.908 10 giri 3 6
18 7 David Droux
Antonin Borga
Nicolas Schatz
Ligier JS P3 122 4:02’27.341 10 giri 5 4
19 2 Sean Rayhall
John Falb
Ligier JS P3 122 4:02’58.781 10 giri 31.440 4 2
20 15 Alex Kapadia
Morten Dons
John Farano
Ligier JS P3 122 4:03’24.931 10 giri 26.150 4 1
21 66 Robert Smith
Jody Fannin
Jonathan Cocker
Ferrari F458 Italia 121 4:02’06.201 11 giri 1 giro 4 25
22 90 Nicki Thiim
Salih Yoluç
Euan Hankey
Aston Martin V8 Vantage 121 4:02’14.163 11 giri 7.962 4 18
23 99 Darren Turner
Andrew Howard
Ross Gunn
Aston Martin V8 Vantage 121 4:02’49.890 11 giri 35.727 4 15
24 16 Eric Debard
Simon Gachet
Theo Bean
Ligier JS P3 121 4:03’34.237 11 giri 44.347 4 1
25 51 Gianluca Roda
Andrea Bertolini
Giorgio Roda
Ferrari F488 GTE 121 4:03’36.777 11 giri 2.540 5 12
26 77 Christian Ried
Joël Camathias
Matteo Cairoli
Porsche 911 RSR (991) 120 4:01’43.998 12 giri 1 giro 4 10
27 12 Andrea Dromedari
Maxime Pialat
Max Hanratty
Ligier JS P3 120 4:02’47.196 12 giri 1’03.198 6 1
28 50 Fernando Rees
Romain Brandela
Christian Philippon
Chevrolet Corvette C7-Z06 120 4:03’40.484 12 giri 53.288 4 8
29 8 Henry Hassid
Vincent Beltoise
Lucas Légeret
Ligier JS P3 119 4:02’17.966 13 giri 1 giro 4 1
30 34 Nigel Moore
Philip Hanson
Ligier JSP217 115 4:02’51.586 17 giri 4 giri 8 1
31 4 Alexandre Coigny
Gino Forgione
Alexander Iradj
Ligier JS P3 111 4:02’53.044 21 giri 4 giri 3 1
32 10 Davide Roda
Andres Mendez
Dario Capitanio
Norma M 30 105 4:02’09.630 27 giri 6 giri 3 1
33 5 Jürgen Krebs
Tim Muller
Tristan Viidas
Ligier JS P3 102 4:02’43.159 30 giri 3 giri 4 1
 R 55 Duncan Cameron
Matt Griffin
Aaron Scott
Ferrari F488 GTE 55 1:55’20.892 77 giri ritirato 3 1
9 Maurizio Mediani
Alexander Talkanitsa Sr.
Alexander Talkanitsa Jr.
Ligier JS P3 17 1:16’32.571 115 giri Ritirato 2

4-ore-monza-european-le-mans-series-podio-14 Ore di Monza ELMS 2017 | COME È ANDATA – In pole position era la Oreca numero 39 (team Graff), guidata in avvio dal francese Enzo Guibbert (suo il miglior tempo nelle qualifiche), che mantiene la testa dopo lo spegnimento dei semafori, lasciandosi alle spalle l’altra Oreca 21, del team Dragonspeed condotta dal connazionale Nicolas Lapierre. Seguono la Ligier JS P3 numero 32 dello svizzero Hugo de Sadeleer (Dragonspeed) e la Dallara P217 numero 47 (Cetilar Villorba Corse) con Giorgio Sernagiotto. Nei primi giri risale molte posizioni la Oreca numero 40 (Graff) con il britannico Richard Bradley che raggiunge perfino la seconda posizione: si ferma poi alla prima di Lesmo, riparte ma perde numerose posizioni. Bel duello, destreggiandosi in mezzo ai doppiati, fra la Dallara 47 e la 49, quest’ultima guidata dal danese Anders Fjordbach (High Class Racing).4-ore-monza-european-le-mans-series-14All’ora di gara, è in testa de Sadeleer. Dopo varie soste ai box, a 2 ore e mezzo al termine, guida il gruppo la Oreca 21 con lo svedese Henrik Hedman, che poi perde posizioni. Prosegue il duello fra le Dallara, condotte ora da Roberto Lacorte e il danese Dennis Andersen, che vale il secondo posto. A metà gara permane un grande equilibrio fra le cinque vetture che si contendono le prime posizioni: sono racchiuse in poco più di quindici secondi. Prima è sempre un’Oreca, ma è la numero 22 guidata dal francese Léo Russel (G-Drive). Seguono la Oreca numero 21 con Hedman e la Dallara numero 47 con Lacorte. Quest’ultima, nei giri successivi, guidata da Andrea Belicchi, dopo aver fatto registrare numerosi giri veloci e dopo aver lottato anche con il portiere campione del mondo Fabien Barthez e la sua Ligier NSP217 numero 23, sale nelle prime posizioni.4-ore-monza-european-le-mans-series-22Ad un’ora dalla conclusione la battaglia è ancora apertissima, con l’Oreca numero 22 in testa. Gli ultimi 60 minuti di gara vedono un’avvincente gara a 3, fra le due Oreca (la 22 guidata dal giapponese Ryo Hirakawa e la 21 dal britannico Ben Hanley) e la Dallara numero 49 con alla guida il danese Fjordbach. Si susseguono colpi di scena a ripetizione, fra soste per rifornimento e un drive through inflitto a Hirakawa che mantiene però la testa. Fjordbach, anche per un errore alla staccata alla Prima variante, deve cedere il secondo posto a Hanley che negli ultimi tre minuti vola per riprendere il giapponese. Hirakawa fa male i conti con il cronometro e per una manciata di secondi deve effettuare un ultimo giro finale con l’inglese che lo bracca destreggiandosi fra i doppiati. Alla fine l’Oreca del giapponese passa primo sotto la bandiera a scacchi per soli 2,2 secondi. A testimonianza di una gara e di un finale mozzafiato, dopo 132 giri, le prime tre vetture sono racchiuse in soli 7,2 secondi.4-ore-monza-european-le-mans-series-2Vittorie nella categoria LMP3 per la Norma M30 del team Yvan Muller (equipaggio Capo/Creed) e nella LMGTE per la Ferrari 458 Italia del JMW Motorsport (equipaggio Smith/Fannin/Cocker).

In mattinata affollato antipasto in pitlane, con numerosi tifosi che hanno potuto ammirare da vicino box e vetture e chiedere ai piloti un autografo. E’ stato inoltre consegnato il terzo “Trofeo Gian Luca Valt”, istituito in memoria di un grande appassionato di motorsport prematuramente scomparso, alla vettura votata dal pubblico come la più bella: il premio è andato alla Norma M30 dell’Oregon Team.4-ore-monza-european-le-mans-series-9

Tutto su Pista

Tutto su Racing

Tutto su Auto da competizione

Tutto su Classifiche

Tutto su gara di durata

Tutto su Le Mans

Tutto su Monza Autodromo

Seguici su Youtube

Seguici in TV

newsautoTV logo
fiat 500 forever young su newsautoTV